GestoriCarburanti

Mercoledì, Jun 26th

Last update:08:32:00 AM GMT

Gestori Esso della Liguria: Situazione sempre piu' grave con la nuova proprieta' E.G.

E-mail Stampa

fabio bertagnini“Abbiamo raggiunto un accordo con Euro Garages, nuova proprietaria del marchio Esso nella nostra regione e non solo, al prezzo di sacrifici economici e non, con la rinuncia ad oltre 11000 euro di guadagni previsti dal precedente accordo con Esso per gli oltre 1700 punti vendita di Liguria, Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Sardegna, Calabria, Sicilia e parte del Veneto e alla riduzione generalizzata dei margini - afferma Fabio Bertagnini, Presidente Faib-Confesercenti di Genova -.

Nonostante questo, gli impegni presi da Euro Garages non vengono rispettati, nonostante gli incontri e i tavoli che si susseguono da oltre un anno. Nessuno degli investimenti promessi, nero su bianco, è stato realizzato, anzi in molti casi la manutenzione degli impianti è estremamente carente, se non assente.

Il malessere ormai dei colleghi è forte e tangibile – prosegue Bertagnini - anche perché ai ritardi sul versamento delle note di credito per gli sconti accordati sul servito da Euro Garages, fermi ormai ad ottobre, dal primo gennaio si è aggiunto il blocco degli accrediti delle vendite effettuate tramite carte carburante Esso Card. Parliamo di una cifra tra i 10 e 12 mila euro per impianti la cui clientela ha un basso utilizzo, per arrivare ad impianti che erogano l’80% con Esso Card ed aspettano a questo punto oltre 100 mila euro di incassi, venendo in questo modo letteralmente messi in ginocchio dalla situazione.

Per questo i gestori degli impianti stanno cominciando a rifiutare il pagamento con carte Esso, generando forti disagi per la clientela. E’ del tutto evidente – conclude Bertagnini – che questa situazione è diventata insostenibile, Euro Garages deve cambiare passo e mantenere gli impegni presi, altrimenti non c’è futuro”.

Commenti (8)
  • rigetto

    Fabio Bertagnini, Presidente Faib-Confesercenti di Genova

    1700*11000*20% bei soldini

  • mario da parma

    io ho chiesto una riunione a parma per discutere dei vari problemi ed eventuali iniziative,richiesta fatta in novembre ma non ho ricevuto nessuna risposta come pure ritengo sia da discutere il nuovo contratto di commissione che ci rende tutti schiavi,spero se i responsabili di parma e regione se leggono le lamentele sia diano una mossa

  • Anonimo

    Si deve scioperare ad oltranza è l'unica soluzione,abbiamo il coraggio di farlo? Altrimenti il resto sono solo chiacchere.

  • Massimo

    Chi dei Gestori Esso / EG sta benee , la situazione è così come da voi in tutto il resto d'Italia? Chi di voi sarebbe disposto a creare un nuovo sindacato per far valere i nostri diritti? Sospendiamo le Esso Card, Payback, Buoni Pellegrini ecc.. Chi di voi accetta i buoni Pellegrini con il self ad esempio? E chi di voi da i punti con il Self anzichè il Servito? Perchè qui da me funziona così, ci facciamo concorrenza tra Gestori Esso e non verso altre bandiere. Con i margini accettati da ultimo rinnovo contratti non ce la si fa più! Chi sta meglio è chi ha altre attività correlate al PV, ma non mi dite che pagate i dipendenti con le reali buste paga! (Vedi Gestore servizio Le Iene)

  • pippo

    Prendete il sig Fabio Bertagnini ,fategli mandare una mail a tutti i p v EG ,Fategli convocare delle assemblee ,decidete uno sciopero ad oltranza ,pretendete tutto il dovuto .Vedrete come correranno i sig della EG Siete 1700 p v ,circa 2500 persone e questi manco VI cagano ,Vuol dire che non fate forza ,vuole dire che il sindacato non fa paura ,Vuol dire che il sindacato non fa il suo lavoro
    Leggo che tutti si dovrebbero dare una mossa ,ma se la mossa non ce la diamo noi ,pensate veramente che qualcuno faccia quello che dovremmo fare noi ?
    Qualcuno vorrebbe fare un sindacato BENISSIMO !!! Manda lil tuo indirizzo con mail e telefono ,dicci dove dobbiamo trovarci inizia TU perché, vedi ,fare l eroe e mandare avanti gli altri è facile Siete 1700 p v ,gli altri non stanno meglio e si accoderebbero subito Basta aspettare il messia
    In Francia hanno iniziato in 100 sono arrivati in 300 mila ,a volte basta copiare iniziando dal sindacato

  • mario da parma

    a tutti non serve fare un nuovo sindacato serve unire negli intenti quelli che già esistono e sono anche troppi,serve che i compagni di sventura,specialmente alla luce del nuovo contratto depositato al ministero,siano uniti come lo eravamo negli anni 80

  • fw14  - COMPENSAZIONE


    Non vi pagano le transazioni
    COMPENSATE
    FACILE SVEGLIAAAAAAAA

  • ernesto

    IL solito bla bla bla, come ha detto qualcuno , cominciamo con le carte petrolifere, 1° assemblea con le tre federazioni 2° stabilire il giorno di partenza della protesta, e non fare come al solito " il collega non accetta le carte, così lavoro più io " la dobbiamo finire , ecco come siamo ridotti con quella mentalità, ed ascoltare di più i sindacati, se ognuno di noi si cura il suo orticello e finita .
    RICORDATE UNA COSA , CHE LE GUERRE LE VINCONO I GENERALI CON L'ESERCITO DIETRO , IL SINDACATO SENZA NOI DIETRO LE GUERRE SI PERDERANNO SEMPRE . come sta succedendo.

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie