GestoriCarburanti

Domenica, Dec 08th

Last update:08:32:00 AM GMT

Carburanti, dura presa di posizione di Assopetroli sul credito di imposta

E-mail Stampa

assopetroli assoenergia“Sorprendente e contraddittoria” l'interpretazione dell'Agenzia delle Entrate
Staffetta Quotidiana - Assopetroli prende una dura posizione in difesa del credito di imposta sulle transazioni con carta per i gestori di punti vendita carburanti, chiedendo un confronto urgente con l'Agenzia delle Entrate e il Mef “per la definizione di una soluzione alternativa coerente e sostenibile per gli tutti gli attori della distribuzione retail”.

Sulla questione i rappresentanti dei gestori hanno già proclamato uno sciopero per il prossimo 6 febbraio. Il presidente di Assopetroli, Andrea Rossetti, parla senza mezzi termini di un atto “sorprendente e contraddittorio”, chiedendo di rimediare al più presto: “occorre – si legge in una nota – che Governo e amministrazione approfondiscano e rimeditino questa posizione che contrasta non solo con le fondatissime aspettative della categoria, ma con le stesse finalità d'interesse generale del provvedimento”.

Il punto è la risoluzione dell'Agenzia delle Entrate n. 3/E del 14 gennaio, con la quale l'amministrazione è intervenuta sul credito di imposta del 50% sulle transazioni effettuate tramite sistemi di pagamento elettronico, che spetta agli esercenti degli impianti di distribuzione carburanti. La risoluzione stabilisce che tale credito di imposta “dovrebbe ora inopinatamente essere calcolato solo sulle commissioni applicate alle transazioni effettuate con clienti titolari di partita Iva”. Tagliando fuori le transazioni fatte dai privati, sottolinea Assopetroli, il credito di imposta si ridurrebbe nei fatti di circa la metà.

Rossetti ricorda che “il credito d'imposta fu concesso agli esercenti degli impianti carburante sulla base di un accordo politico molto chiaro tra l'allora Governo e le rappresentanze della filiera, tra cui Assopetroli-Assoenergia, nel dicembre 2017. L'accordo aveva una duplice finalità: primo, riparare all'ingiusta penalizzazione che subiscono gli esercenti per via di commissioni sulle carte di credito sperequate, poiché notoriamente gonfiate dal peso della fiscalità sui carburanti. Secondo, ridurre l'uso del contante, incoraggiando la diffusione della moneta elettronica e la tracciabilità dei pagamenti”. Nella nota, Rossetti sottolinea che “né il citato accordo, né tantomeno la norma, prevedevano di limitare il credito fiscale alle sole transazioni fatturate elettronicamente. Lo attesta, tra l'altro, anche la nota di lettura della Legge di bilancio 2018 che afferma espressamente che “concorrono alla formazione del credito di imposta sia le transazioni effettuate dalle famiglie, sia quelle effettuate dalle imprese”. Proprio considerate queste finalità – conclude Rossetti – è sorprendente e contraddittorio che ora si pensi di restringere l'ambito di applicazione del credito in modo così drastico e penalizzante. Ciò rischia di tradursi in un danno e in una beffa per gli esercenti dei punti vendita a cui va il nostro pieno sostegno”.

“Retisti e gestori – è l'appello di Rossetti – hanno bisogno di semplificazioni e di coerenza del quadro normativo, non di continue complicazioni e cambi di direzione. La richiesta di scorporare le commissioni dei privati da quelle delle partite Iva presenta, all'atto pratico, difficoltà oggettive pressoché insormontabili”.

Per gentile concessione di Staffetta Quotidiana 

Commenti (7)
  • Cypher

    La richiesta di scorporare le commissioni dei privati da quelle delle partite Iva presenta, all'atto pratico, difficoltà oggettive pressoché insormontabili”.

    Assopetroli ha perfettamente ragione e quella frase riassume tutta la politica economica fin qui subita..essndo praticamente impossibile....è come dire ve l'abbiamo messa nel c..o di nuovo.... :( :( :( :( :( :( :( :(

  • Anonimo

    Quindi ,non essendo d'accordo con le politiche statali ,anche assopetroli parteciperà allo sciopero invitando i Suoi iscritti a parteciparvi ?
    Assopetroli non è quella associazione nelle qui file ci sono centinaia di POMPE BIANCHE ? O sbaglio ? Non è che dei Gestori non gli importa nulla ,Ma essendo i retisti Gestori voglia fare loro le nostre rimostranze e far dimezzare le spese pos ai lora associati ? ?
    Sinceramente vorrei sbagliare .

  • Federico

    A caval Donato non si guarda in
    Bocca......Se assopetroli ci aiuta
    Ben venga

  • giovaeni

    si però se si sciopera che tutti lo facciano e che si spengano anche i self e tutto. gli impianti fermi e che nessuno eroghi niente. altrimenti è inutile.

  • Kazunori

    Si accettano scommesse sulla percentuale di adesione allo sciopero... :grin :grin

  • Federico

    Loro diranno all'85x100 ma in
    Realtà saremo il 55x100 ad
    Aderire.....ognuno ha una scusa
    Buona....io chiudo !!!!

  • Alex

    Quando tutto sarà andato male,
    sarà stato uno splendido giorno passato con la famiglia.
    Non avremo rubato niente a nessuno,
    mah, sarà anche un esempio per dimostrare alla massa dei clienti che meritiamo rispetto perché siamo uomini.

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie