GestoriCarburanti

Venerdì, Nov 15th

Last update:08:32:00 AM GMT

Sciopero benzinai: governo, petrolieri e banche veri ed unici responsabili di file e disagi impianti chiusi a partire dalle 19.00 di oggi

E-mail Stampa

File e disagi ai distributori di carburanti ovunque in Italia: una situazione davvero odiosa -denunciano in una nota congiunta le Organizzazioni di categoria dei gestori, Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio- sia per quanti debbono fare rifornimento, sia per coloro che in quegli impianti ci lavorano.

I responsabili di tutto questo -deve essere chiaro- sono assolutamente individuabili.

Da una parte le grandi e potenti lobby dei petrolieri e delle banche che si rifiutano ostinatamente di ottemperare agli obblighi di legge; dall’altra un Governo che ha alzato le mani di fronte a tali palesi violazioni, senza avere la forza di far rispettare né gli impegni sottoscritti in sede ministeriale, né le norme che il Governo stesso ha partorito, come il decreto “cresci Italia”.

In questo contesto -prosegue la nota congiunta- Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio si rivolgono alla Commissione di Garanzia per lo sciopero nei pubblici servizi perché voglia verificare, come ha preannunciato, le gravissime responsabilità oggettive che compagnie petrolifere e banche hanno nell’aggravamento della vertenza che ha portato allo sciopero e, quindi, in ultima analisi, ai disagi che la collettività e gli automobilisti stanno subendo già prima che la chiusura degli impianti abbia inizio.

Infine, Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio annunciano di avere chiesto al Presidente della Camera, Gianfranco Fini, di ricevere una delegazione di quanti manifesteranno domani, 12 dicembre, primo giorno di sciopero, in Piazza Montecitorio, allo scopo di informare il Parlamento delle violazioni delle norme che il Parlamento stesso ha approvato.

Commenti (4)
  • andrea

    movimentiamo milioni di euro e ci pagano meno di un operaio.-
    io mollo tutto e me ne vadooo

  • marin massimiliano  - fare benzinaio e un lavoro da schiavi

    sono il figlio del Gestore marin mario sotto la ditta tamoil di fiesso d'artico(ve)sfortunatamente sono invaso da Gestori che non vogliono aderire lo sciopero, perche sono contenti a lavorare per niente, come devo fare per non lavorare per niente, pultropo sono costretto non chiudere per non perdere clienti
    marin massimiliano

  • gest.eni  - per marin

    Marin,
    con quali motivazioni i tuoi colleghi non vogliono scioperare?

  • Ernesto  - Bello sciopero!!!

    Sono titolare di un impianto ed ho sempre appoggiato i miei Gestori negli scioperi che ritengo ben strutturati, ora mi domando come mai il mio Gestore con contratto di comodato e con le classiche condizioni sindacali oggi è chiuso e l'unico impianto eni con contratto iperself nella zona è puntualmente aperto? Sono così belli tali contratti da convincere i Gestori a lavorare anche durante gli scioperi? Avevo capito che una delle motivazioni principali fosse il contrasto a contratti AICO ed iperself24? Allora mi ero sbagliato, d'ora in poi anche noi retisti-proprietari dovremmo adeguarci a contratti simili. Loro vendono tirando il margine ai Gestori ed i loro Gestori ci rubano le vendite anche durante gli scioperi.

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie