GestoriCarburanti

Sabato, Jan 25th

Last update:08:32:00 AM GMT

Disdetto l’accordo cali, Eni fa firmare la qualità del prodotto ai Gestori

E-mail Stampa

Poco più di un mese fa, l’ENI, coprendosi con motivazione tanto tendenziosa quanto indimostrata secondo cui «da verifiche effettuate dall’azienda si è evidenziato come solo una parte dei cali denunciati dai gestori dei punti vendita a marchio eni/Agip sottoposti a verifica sia attribuibile a fenomeni termici», comunicava alle Organizzazioni di Categoria la formale ed unilaterale disdetta dell’accordo sui cali, risalente al 14.11.2005 [si veda FIGISC ANISA NEWS N. 10 del 19. 03.2013].

Queste rispondevano giusto un mese fa, mettendo in rilevanza che la disdetta aziendale si configurava come «atto estremamente grave - primo e unico non solo nelle specifiche relazioni tra Azienda ed Organizzazioni di categoria ma persino in tutto il settore - che purtroppo conferma l’approccio aziendale tenuto in questi ultimi anni e ripetutamente denunciato dalle scriventi, improntato alle iniziative unilaterali e a far trovare la controparte sindacale sistematicamente di fronte all’atto compiuto, sempre più spesso in aperto contrasto con gli Accordi sottoscritti in applicazione delle leggi speciali che regolano il settore».

Si noti, per inciso, che l’Azienda non ha in ogni caso rispettato, secondo l’accordo vigente [ossia non ancora disdetto] i tempi perentori, fissati al mese di febbraio, per la liquidazione del rimborso dei cali di giacenza relativi all’anno 2012: invece dei denari, in sostanza, ha «erogato» ai Gestori la disdetta!

Su questa linea si inserisce ora la richiesta ai Gestori di sottoscrivere una dichiarazione sul DAS, che suona esattamente in questi termini:

«Dichiaro [dovrebbe attestare il Gestore] di aver ricevuto la documentazione fiscale prevista, nonché di avere constatato di persona l’assenza di acqua od impurità nella merce sopra descritta e di aver ve-rificato la corrispondenza dei prodotti con-segnatimi»

Ora, rimane il fatto che una simile dichiarazione, qualora sottoscritta al Gestore [e l’Azienda infatti subdolamente l’ha fatta apporre sul documento che serve proprio a ricevere il prodotto] rappresenta né più né meno che un discarico di responsabilità, sia per i rapporti tra compagnia ed impianto, sia nei confronti di terzi, sulla qualità del prodotto effettuato da ENI in capo ai suoi Gestori, con ciò pretendendo di tacitare ogni pretesa di questi ultimi derivante da contestazioni sul prodotto e di addossare, sempre a questi ultimi, ogni onere diretto ed indiretto in conseguenza [e mettendo, per inciso, una lapide tombale sul riconoscimento dei cali].

Senza una preventiva condivisione tra le parti [Azienda ed Organizzazioni di Categoria e NON tra Azienda e singolo Gestore], che prenda in esame sia la questione di un eventuale nuovo accordo sui cali – posto che quello attuale esplica ancora i suoi effetti giuridici e legali in caso di contestazione [quanto meno sino alla sua disdetta] -, nonché della questione sulla responsabilità della qualità del prodotto [che non può che essere a carico del fornitore], intanto QUELLO CHE L’AZIENDA IMPONE DI FIRMARE SU DAS NON PUÒ ESSERE FIRMATO DAL GESTORE NEI TERMINI PROPOSTI DA ENI.

Considerato che in data odierna FIGISC ha formalizzato all’Azienda una nota di contestazione, LA SOTTOSCRIZIONE DEL DAS DEVE ESSERE INTEGRATA DAL GESTORE CON LA SE-GUENTE POSTILLA:

«PER GLI EFFETTI DELLA PRESENTE SOTTOSCRIZIONE SI FA RIFERIMENTO ALLA COMUNICAZIONE INVIATA DA FIGISC AD ENI IN DATA 18 APRILE 2013»

Tratto da  Figisc Anisa News N°13/ 2013

Commenti (10)
  • piero bell

    ma quando inizieremo ad alzare le mani? a me sembra che stiano cercando lo scontro fisico.

  • Mirco

    continuate a firmare....continuate......firmate la vostra condanna.Il fatto è che ci sono Gestori convinti che 666,00 auro al mese per fare i guardiani del self sia un affare.......ma voi credete che i clienti poi vengano a lavare la macchina entrinino numerosi al bar e allo shop.....illusi.

  • DONATO I I

    EEEHHH PERSE ANCHE LE CORNA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! :grin :grin :grin :grin :grin :grin

  • Anonimo

    EnteNazionaleInculate

  • Anonimo  - 

    concordo con Piero, ci vogliono le botte, ormai, purtroppo con simili bestie a 6 zampe non ci può più essere altra soluzione.

  • anonimo

    le botte metaforicamente.........................

  • luigi

    troppe zampe bisogna incominciare a romperne un pò

  • Alex  - Denuncia alla GdF

    Nel mesedi Febbraio e Marzo, quando hai Gestori, gli veniva consegnato un prodotto talmente tan contraffato da tappare i filtri alle colonnine, ed il tutto si può constatarlo dalle chiamae effettuate alle ditte di anutenzione.
    Il Gestore in quel preciso itante al posto di dimenarsi per fare il possibile a far lavorare 'impianto fino al arrivo dela manutenzione, doveva giustamete DENUNCIARE l'azienda, perchè gli aveva consegnato un prodotto non conforme.
    Così, da fare in modo che gli organi di competenza potevano intevenire per controllare se era dovuto ad una quantità superiore a quella consentta di miscela di bio diesel o ad altre cause da accertare.
    GLI ERRORI SONO SEMPRE FIGLI ORFANI

  • milo  - extrarete

    Il Gestore garantisce il prodotto?? Allora lo compra in extrarete, con tantodi certificazione.

  • Gestore eni  - non ci resta che piangere

    per poter attestare che il prodotto e privo di impurità e di acqua la società deve mettere a disposizione del Gestore un laboratorio di analisi istantaneo per poter affermare che la quantità è esatta mi deve dotare di un chilolitro campione da dove far passare il prodotto consegnatomi per quanto riguarda i cali mi deve dotare di un densimetro cosi da consentirmi di rapportare il volume del prodotto caldo consegnatomi al volume effettivo dopo un pò nei serbatoi cosa gravissima che nessuno indice azioni di protesta contro un azienda che si permette il lusso di sfruttare e mortificare una categoria

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie