GestoriCarburanti

Lunedì, Aug 19th

Last update:08:32:00 AM GMT

FIGISC ANISA CONFCOMMERCIO: LE BANCHE “SCIPPANO” LA GRATUITÀ DELLE CARTE DI PAGAMENTO

E-mail Stampa

DA GENNAIO IMPEDITO L’USO DELLA MONETA ELETTRONICA

Sono passate pochissime settimane dall’approvazione della legge di stabilità 2012, che prevede la gratuità per venditore ed acquirente delle transazioni inferiori a 100 euro in moneta elettronica nel circuito della distribuzione dei carburanti dal 1° gennaio 2012, ed il sistema bancario reagisce mandando la disdetta a tutti i benzinai dei contratti che regolano questo tipo di pagamento. Dal 1° gennaio, dunque, non solo per i consumatori non sarà possibile usufruire di quanto previsto da una legge approvata dal Parlamento nazionale, ma sarà impossibile fare rifornimento con un bancomat o una carta di credito”.

È la denuncia di Luca SQUERI, Presidente Nazionale di FIGISC, e di Stefano CANTARELLI, Presidente Nazionale di ANISA, le organizzazioni di Categoria dei benzinai, rispettivamente, della rete stradale e della rete autostradale aderenti a Confcommercio, che segnalano come in questi giorni le banche stiano mandando ovunque nel territorio agli operatori associati le disdette dei contratti che regolano l’uso della moneta elettronica.

Abbiamo scritto al Governo per segnalare questa situazione” annuncia il Presidente ANISA, Cantarelli “e per richiedere che si attivi per contrastare immediatamente una condotta che creerebbe un gravissimo disagio agli automobilisti e per richiedere l’adempimento delle norme di legge.

Mentre tutti sostengono che l’incentivazione dell’uso della moneta elettronica è una delle misure di contrasto alla criminalità che colpisce questo settore a causa delle ingenti quantità di contanti che ogni giorno sono presenti sugli impianti,” precisa Squeri “mentre sta emergendo un forte indirizzo per la diffusione di questo mezzo di pagamento come misura per la tracciabilità dei flussi monetari ed il contrasto all’evasione fiscale, il sistema bancario manda un forte segnale negativo e mette fuori gioco questo sistema di pagamento in un intero comparto commerciale .

Commenti (18)
  • PABLO

    SCUSATE, MA NON E QUELLOO CHE VOLEVAMO,
    NON ACCETTARE PIU CARTE DI CREDITO E BANCOMAT ?PER UNA VOLTA CHE LA BANCA CI AIUTA NON VI VA BENE.BHO.. NIENTE CARTE E BANCOMAT NIENTE COMMISSIONI.EVVIVA.

  • anonimo

    guarda che il motivo principale per cui le carte di credito non sono ben viste quale mezzo di pagamento è per l'elevato costo che ne deriva e non per simpatia o antipatia! tolti i costi restano il mezzo di pagamento più sicuro per la nostra categoria

  • vincenzo

    Cosi piu contanti piu rapine ecc. ecc.e non dico altro, perche mi fa paura. La gratuitità delle operazioni con carte di credito e bancomat, è legge dello stato, e le leggi vanno rispettate da tutte le parti, e non sono a propria discrezione.

  • Luca

    io ho un impianto totalerg e pos setefi che a sua volta e' legata con contratto a totalerg...nn credo che in questo caso sia molto facile dare disdetta...rischierebbe di nn beccarsi piu' nn solo le commissioni ma anche i canoni che ora totalerg paga x tutti gli impianti e nn credo siano noccioline...

  • matteo  - Grazie luca

    grazie luca della solidarietà! tu credi di non avere il problema perchè sei erg e del resto chi se fotte??
    bravo e grazie a questi ragionamenti egoistici di guardare solo il propio orticello che la categoria è piazzata così

    grazie da parte dei 22500 Gestori non erg

  • luca

    scusami Matteo ma non era questo il senso del mio messaggio..
    ho fatto solo un esempio che si potrebbe adottarre anche per altre compagnie petrolifere..
    se le aziende che gestiscono i pos creano difficolta' penso si possa ovviare esattamente come ha fatto totalerg,sottoscrivendo lei stessa un accordo con una di loro...in fondo il mancato utilzzo di questo strumento di pagamento crea danni non solo a noi Gestori ma anche alle compagnie petrolifere..sono sempre litri venduti in meno..
    Non era certo mia intenzione vantarmi..

  • Moreno Parin  - Sveglia popolo di benzinai!

    Ma davvero c'era qualche benzinaio che ha pensato che le banche accettassero una imposizione bella e buona senza attuare le contromisure? a nessuno passa per la testa che si è entrati a gamba tesa in un rapporto tra privati? Ed è perfettamente inutile gridare allo scandalo per una asserita violazione della legge, non so in che modo saranno scritti i nuovi contratti ma se il canone dell'uso del pos, e del sottosistema informatico dedicato alle transazioni bancomat e carte di credito passasse anche a 500 euro al mese le banche non violerebbero nessuna legge visto che la legge parla della gratuità delle operazioni di pagamento ma non del servizio dato dalle banche, sottigliezze giuridiche più che sufficienti per non violare nessuna legge. Questo succede quando si vogliono i servizi gratuiti, siccome i benzinai vogliono essere bravi nel non far gravare sui consumatori i normali costi di gestione la prendono sempre in quel posto, chiedete a un qualsiasi commerciante dove vanno a finire le commissioni che paga sulla moneta elettronica. Quello che mi da fastidio è che dal prossimo primo gennaio i Gestori Trevigiani che applicano una commissione sulle operazioni bancomat e carte di credito non potranno più farlo, questo è sicuro perchè su questo la legge è chiara.

  • Giank

    Moreno, hai ragione al 100%.
    Non so come finirà, ma sono sicuro che quella norma è stata fatta in fretta e male e senza tenere conto delle conseguenze. Nessuno poteva seriamente illudersi che le banche ci avrebbero dato i pos e l'assistenza per farci un favore e non dimenticate che le compagnie emittenti le carte ci anticipano gli importi che incassano il mese successivo. Voi lo fareste gratis? Quella norma andava compensata con qualcosa che facesse gravare i costi su tutti gli attori: banca, Gestore, cliente in modo da non pesare troppo su nessuno di essi e favorire così ugualmente l'utilizzo. Ma forse qualcuno aveva troppa fretta di far fare bella figura a qualcun altro.....

  • Anonimo  - daccordissimo

    Sono completamente daccordo da quanto detto da Parin e Giank, fate solo un po' i conti di quanto ci costano annualmente le transazioni dei pos, a me personalmente quasi 2000 € annui adesso a chi costera' molto di piu' a chi molto meno pero' manteniamo un promedio di 2000€ annui moltiplicateli per 25000 impianti e voila' i conti sono fatti.
    Mi chiedo solo chi avrebbe mai creduto che le banche si sarebbero fatte scappare un giro di tanti milioni di euro annui, ma forse Squeri pensa che ancora beviamo il latte con il biberon o ci succhiamo il dito mahhhhhhhhhhh.

  • pablo  - occasione d'oro

    ma santo iddio,fino a poco tempo fa si parlava sul forum di non accettare piu carte di credito e bancomat x via delle commissioni alte,adesso che ci viene proposto su un piatto di argento la possibilità di non prenderle più perche a disdetarle sono proprio le banche vi lamentate.
    benvengano le disdette e aplichiamo la volonta delle banche, non ACCETIAMO PIU CARTE DI CREDITO E BANCOMAT una occcasione cosi non ci capitera piu.

  • roberto

    forse tu pablo non capisci un emerito C....O .... noi non vogliamo pagare le commissioni , non e che non vogliamo i pagamenti elettronici , magari tutti pagassero con carta ," senza commisioni " meno contanti e meno rischi , Qua ci arrivi santo iddio !!!!!!!!!!

  • p.a.b.

    Facciamo due considerazioni la prima è che finalmente qualcuno ha detto che le commissioni vanno tolte.
    Detto questo la seconda di conseguenza è che le banche non possono disdettare un bel nulla
    pena una bella denuncia in commissione europea dove le sanzioni che rischiano vanno oltre al danno
    che effettuano non solo all'esercente danneggiato ma sopratutto al cliente bancario, al consumatore.
    Non sta a me poi suggerire o peggio a decidere se inserire un canone ad ogni pos per coprire le spese di manutenzione
    o assistenza che in ogni caso sarà sempre inferiore alle cifre che ora si pagano di commissioni totali annue.
    Prepariamoci ad una bella vertenza contro gli istituti bancari e credo che questa volta
    anche le associazioni dei consumatori saranno dalla nostra parte.
    Ultima cosa mi chiedevo ma tutti i politici dei vari colori inseriti dentro i consigli di amministrazione delle banche
    da che parte stanno?? in fondo la legge l'hanno approvata loro.

  • Gestore eni

    ricordate le commissioni di massimo scoperto....sono state tolte.
    le banche oggi le chiamano DISPONIBILITà DI CASSA....
    SCONFINAMENTO TEMPORANEO......ECC....
    percio è inutile parlare bisogna agire o gratis oppure guerra ma tutti ,se ci disdettano rischiano loro (sono mica scemi)
    sicuramente ci rifileranno quache convenzione o adeguamento da firmare ed il gioco è fatto (percio occhio di questi tempi quando siamo di fretta in banca perchè la bella cassiera sorridente ti dirà ASPETTA MI METTI UN PO DI FIRME SUL QUSTI FOGLI )

  • Marcello Fornaro  - Per p.a.b.

    ma hai letto l'articolo? Lo stato ha dichiarato che le commissioni devono essere gratuite, le banche ovviamente, conti alla mano, potranno naturalmente o disdettare, in quanto sconveniente, o aumentare i canoni, e tutto in maniera oltremodo lecita. Che vuoi andare a fare alla commissione europea? Che se sono tutti banchieri!! In questi anni di eurolandia si è pensato solo a fare l'euro senza creare le basi sociali di una comunità. comunque a me non è arrivato ancora niente, e aggiungo che dato il mio milione e mezzo di venduto, le commissioni le spalmo con 2millesimi di over, ancora posso...

  • Giank

    Non diciamo castronerie. Chi può impedire alle banche di chiederci un canone che alla fine va a coprire le commissioni che gli vengono a mancare? Vogliamo anche fare una legge che le obblighi a darci i pos ad un "equo canone"?
    La verità è che lo Stato non può intromettersi in una trattativa privata favorendo una parte a discapito dell'altra.
    Io credo che avremmo dovuto imporci come categoria forte del fatto che vende un bene indispensabile e che quindi non ha bisogno di essere spinto con agevolazioni relative ai mezzi di pagamento. Quindi una nuova trattativa con commissioni molto ridotte per noi e l'applicazione di una commissione supplementare a chi ora non la paga. 20 cent in più per il cliente non rappresentano nulla, per noi, a fine anno, sono migliaia di euro.

  • p.a.b.

    Vedi fornaro sarebbe interessante sapere che succede in europa e quanto sono le commissioni sul carburante
    che effettuano ai colleghi oltralpe oppure siamo solo a prenderci schiaffi per pensioni e altro?
    allora io ti dico che se disdettano il pos hanno sanzioni quindi sono d'accordo con chi dice che si inventeranno qualcosa
    oppure possiamo mettere pos di banche europee, basta per una volta essere categoria! almeno una volta

  • donato quaranta  - coccodrilli

    Cari colleghi qualcuno sa spiegarmi cosa è cambiato dal 17 novembre le ns sigle sindacali si erano spaccate chi scioperava chi no chi non scioperava diceva che avevamo vinto su vari fronti, i fatti smentiscono 1) bonus fiscale, il bonus è stato confermato così come era inoltre non è ancora chiaro come verrà attuato sembra che dovremo anticipare noi e poi dedotto al successivo poi se prima per arrivare alla soglia di 1000033.00 euro con deducibilità 1.1% ci volevano 800000 litri di erogato ora ne bastano 600000 quindi anche il bonus a perso di valore come i ns margini 2) carte di credito ma veramente credevate che le banche da soggetti privati che sono avrbbero digerito quel decreto legislativo? questa per i vincitori per gli scioperanti ovvero faib e fegica mi sanno dire cosa è cambiato per loro??? ha già e vero non c'è più Berlusconi non sanno chi combattere adesso con la scusa che lo fanno per noi poveri Gestori. sveglia non facciamoci manipolare dai bambocci politici nascosti dietro le vesti del sindacato c'è crisi ma solo per noi lavoratori.

  • PABLO  - PER ROBERTO

    forse sei tu che non capisci un C...O .le commissioni le pagherai sempre in un modo o in un altro,le banche non ti regalano nulla , quindi se hai un po di intelligenza dovresti capire che l'unica soluzione per non pagare commissioni e non prendere moneta eletronica ,PIRLONE .

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie