GestoriCarburanti

Sabato, Jan 25th

Last update:08:32:00 AM GMT

Troppa benzina, gestore multato

E-mail Stampa

Presunzione di acquisto in nero. Parin: "Non è vero, lo affiancheremo"
Treviso - Benzinaio multato per presunzione di acquisto in "nero" dato che nel suo impianto la Guardia di Finanza ha rilevato che c'era più carburante di quanto dichiarato. 

"Ma è fenomeno noto che la benzina aumenta di volume con il freddo", ha spiegato Moreno Parin, presidente del gruppo Gisc, (gestori impianti stradali di carburante, in pratica il sindacato di categoria), "abbiamo deciso di affiancare questo gestore in tutto l'iter giudiziario fino alla commissione tributaria provinciale se fosse il caso. È un caso diffuso ormai: ne chiederemo conto anche al Ministero delle Finanze".

È accaduto un paio di mesi fa: nel corso di un normale controllo gli agenti della Guardia di Finanza avrebbero multato un benzinaio perché nei suoi impianti risultava esserci troppa benzina rispetto a quella fatturata. Era scatta la multa (per acquisto in nero). "Ma era tutto in regola. Il fenomeno è noto: la temperatura influisce sul volume di benzina e gasolio. Con il caldo diminuisce e con il freddo aumenta", continua Parin, "ma è capitato a molti di essere multati ingiustamente. Non è un attacco alla Guardia di Finanza, che opera seguendo la legge, ma al Ministero delle Finanze che non la modifica come invece è già accaduto in Svizzera".

Questo problema (assieme a molti altri) sono stati al centro dell'assemblea che ha chiamato a raccolta i benzinai del Gisc lunedì sera a Ca' del Galletto: sono 220 quelli iscritti, sui 330 presenti complessivamente in provincia di Treviso. "Altro problema è quello legato alle onerose tariffe dei Pos: la legge ha stabilito che sotto i cento euro non si paga la commissione, le banche hanno aggirato il problema facendo pagare ai benzinai stessi il costo del servizio. Nel corso dell'assemblea abbiamo deciso che saremo costretti a trasferirlo sul cliente, o si azzerano completamente i margini di profitto". Ma non sono solo queste le emergenze: sul piatto anche le nuove norme per la pubblicizzazione dei prezzi del carburante e le nuove ipotesi contrattualistiche con le compagnie petrolifere. 

Fonte: Tribuna di Treviso

Commenti (32)
  • Anonimo

    NO COMMENT... LA FIGURA PIU MONGOLOIDE DEL MONDO? IL Gestore SECONDO ME !!!! :)

  • Anonimo  - QUALCOSA NON TORNA!!!

    :? :? Che il volume della benzina aumentasse con ilfreddo,lo sento dire adesso...Io ho sempre saputo 'l'esatto contrario,che il volume della benzina aumenta con il caldo!!!!
    In questo articolo c'è un errore e bello grosso!!!

  • Anonimo

    :grin si è proprio vero :grin
    è ovvio che aumenta con il caldo e cala con il freddo.
    Dovrebbero portare alla finanza una tanichetta da 5lt in plastica, andarla a riempire con 3 lt di benza e lasciarla un po al sole. Così vedono con i loro occhi che magicamente si riempie da sola. Ma tanto non ci crederebbero comunque. Verremmo bruciati al rogo come stregoni nel medioevo.

  • Anonimo

    che aumenti o diminuisca poi le multe le fanno sempre a noi!!!!!!!
    ....il nostro sedere è sempre pronto......
    RIPARTI COL C..O!!!!

  • Moreno Parin  - Capite che la stampa non sempre capisce?

    alll'anonimo che dice che qualcosa non torna dico di leggere i giornali con un po di conoscenza, noi tutti, forse, sappiamo benissimo che i carburanti aumentano di volume con l'aumentare della temperatura del prodotto e viceversa calano con il raffreddamento ovvero calano in cisterna con l'estate e aumentano d'inverno, ho ben spiegato al giornalista il concetto ma se pensi che anche i benzinai faticano a capirlo... allora capirai che tutto torna alla perfezione.

  • gest,eni  - per Moreno

    Ti ho più volte fatto una domanda ma non mi hai mai risposto.
    RITENTO:
    Tu hai detto su questo portale che la Triade non farà mai causa alle petrolifere anche se ci sarebbero tutti presupposti.(ad es.mancanza di rispetto delle leggi,norme e regolamenti e verbali d'intesa sottoscritti)
    La mia domanda è questa:
    PERCHE'LA GISC NON METTE IN PIEDI UN POOL DI AVVOCATI ESPERTI DEL SETTORE PER FARE QUESTA BENEDETTA CAUSA ALLE PETROLIFERE?
    SONO CONVINTO CHE MOLTI Gestori SULL'ORLO DEL BARATRO(QUASI TUTTI)ADERIREBBERO SENZA IL BENCHE'MINIMO DUBBIO.
    Sarebbe una bella opportunità per Gisc per avere più visibilità e più associati.
    Che ne pensi?

  • Moreno Parin  - per gest,eni

    la risposta potresti anche dartela da solo: i schei!

    Un pool di avvocati costa una montagna di soldi che noi non abbiamo, invece noi abbiamo quello che riteniamo un bravo avvocato che conosce il settore e che ben ci supporta e difende in tribunale i Gestori e fa cause alle compagnie.

    Noi non abbiamo i soldi che arrivano dal Cipreg!!!

  • IP IP

    NEL ARTICOLO PARLA DI ECCEDENDE , MA NON DICE QUENTE ERANO ? SICURAMENTE NON ERANO POCHI LITRI MA TROPPI PER MULTARLO ....

  • Moreno Parin  - per IP IP

    le eccedenze rientrano nelle tolleranze di legge per quello che riguarda le Accise ma è stata applicata la presunzione di acquisto in nero ai fini della normativa IVA, noi non la pensiamo come la GDF e ci siamo presi in carico la questione con tutti i ricorsi possibili e totalmente a nostre spese, il Gestore ci metterà solo la firma senza cacciare un centesimo comprese le eventuali sanzioni se non dovessero darci ragione.

    Il problema non è il numero di litri ma il concetto, se passasse sarebbe un disastro per i Gestori, sia per le eccedenze che per le deficienze, poi qualcuno dice che se ti applicano la presunzione di vendita/acquisto in nero puoi sempre dimostrare che non è vero ma per farlo devi appoggiarti a un consulente preparato che comunque ti presenterà il conto, ecco perché è il sindacato che si deve far carico di un problema di carattere generale, noi lo facciamo e gli altri????

  • Roberto Gestore IP


    Oltre il danno la beffa ... Adesso la tolleranza nelle verifiche della Gdf vale soltanto ai fini delle accise , ma di fatto anche per 10 Lt di eccedenza siamo multati e la sanzione minima e' 250 € circa , e' successo alla fine di Gennaio' : Tutto OK con le tolleranze ma adesso sto aspettando il verbale delle agenzie delle entrate perche' ero fuori di 40 Lt ... Praticamente tutte le volte che vengono a controllare e' una multa SICURA perche' e' impossibile essere precisi al Litro !!! E' successo anche a voi ???

  • mario da parma

    io ho preso la multa perche ero fuori tolleranza in difetto ,avedo le cisterne molto fredde i carburanti diminuiscono anche in inverno ,molto meno che in estate,io faccio le temperature delle cisterne e dello scarico tutte le volte

  • per Moreno Parin

    Caro Moreno,
    Certo che ci vogliono gli schei.
    La risposta era insita nella domanda però.

    Se si fa una causa collettiva portata avanti dal vostro valido avvocato con l'ausilio di un altro avvocato altrettanto bravo era chiaro che le spese dovevano essere ripartite fra i Gestori che aderivano.
    E visto che nessuno si muove lasciando la possibilità alle petrolifere di fare quello che vogliono infischiandosene di tutto e di tutti le adesioni sarebbero parecchie.Non ci sarebbero soldi spesi meglio.
    Dire al Gestore vessato"fai causa"lo si isola e lo si espone a tutti i ricatti della petrolifera.
    Le risposte che date ai Gestori vi rendono tutti uguali,compreso voi della Gisc.
    Il sindacato non si deve limitare a fare il cronista raccontando le malefatte delle petrolifere e informando i Gestori dei fallimenti quotidiani dei colleghi.
    Fare un sciopero o andare a Roma con i tamburi cosa ha cambiato?
    Lo dico a te come alla Triade URLANDO:
    CI STANNO PORTANDO TUTTI AL FALLIMENTOOOOOOOO!!!!!!!!!
    Fate qualcosa che faccia l'interesse della categoria.

  • Lorenzo  - Non si possono fare cause collettive tra Gestori

    Non mi stancherò mai di dirlo.
    La normativa italiana prevede le cosiddette class action solo per i consumatori, le loro associazioni e i loro consorzi... e basta.
    I Gestori devono fare cause singole, magari con l'aiuto dei sindacati...
    L'ideale sarebbe individuare una o due cause pilota a livello regionale per poi usarle come grimaldello ai tavoli con le Compagnie.
    C'è un problema che va al di là del costo della causa...
    I tempi, per una causa a una compagnie per il mancato riconoscimento dei cali carburanti ad un ex Gestore (il Gestore ha perso per difetti formali sulla comunicazione cali prima di passare ad altra compagnia e oil giudice di primo grado non ha accolto le motivazioni del Gestore che invocava il maggior danno rispetto alla compagnia) ci sono voluti circa tre anni!!!
    Poi è vero che ci vuole un avvocato che conosca il settore motlo bene.
    Fra tre anni il rischio è di finire tutti "guardiani".

  • Moreno Parin  - causa collettiva?

    come pensi di fare una causa collettiva se ci sono Gestori che hanno paura di un banale sciopero di colore? L'unica forma di protesta che farebbe male alla compagnia di turno.

    Comunque la causa collettiva non la puoi fare, nel nostro piccolo facciamo quello che possiamo, il nostro "potere" ci deriva solo da quanto i Gestori vogliono metterci la faccia.

  • Un Gestore Agip

    Lorenzo ti sei risposto da solo ... le loro associazioni... se la triade volesse compresa la GISC, aderente a Confcommercio quindi costola della Figsc, potrebbero fare causa tranquillamente alle società petrolifere come e quando vogliono perchè ci sarebbero tutti i presupposti ma fa molto comodo sedersi ai tavoli e gozzovigliare assieme oppure sparare sempre contro senza risolvere nulla. Meditate cari colleghi se non ci uniamo subito e facciamo una grande protesta siamo finiti.

  • Moreno Parin  - per Un Gestore Agip

    Puoi pensarla come meglio credi sulla GISC ma per favore non dire che siamo una costola della Figisc, tu non hai la più pallida idea su quanto hanno provato a farci sparire, poi noi ai tavoli proprio non ci vogliono, e la scusa è sempre la stessa: noi trattiamo solo con la Triade!

  • Nicola  - buongiorno

    Sig. Parin le faccio gli auguri di riuscire a far qualcosa per questa categoria di falsi colleghi e veri nemici. Sono associato confcommercio e vorrei togliermi dall'iscrizione automatica dalla schifezza della figisc ma in sede mi fanno mille problemi e mi hanno detto che per togliermi dalla figisc devo dare disdetta anche come socio confcommercio. E' chiaro che è una balla, mi può spiegare come fare?
    Grazie

  • Moreno Parin  - per Nicola

    si, è una balla, mettigli sotto il naso la disdetta alla Confcommercio e vedrai il miracolo all'istante, fatto già da qualche collega, però aspetta qualche giorno che magari ti associ a qualcosa di nuovo

  • Nicola

    Grazie!! non so perchè tutti si lamentano ma però non si tesserano alla Gisc.................siamo come gli operai, buonano e angioletti li fregano in tutte le maniere ma loro pagano lo stesso la tessera.
    ciao

  • peppe  - in ogni caso, il cetriolo è sempre nostro !!!

    a me hanno elevato una contravvenzione di circa 9000 euro per i cali, regolarmente annotati nel registro e liquidati dalla compagnia, con tanto di note credito in acconto e a saldo. Ogni fine anno , in sede di consegna dei prospetti all'Utf di Napoli, l'impiegato mi comunica che i cali sono troppi e che riceverò senz'altro la visita della Gdf, cosa che avviene regolarmente. In media le sanzioni mi portano via circa la metà delle liquidazioni dei cali, In media supero il 5 per mille su benzina e il 4 per mille sul gasolio, arrivando in un anno solare a toccare i 25000 litri di calo. LA sanzione media è tra i 7 e i 9000 euro. Sto aspettando quelle per il 2011 e il 2012. Inutile dire che il ricorso è totalmente inutile, ci ho provato una volta nel 2007 e ho dovuto tirare fuori il doppio....

  • Moreno Parin  - Per Peppe

    Qualche anno fa un collega di un'altra provincia veneta ha si è ritrovato un verbale con la contestazione di cali regolarmente annotati, più o meno come te, assistito da noi si è opposto, la prima memoria difensiva alla GDF è stata rigettata, la seconda, all'Agenzia delle Entrate, rigettata su parere della GDF che aveva elevato la contestazione, la terza, ovvero il ricorso alla Commissione Tributaria, non è andato a sentenza perché l'Agenzia delle Entrate ha fatto una retromarcia con i fiocchi, il ricorso lo abbiamo pagato noi e personalmente ho seguito passo passo la stesura del ricorso fatto da un professionista che, da persona seria, ci aveva detto che non ne capiva molto di carburanti conseguentemente ha chiesto il nostro aiuto, molto tempo ben speso da parte mia. Naturalmente il ricorso basta copiarlo aggiornandone i numeri e il nome del Gestore, e la copia in nostro possesso la custodisco personalmente, nostro è stato il lavoro e nostri i soldi spesi e lo useremo solo ed esclusivamente per i nostri associati.

  • Andrea IP  - re: in ogni caso, il cetriolo è sempre nostro !!!
    peppe ha scritto:
    a me hanno elevato una contravvenzione di circa 9000 euro per i cali, regolarmente annotati nel registro e liquidati dalla compagnia, con tanto di note credito in acconto e a saldo. Ogni fine anno , in sede di consegna dei prospetti all'Utf di Napoli, l'impiegato mi comunica che i cali sono troppi e che riceverò senz'altro la visita della Gdf, cosa che avviene regolarmente. In media le sanzioni mi portano via circa la metà delle liquidazioni dei cali, In media supero il 5 per mille su benzina e il 4 per mille sul gasolio, arrivando in un anno solare a toccare i 25000 litri di calo. LA sanzione media è tra i 7 e i 9000 euro. Sto aspettando quelle per il 2011 e il 2012. Inutile dire che il ricorso è totalmente inutile, ci ho provato una volta nel 2007 e ho dovuto tirare fuori il doppio....

    Scusa la domanda..ma 25000 litri in un anno?? non è che ti sia scappato qualche zero in più? se me ne mancano 500/600 per prodotto è già tantissimo per me

  • Un Gestore Agip

    ... giustamente non vi vogliono ai tavoli visto che non siete firmatari di nessun accordo e finchè state all'interno di confcommercio che è anche della figisc non vedo come possa essere il contrario ...

  • Moreno Parin  - per un Gestore agip

    guarda che è la figisc all'interno di Confcommercio, quanto ad essere firmatari di accordi forse è una fortuna....

  • Anonimo

    Mi sembra che ci sia anche la gisc o sbaglio? in quanto ad essere firmatari di accordi se per lei va bene tenersi sempre da parte, per dopo contestarli ....

  • Moreno Parin  - per anonimo

    mi sa che non hai capito un accidente, tu forse non conosci bene le persone su cui pontifichi, io e altri colleghi agli incontri ci andremo più che volentieri, solo che avremmo il difetto di presentaci con delle proposte nero su bianco e l'eventuale si o no sarebbero relazionati e spiegati per filo e per segno, non è nel nostro DNA nasconderci dietro puerili scuse.

    Lunedì pomeriggio abbiamo passato due ore al Comando Provinciale della GDF, non ci siamo presentati a mani vuote ma con un bel po di documentazione e, nel caso ci fosse bisogno di altro, con il PC nella borsa, e si è ben vista la differenza tra l'essere pronti o meno.

    La GISC_TV e VE è il sindacato dei Gestori aderenti alle Ascom Confcommercio delle relative province e siamo orgogliosi delle realtà locali di Confcommercio. La Figisc non ci riguarda.

  • Anonimo  - re: re: in ogni caso, il cetriolo è sempre nostro
    Andrea IP ha scritto:
    peppe ha scritto:
    a me hanno elevato una contravvenzione di circa 9000 euro per i cali, regolarmente annotati nel registro e liquidati dalla compagnia, con tanto di note credito in acconto e a saldo. Ogni fine anno , in sede di consegna dei prospetti all'Utf di Napoli, l'impiegato mi comunica che i cali sono troppi e che riceverò senz'altro la visita della Gdf, cosa che avviene regolarmente. In media le sanzioni mi portano via circa la metà delle liquidazioni dei cali, In media supero il 5 per mille su benzina e il 4 per mille sul gasolio, arrivando in un anno solare a toccare i 25000 litri di calo. LA sanzione media è tra i 7 e i 9000 euro. Sto aspettando quelle per il 2011 e il 2012. Inutile dire che il ricorso è totalmente inutile, ci ho provato una volta nel 2007 e ho dovuto tirare fuori il doppio....


    Scusa la domanda..ma 25000 litri in un anno?? non è che ti sia scappato qualche zero in più? se me ne mancano 500/600 per prodotto è già tantissimo per me

    13000 di super e 12000 di gasolio , su circa cinque milioni e mezzo di litri. Nessuno zero scappato, questo è. Nella mia provincia (Napoli) è quasi la norma. Conosco chioschi da 1 milione di litri che hanno cali superiori ai 7/8 mila litri.

  • anoninimo

    Chiedi alla ditta di autotrasporto dove vanno a finire... prima di diventare pompa bianca avevo gli stessi problemi ...ora su sei milioni di litri di erogato cali giacenza circa 1.200 litri ta benzine e gasolio!!

  • gest.eni  - per lorenzo

    Tu dici che non si possono fare cause collettive,non sai allora che la Fegica sta organizzando una class action.

    O no?

  • giovanni  - cali

    All'inizio dell'anno, siamo tutti quanti fuori tolleranza. Il freddo fa figurare lo scaricato inferiore a quello che è realmente, poi nelle cisterne, più calde, torna tutto. Ma c'è sempre un eccedenza. L'estate, succede l' inverso. Risultano scaricati sempre più litri di quelli reali, litri che poi nelle cisterne, in quel periodo più fredde poi mancano. Comunque, alla fine dell'anno poi, qualcosa manca sempre, ma sempre in tolleranza. Mi sembra strano che peppe abbia scritto che lui ha sempre quei cali, e che nella sua provincia sia normale per tutti. Controlli gli scarichi? Controlli che l'erogato sia regolare ed in regola con quanto segnato sulla poma? Fai giacenze settimanali con riscontro di presenza anche di acqua? Le botti che ti scaricano hanno il contalitri o sono kilolitre o volumetriche? Se lo fai, e nonostante tutto hai ancora cali, fidati, o hai delle perdite nelle cisterne o nelle tubature, o qualcuno ti sta fregando. Con perdite di tale portata, non ci sono alternative.

  • Feddy

    Con ordine sig. Parin.
    1) Il carburante è aumentato (di norma) perchè forse è stato scaricato troppo freddo. Nella cisterna interrata si è riscaldato ed è aumentato di volume (questa è la tesi da intavolare ).
    2) Quando ci sono questi fenomeni, il Gestore è tenuto a denunciare l'accaduto ed a pagare solo la differenza delle accise (cioè quasi tutto).
    Bisogna comunque registrarlo sul registro U.T.F. Rendere il tutto chiaro e trasparente (capita molto raramente. Ogni tanto che capita lo dobbiamo anche denunciare? )
    3) Sono stato messo in condizioni di lasciare l'impianto da parte dei segugi della società (alias C.C.Z.): per gli avvocati tutti ho le carte in regola per denunciare ed impostare una causa. Nessuno si offre gratis a rappresentarmi e ad aver diritto alla parcella di convenuto dopo l'avvenuta causa vinta. Sono comunque un iscritto ad un sindacato ed ho sempre aderito alla quota di partecipazione annuale
    NON C'E NESSUNO CHE MI VUOLE RAPPRESENTARE. NE CONOSCI TE QUALCUNO? MI FAI IL SUO NOME?
    Sicuramente sarà difficile anche per te trovarlo.
    MI RISPONDA PER CORTESIA E NE FACCIA UN PROBLEMA DI TUTTI !!!!!!!!!

  • Anonimo  - carburante

    quando metti benzina in parekki distributori la pompa carburante...si sente frullare rumorosa prima di pomparla sull'auto....esce carica di bolle d'aria...skiumosa...tutto questo frullare(a parte i miei maroni)non aumentera' per caso il volume erogato.

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie