GestoriCarburanti

Giovedì, Dec 12th

Last update:08:32:00 AM GMT

Presidenza Provinciale Faib Roma, prioritario garantire redditività ai gestori

E-mail Stampa

La Presidenza della Faib di Roma, riunitasi per discutere i contenuti del Decreto Monti sulle liberalizzazioni, licenziato dal Parlamento e la posizione assunta dal Coordinamento Faib e Fegica rispetto alle iniziative assunte dall’Eni, dopo ampio e approfondito dibattito sugli aspetti normativi e dei contenuti, in cui non sono mancati momenti di confronto a tratti anche aspri, all’unanimità ha deliberato quanto segue: 

La categoria, consapevole del momento di crisi generalizzato del Paese, sottolinea che sugli impianti si vive un momento drammatico per le proprie economie e le prospettive del settore e delle gestioni. Un disagio profondo che si traduce in un malessere che mai ha raggiunto livelli come quello attuale. Il prezzo dei carburanti alle stelle, il calo dei consumi, l’aumento generalizzato dei costi, la mancanza di certezze economiche derivanti da accordi economici scaduti e disattesi dalle compagnie petrolifere, le pressioni e atteggiamenti vessatori esercitati nei confronti della categoria da diverse direzioni, costituiscono un insieme di fattori che determinano condizioni davvero difficili come mai prima era accaduto.

Occorre che la Faib rafforzi le proprie attività contro l’iniziativa Eni che minaccia il presente ed futuro delle gestioni. Le iniziative promosse da questa azienda, prima fra tutte quella di far partire l’Ipersef H24, rappresentano un colpo economico mortale alle gestioni e rischiano di trascinare con se tutto il settore, impoverendo ulteriormente i gestori.
Per queste ragioni la Faib di Roma ritiene necessario svolgere una profonda e attenta opera di contro informazione verso le gestioni, intraprendere iniziative di lotta della categoria Eni contro queste iniziative e con la solidarietà di tutta la categoria, senza escludere ricorsi a scioperi di colore e manifestazione eclatanti di protesta.

Occorre, infine aprire un tavolo di confronto serio e approfondito sulle future forme contrattali ed economiche con l’insieme delle compagnie petrolifere e allo stesso tempo, non escludere il ricorso ad una vertenza nazionale contro Eni che, di fatto, ha avviato una iniziativa senza un adeguato confronto e la necessaria concertazione, salvo convocare le parti per illustrare, mentre erano già ampiamente in corso le raccolte delle firme delle singole gestioni, su una iniziativa definita in tutte le sue parti.

Il Decreto convertito in Legge dal Parlamento, conclude la Presidenza, apre a nuove forme di affidamento degli impianti che riconoscano un ruolo più imprenditoriale ai gestori, sia sulla parte oil che quella non oil. Questo è l’orizzonte che secondo la Faib di Roma dobbiamo continuare a perseguire nell’interesse della categoria, perché un futuro della distribuzione carburanti italiana passa attraverso un ruolo strategico del gestore/imprenditore che, se posto in queste condizioni, saprà fare le scelte opportune e necessarie. L’oil è più che mai un tema economico e normativo aperto, vista da un lato la dinamica sulla formazione dei prezzi consigliati dalle compagnie petrolifere e i prezzi reali di acquisto nel cosiddetto mercato extra rete, che si traduce negli sconti praticati sugli impianti senza bandiera petrolifera.

Fonte: Faib.it

Commenti (7)
  • forza Gestori

    cari Gestori sono uno di voi,non preuccuapatevi fuori non ci butterano mai,perchè siamo i loro soldati,quello che ci preoccupa e la percentuale con l'aumento della benzina i consumi sono diminuiti tanto il guadagno anche, e le tasse sono elevate,l'unica speranza e quella della percentuale,se noi aderiamo uno sciopero lungo abbiamo delle possibilità se no saremo finiti,almeno non dobbiamo guadagnare il misero 0.039 millesimi al litro ma di più,questa e una lotta che insieme possiamo farcela.ciao.............

  • Anonimo

    si. sono daccordo. ma come facciamo ad organizzarci se finora nn ci siamo riusciti? diamoci una mano tutti insieme i sindacati ci aiutino immediatamente e concretamente

  • api ip

    sciopero? e chi fa da portandiera , qui da come ho capito ognuno tira l'acqua al suo mulino...
    sciopero si ma senza i sindacati , a loro basta prendere le mazzette .. sciopero forzato ...

  • Un Gestore Agip

    Perchè non si comincia a valutare l'ipotesi di deninciare l'eni per abuso di posizione dominante visto che o firmi o ti tolgo tutti gli sconti.

  • fabio  - x Gestore agip

    sono d'accordo con te anche perchè ci viene incontro le nuove normative della liberalizzazione ed è il momento di far correre la lepre ( detto contadino: una volta corre il cane e una volta corre la lepre). forza signori sindacalisti è il momento di agire ( anche perchè sono d'accordo che le trattative le devono fare i sindacati SERI e la FIGISC questa volta deve guardare perchè di danni ne ha fatti troppi). ma squeri e la sua banda non li destituiscono. averli come responsabili sindacali è come darsi calci sui c....oni

  • G.L.

    Serve una azione unica! In questo momento i sindacati dovrebbero agire all'unisono con un solo obiettivo. Adesso gli strumenti ci sono. Sono dell'opinione già espressa in un altro articolo che se non ci si riesce adesso ad ottenere qualcosa di buono non ci sarà un altra occasione nel breve periodo. Servirebbe allo scopo un gruppo di Avvocati o esperti del settore che facciano da tramite e che assicurino la correttezza delle trattative. Naturalmente questo team deve essere assoldato da noi Gestori. Lo sò che è difficile ma serve chi ci tuteli da chi ci dovrebbe già tutelare. Chi conoscesse persone degne di fiducia e preparate farebbe bene a segnalarlo così che tutti noi potremmo iniziare una "Class Action" dove difendere i nostri interessi.

  • Anonimo

    si fa presto. se i sindacati continuano a nn tutelarci e a difenderci il piu possibile da questa situazione, smettiamo di pagare la tessera cosi quando anche loro cominciano a sentire che mancano i soldini per avere la poltrona sotto il c**o o ci iniziano a tutlare o partono. vedrai che si svegliano sti stronzi

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie