GestoriCarburanti

Giovedì, Feb 20th

Last update:08:32:00 AM GMT

La protesta della Fegica Sicilia a Messina

E-mail Stampa

Nella mattinata di martedi la Fegica Sicilia ha manifestato davanti la prefettura di Messina, al termine della manifestazione una delegazione del sindacato dei Gestori e stata ricevuta dal Prefetto Alecci.
Le richieste formulate sono state esposte in un’audizione presso la 3’ commissione attività e produzione di Palazzo dei Normanni. In particolar modo i Gestori aderenti alla manifestazione, espongono i punti che ritengono essenziali affinchè la categoria possa uscire da una crisi che li vede sempre più coinvolti visto l’aumento del costo dei carburanti.

A chiarire la posizione del sindacato di categoria ci ha pensato il Segretario regionale della FEGICA CISL Antonino Munafò che ha sottolineato "come l’aumento dei carburanti sia un vero e proprio attacco alla mobilità collettiva. La benzina è schizzata ad un livello insopportabile che sfiora i 2 euro al litro  - ha dichiarato Munafò – l’impossibilità di acquistare a questi prezzi ormai impraticabili, crea non solo il malcontento dei gestori, costretti a pagare di più le compagnie, ma risulta un vero e proprio attacco alla mobilità collettiva visto il prezzo che poi raggiunge il carburante alla pompa".

Proprio il prezzo dei carburanti ha spesso provocato il dibattito sulla reale messa il pratica dello Statuto regionale, che provocherebbe una sensibile diminuzione del prezzo dei carburanti, viste le numerose presenze di raffinerie nel nostro territorio con tutte le sue conseguenze “l’attuazione reale dello Statuto –sottolinea Munafò – provocherebbe una sensibile defiscalizzazione e andrebbe applicato in un concetto di sano federalismo. Qui in Sicilia raffiniamo il 40% del greggio nazionale eppure abbiamo i prezzi più alti, i tassi bancari più alti e la maggiore difficoltà di accedere al credito. Facendo così lo Statuto è diventato quasi una palla al piede”.

Per questo - ha concluso Munafò - noi chiediamo d’intervenire sulle accise e di azzerare i costi sulla moneta elettronica come bancomat o carte di credito”. Naturalmente il paragone, con le tematiche toccate dalla rivolta del Movimento dei Forconi, sorge quasi spontaneo ma Munafò spiega le differenze “con le proposte e le richieste del Movimento dei Forconi ci sono delle differenze, visto che – sottolinea Munafò – nel nostro caso i gestori devono acquistare obbligatoriamente il carburante con lo scarto di 4 centesimi lordi; quando invece ci dovrebbe essere l’opportunità di acquistare il carburante a prezzi più bassi sul mercato provocando naturalmente una diminuzione del prezzo alla pompa”.

Commenti (0)
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie