GestoriCarburanti

Domenica, Jan 26th

Last update:08:32:00 AM GMT

Garante: dopo incontro petrolieri, spazi trattativa con Gestori

E-mail Stampa

L'Autorità di garanzia sugli scioperi ha incontrato oggi i rappresentanti di Unione Petrolifera, Assopetroli e Consorzio Grandi Reti, in relazione allo sciopero dei gestori degli impianti di benzina proclamato per i giorni 12 e 13 dicembre. La convocazione, si legge in una nota, si è resa necessaria per verificare i margini di una possibile ripresa del dialogo sui punti dell'Accordo siglato presso il Ministero dello Sviluppo Economico lo scorso 27 luglio e per accertare, come previsto dalla legge sull'esercizio di sciopero, se vi fossero, da parte delle compagnie petrolifere, atteggiamenti tali da determinare l'aggravamento del conflitto in corso.

Il presidente dell'Autorità, Roberto Alesse, infomera' il sottosegretario di Stato, Claudio De Vincenti, sul merito delle questioni emerse, che lasciano intravedere possibili spazi per la riattivazione di un tavolo di trattativa tra le parti e per giungere alla revoca dello sciopero proclamato.

La giornata decisiva sarà quella di lunedi 10 dicembre, nella quale le associazioni dei Gestori saranno in grado di  valutare la reale volontà delle compagnie petrolifere ad ottemperare agli impegni presi nell'accordo del 27 luglio.  La parte più importante riguarda il rinnovo degli accordi scaduti,  con l'adeguamento del margine ed il giusto riconoscimento di quel pregresso diventato imprenscindibile per la sopravvivenza di buona parte delle imprese dei Gestori.

Commenti (54)
  • ttr

    questa notizia , forse buona ma vedremo se vera e concreta e sopratutto se fatta valere , può riaccendere qualche speranza nelle vertenze generali che sono in atto. Che abbiamo ragione come categoria è fuori dubbio , che l'arroganza e lo strapotere delle compagnie è evidente è fuori dubbio , che qualcuno come l'autorità garante voglia vederci chiaro ed eventualmente sanzionare , è una novità. Che poi questo possa far accendere i riflettori dell'attenzione verso la categoria lo vedremo . Per ora incassiamo questa dichiarazione , e rimaniamo in attesa di commenti ufficiali.

    Saluti ai colleghi.

  • Anonimo  - Gestore eni

    basta dichiarazioni, impengni mai mantenuti ,protocolli ecc.
    tutti chiusi tutti a roma .
    quando ci pagheranno con puntualità e dignità come facciamo noi si puo riaprire, il margine deve essere percentuale non meno del 8%.
    in caso contrario iniziamo a bloccare anche le carte petrolifere, buoni , bancomat ecc.
    facciamogli provare il brivido di un natale e capodanno tutti a piedi.....

  • Anonimo  - Gestore eni

    dimenticavo se ci precettano svuotiamo le cisterne ..........cartello prodotto esaurito.
    non ho soldi per comprarlo caro prefetto pagamelo te.

  • Anonimo

    Non ci sono le palle per fare una cosa del genere!
    Siamo delle pecore!
    Seguiamo i pastori!
    Poi ci troviamo a guadare il fiume nel momento della piena(come adesso)e....SBANF...SPAZZATI VIA TUTTI!!!

  • mario da parma

    penso che bisognerà preparare la vaselina

  • peppe  - 8 per cento' MA PER FAVORE....

    questa dell'otto per cento è bella. Se mai odvessero concederci un margine così stellare, un paio di anni e me ne vado in pensione......siamo seri. Un margine più alto di 2 centesimi ripianerebbe tutti i mali. Ma deve essere corroborato da una immediata eliminazione o consistente riduzione dei costi bancari e da una altrettanto oculata gestione di sconti e promozioni, a carico delle compagnie e con una partecipazione minima e non troppo gravosa per le gestioni. Già così, sarebbe un sogno, con l'8 per cento,poi......

  • oleoblitz  - oleoblitz

    esattori dello stato quindi 10% ai tabaccai e noi? e noi? basterebbe il 6% ci state? si può contrattare...meglio sorridere ma sarebbe un bel sogno appunto sogno... :) :) :)

  • gest.eni

    Cari colleghi,
    stiamo con i piedi per terra.Aspettiamo e valutiamo le loro reali intenzioni che si devono basare non su parole ma su fatti concreti.
    Ricordiamoci che fino a ieri ci volevano vedere morti e indebitati.
    L'unità sindacale e la determinazione dei Gestori fanno tremare i polsi alle petrolifere,Eni in testa,che è stata la prima a fare l'iperself e a fare discriminazione di prezzo fra Gestori.
    Forza ragazzi,se siamo uniti sprigioniamo una potenza che nessuno fermerà.
    TUTTI A ROMA.

  • pippo ex per ges eni

    OOUUUUU!!!Sono 20 anni che aspettiamo e valutiamo ADESSO basta !!! Sono loro che devono venire da NOI ad accettare le ns condizioni ! FIno a ieri ci volevanoi morti ? Oggi ci vogliono falliti A eni 300 Gestori a roma nemmeno se li caga IL loro timore é perdere la faccia con i clienti SE tutti i loro dist fossero chiusi o in over provate a far pagare il gasolio a 2 euro con la multicar e poi si ride Andare a Roma come i peones in udienza dal politico di turno in queste condizioni é patetico come revocare uno sciopero un gg prima PS quando sarete in udienza dite al politico di turno che il bonus fiscale é stato lottato dai Gestori ( I PEONES )ma ne usofruiscono anche GDO POMPE BIANCHE COOP ecc per un danno di milioni SALUTI

  • mario da parma

    l'unità sindacale è indispensabile,i sindacati li fanno i Gestori,io sono in over sempre non faccio sconti,quindi non intendo sioperare per chi ritiene di vendere dei litri anche senza quadagnare ,sono c***i loro

  • raffaele eni

    abbiamo gia capito la tua posizione non importa ripeterla tutti i giorni, io faccio sciopero perche e giusto farlo, tu se vuoi rimanere aperto per raccattare qualche monetina ,fai pure

  • lesky

    Siamo in guerra, e al momento la stiamo perdendo, visto dove siamo arrivati con iperself margini calo erogati. La volontà delle compagnie, in prima fila l'ENI, è farci fuori e portare la rete ad una automazione forzata.
    Il governo lo sa e la appoggia. Lunedì, o più avanti, troveranno una soluzione di facciata, con il beneplacito di tutti sindacati compresi. Il nostro è un cammino iniziato da anni, che va verso la fine delle categoria e molti di noi (con la penna facile) non se ne sono resi bene conto. Io non credo più a niente.

  • eni

    a nessuno eni ha proposto di diventare un prestatore d' opera?

  • Anonimo

    Sì, lo ha proposto a me a 9000 euro l'anno +iva. Ovviamente mandati a cagare... ;)

  • eni

    in veneto 8000 + iva. anche in questo differenze tra i Gestori

  • massimo  - 9000+iva?

    e quali sarebbero gli adempimenti?
    2 ore al giorno?

  • Flavio

    Per 2 ore al giorno accetto immediatamente :p :grin

  • Roberto Gestore Ip

    Io dal Mese di Novembre ricevo 600 Euro mensili come contributo gestione , non sono tanti ma con il mio piccolo guadagno arrivo ad uno stipendio ... l'altra soluzione era la CHIUSURA .

  • mario da parma

    con quello che ho letto sopra pensate di fare siopero ud ottenere qualcosa ci illudiamo

  • eni

    in sintesi, devi tenere pulito l' impianto, fare gli ordini, controllare l' autobotte, compilazione registro, e chiamare la manuntezione per tutto quello che può succedere. Ma nessun obbligo di presidio e di tempo.Il self lo svuota una ditta incaricata

  • massimo  - IN POCHE PAROLE

    DEVI FARE QUELLO CHE GIà FAI ADESSO PER 700 EURO AL MESE?
    PAZZI
    PAZZI
    PAZZI
    PER CONVINCERMI A FARE UNA COSA SIMILE PRIMA MI DEVONO DARE UNA BUONUSCITA DI MINIMO 200000 EURO POI SE NE PUO PARLARE!!!!!

  • Roberto Gestore Ip

    Se riesci a fare un altro lavoro non sono male per non fare nulla praticamente ... Ragazzi comunque cerchiamo di essere onesti e diciamo che il nostro lavoro non vale praticamente Nulla , in Germania la figura del benzinaio e' gia' sparita da svariati anni , Mega impianti con svariate corsie di rifornimento senza nessun Operatore e tutti in clienti ordinatamente in coda alla cassa ... Lotteremo e resisteremo ma il futuro non e' NOSTRO , questa e' la cruda realta' ... poi se vogliamo nascondere la testa sotto la sabbia , quello e' n altro discorso ...

  • Flavio

    Qui c'è troppa gente che sogna di vedere ritornare la figura del Gestore di 30 anni fa......... Tutto li. Hai detto bene, all'estero questo lavoro come lo facciamo noi è scomparso da anni, inutile aggrapparci agli specchi.....

  • eni

    Condivido in pieno. Voler far finta di niente è un conto, o sperare di tornare ai tempi in cui gestire un' impianto economicamente dava delle soddisfazioni è pura illusione.Il mercato è cambiato. Puoi farti un' impianto e comprare il carburante o stare con le compagnie. Ma comunque solo con le benzine non si campa più, questa è la verità.I consumatori vanno dove costa meno e hanno ragione. Andreste voi a prendere un paio di scarpe dove la stessa costa 10 € in più?!!!
    Questa è la verità. Se oltre al carburante hai altre attività che girano, il prestatore d' opera può essere una soluzione

  • seooia

    ti sei firmato eni , ma sei proprio eni!! se vuoi fare il prestatore d'opera , accomodati pure , basta che fai richiesta.
    Per gli altri dico : seguitiamo a lottare , la battaglia non è finita , e di cartucce da sparare ce ne sono ancora. Quindi , anche se illusi rimaniamo determinati sulle nostre posizioni..

  • mario api ip

    credo che i Gestori tedeschi, come in altre nazioni saranno stati risarciti quando sono stati eliminati , quindi vediamo come , qualcuno sa come informarsi ? non credo sono usciti con un calcio nel c**o !!

  • gest.eni

    Che tirstezza leggere molti di questi commenti.
    Chi non sa a chi credere,deve credere in se stesso e dare un contributo alla lotta.
    Poi ci sono quelli come Mario da Parma,che per lui ogni scusa è buona per non scioperare.
    Gli fanno gola i litri che perderanno i Gestori con più senso di responsabilità

  • ex ex Gestore  - exex

    un bel giorno dell anno scorso ho scelto di diventare guardiano dell impianto poi di un altro impianto...ora ne ho cinque da badare...quindi son sempre in giro e salto da uno all altro, questo è il mio nuovo lavoro e tutto sommato non è male...penso che il vecchio modello di Gestore non è più attuale, purtroppo per tutti noi, combattiamo ancora ma è il mercato ke non ci dà più ragione e questo le compagnie petrolifere lo sanno...hanno tirato troppo la corda e ora loro stessi son nei casini, vediam per il futuro ma scusate la vedo nera...un in bocca al lupo a tutti!!!!

  • mario da parma

    X Gestore eni.Guarda che io non siopero per fare dei litri,in quanto sono uno dei pochi qui a parma che lavora in over,non siopero perchè diffendere dei colleghi coglioni come moltti dell'eni non mi và,smettano gli sconti poi ne parliamo,se non guadagnate cambiate mestiere,è da anni che sappiamo che 24000 sono troppi,e che sarebbe finita così,quindi mettetevi il cuore in pace il futuro sarà peggiore

  • amilcare da roma

    A Mario , non hai capito che scioperi per TE e non per gli altri??

  • gest.eni

    Caro exex,
    certo che è il mercato che detta le regole.Ma in Italia il mercato dei carburanti non nesiste,c'è un oligopolio.Il mercato senza concorrenza o con finta concorrenza,non è mercato.Lo dicono tutti,anche in Europa,che il mercato dei carburanti in Italia va liberalizzato.
    E non è il solo.

    Forza con la lotta.
    Tutti aRoma.

  • exexGestore  - risposta a Gestore eni

    il mercato in italia è sempre stato libero...ma non per noi Gestori per la semplice ragione ke noi tutti non siamo in casa nostra ma accettiamo solo le politiche del tuo o nostro marchio oppure fai altro non questo lavoro...come ho scelto io ma questa è un' altra storia. vedi a parte le 6 compagnie maggiori...ci son in italia anche altri raffinatori come MORATTI per esempio ma non fanno distribuzione oppure ci son depositi costieri tipo ravenna ke importano carburante dalla sud corea o dove trovano prezzo migliore (per esempio notizia apparsa su distribuzione carburanti eni acquista dalla repsol gasolio nel periodo estivo dello scontone) quindi come vedi un conto è il mecato extrarete un conto siano noi della rete sotto il giogo e al collare dei rispettivi proprietari di impianto/i comunque lasciamo stare in questo modo non si andava da nessuna parte e dispiacendomi ho scelto un'altra strada...ciao! :) :) :)

  • Gestore ENI

    Cari colleghi è giusto che sappiate il pacco regalo per il prossimo Natale che ci stanno preparando Assopetroli e Consorzio grandi reti insieme ai vertici di Faib, Fegica e Figisc.
    Il regalo consiste in un accordo per la trasformazione del contratto di comodato in contratto di commissione con una sostanziosa riduzione del margine.
    E poi ci chiedono di prepararci allo sciopero......................
    A questo, forse, punto sarebbe opportuno uno sciopero contro il Sindacati.

  • peppe  - contratto di commissione

    Confermo, i sindacati ci hanno venduto. A Gennaio il governo deciderà per tutti in favore del contratto di commissione elaborato da Scaroni e tutti noi potremo scegliere se guadagnare la metà di ciò che guadagnamo adesso e fallire economicamente oppure cedere al ricatto della mansione di semplice vigilante dell'impianto a 750 euro + iva al mese, modello Q8. Ovviamente saremo responsabili, a livello penale, di spandimenti ed inquinamenti vari, della compilazione dl registro di carico e scarico , di tutti gli aspestti fiscali dell'impianto. Ah, lo sapete che se si superano i cali ammessi , diventeremo responsabili noi di eventuali inquinamenti per omessa segnalazione? E che nei 750 euro al mese è compresa anche la reperibilità notturna in caso di emergenza? E il bello è che sarà uguale per tutti , dal chiosco da un milione di litri al megaimpianto da 7 milioni. Occhio a quello che firmate.....io comincio a cercarmi un altro lavoro.

  • massimo  - ma tu cosa confermi

    che ne sai di cosa hanno venduto i sindacati?ma venduto cosa?a gennaio il governo decidera ma tu che cosa ne puoi sapere?
    Ragazzi non inventiamoci le storielle non siamo qui a pettinare le bambole :x

  • Gestore eni

    Caro Massimo, cerca di informarti prima di difendere l'indifendibile.

  • Massimo  - Io non sto diffendendo nessuno

    Io so soltanto che ho 8 anni di contratto e se l'accordo economico che mi proporranno non mi piace non lo firmo!!!!!

  • peppe

    non c'è bisogno della tua firma, credimi. Basta la loro. Ti spiego come funziona : tu non firmi, la compagnia non ti manda la merce, tu denunci, quereli, esponi, metti in mora. L'impianto chiude , tu non puoi violare l'esclusiva, pena la disdetta automatica. Nel 2018 la compagnia sarà chiamata in giudizio , ammesso che sia ancora presente in Italia, e ti dovrà pagare. Allora ti farà un'offerta reale, poniamo pari al tuo margine da quando non ti ha mandato la merce fino a quando non hai intentato la causa : tre mesi? sei mesi? ok, mettiamo 50000 euro su un milione e mezzo di litri. E allora? Prova a chiedere conferma a un amico avvocato, non al sindacato, che ti dirà che tutto ciò e impossibile, almeno fino a quando non consegnerai le chiavi....

  • peppe  - re:
    Roberto Gestore Ip ha scritto:
    Se riesci a fare un altro lavoro non sono male per non fare nulla praticamente ... Ragazzi comunque cerchiamo di essere onesti e diciamo che il nostro lavoro non vale praticamente Nulla , in Germania la figura del benzinaio e' gia' sparita da svariati anni , Mega impianti con svariate corsie di rifornimento senza nessun Operatore e tutti in clienti ordinatamente in coda alla cassa ... Lotteremo e resisteremo ma il futuro non e' NOSTRO , questa e' la cruda realta' ... poi se vogliamo nascondere la testa sotto la sabbia , quello e' n altro discorso ...

    prova a sentire un responsabile di impianto tedesco, prima di dire cose inesatte : margine di 1,8 centesimi al litro SENZA CAPITALE, ma sul venduto, e obbligo di attività accessoria (che vuol dire BAR, TABACCHI,FARMACI DA BANCO , BIGLIETTERIE VARIE, GIOCHI E TANTO ALTRO) . Erogato impianto tedesco medio ? 6 milioni di litri. 1,8 x 6 milioni = 50000 euro puliti SOLO SUL CARBURANTE. Se pensi che il margine sui carburanti costituisce il 45 per cento del business, fatti 2 conti. Negli impianti tradizionali, dove è il Gestore a impiegare il capitale e a pagare i dipendenti, ormai in disuso come forma commerciale per i rischi che presenta, il margine è poco meno di 6 centesimi,. Sempre per 6 milioni di litri in media. Fatti ancora 2 conti......

  • Roberto Gestore IP

    Ma che paragone fai ??? Lo sai quanti impianti si dovrebbero chiudere in Italia per avere un erogato medio di 6 Milioni di Litri ??? Prima o poi ci arriveremo , ma ogni 10 impianti OTTO CHIUDERANNO !!! E comunque stai confermando quello che ho detto : IL FUTURO NON E' NOSTRO ( PURTROPPO ) ....

  • pippo

    IO vorrei sapere perche mi devo confrontare con il gest tedesco ? Solo un disinformato puo farlo tutto il resto sono cazzate IL problema é che in italia ci sono troppi distributori ? Che li chiudano ;alla scadenza del contratto fuori dalle palle MA CON CONGRUO INDENNIZZO !!!!Che fine ha fatto il bonus chiusura ?Per quanto riguarda il contratto da750 euro basta non accettarlo o MAGARI in sede sindacato ,governo renderla fuori legge Allo sciopero di 2 gg dico che é una cazzata e i clienti lo sanno ,difatti non chiedono nulla sanno dove rifornirsi LO ripetero fino alla nausea dopo 20 anni di scioperi siamo arrivati a questo punto proviamo a cambiare lotta piu tecnologica che di piazza blocchiamo i pos le carte le carte aziendali applichiamo alla lettera le leggi sulla sicurezza ecc ecc e vediamo chi la vince altro che i tedeschi !!!!!!

  • Anonimo  - re: ma tu cosa confermi
    massimo ha scritto:
    che ne sai di cosa hanno venduto i sindacati?ma venduto cosa?a gennaio il governo decidera ma tu che cosa ne puoi sapere?
    Ragazzi non inventiamoci le storielle non siamo qui a pettinare le bambole :x

    Ma di quali storielle parli? Tutti i rappresentanti locali ce lo stanno ripetendo : tutti in rotta di collisione con la dirigenza, tutti a fare distinguo e a dire "non si è potuto evitare, salviamo il salvabile" , ma alle riunioni sindacali ci andate o no? E allora, diciamocelo in faccia, la storia è finita. Il Governo, ammesso che duri fino a Natale, lascerà decidere al suo amico Scaroni, che ha già pronto il contratto di commissione per tutti noi, o in alternativa diventare portinai sottopagati. ( 8 anni di contratto? Ma che contratto ha il collega, al massimo arrivano a 6 anni, tacitamente rinnovabili SOLO se UNA della parti non decida diversamente). Solo per la cronaca, un collega q8 "esodato" per realizzare un EASY total self, a 3 anni dalla scadenza del contratto è stato costretto ad accettare ben 20000 (ventimila) euro di indennizzo : l'alternativa era quella di aspettare i cinque/sette anni di giudizio e ricavare il doppio o il triplo. Ammesso che il collega avesse le risorse economiche per pagare gli avvocati. Non mi piace parlare a vanera, se avete dati di fatto , bene. Se no, pettiniamo pure le bambole. Se il collega h aun impianto che vende 5 milioni di litri, probabilmente l'offerta di indennizzo potrà arrivare a 50000 euro. Le compagnie non regalano soldi ai Gestori, ma agli avvocati sì.

  • mirco

    sbagli strada.Le cause da fare non sono quelle civili ma dal giudice del lavoro...in 1,5 anni porti a casa qualcosa di più.....

  • gest.eni2

    Ci sono colleghi eni,CHE SECONDO ME SONO DEI FUNZIONARI ENI TRAVESTITI DA Gestori,che dicono delle gran balle.
    Sui contratti di commissione non si sa nulla perchè non è stato deciso ancora nulla.Pertanto nulla è stato venduto.
    Attenzione agli infiltrati.Mettono il carro davanti ai buoi per dividere la categoria.

    SCIOPERO E TUTTI A ROMA PER CERCARE DI SOPRAVVIVERE.

  • massimo  - infatti

    parlano come se fossero gia in possesso dei contratti!!!! :?

  • Gestore ini

    caro massimo, mandami un tuo recapito ti mando una copia.

  • massimo

    massimo.massimo658@tiscali.it
    Attendo con ansia!!!

  • Massimo  - be?

    non ho ricevuto nessun documento!!!

  • Gestore eni

    Come promesso ti ho inviato il documento.
    Consultalo poi ci fai sapere cosa ne pensi.

  • massimo

    Aspetto ancora

  • Gestore eni

    ti confermo l'invio del file avvenuto alle ore 20:43, il messaggi ad ora, risulta inviato ma non aperto né letto.

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie