GestoriCarburanti

Lunedì, Nov 18th

Last update:08:32:00 AM GMT

Gestori convocati al Mef per credito d'imposta e commissioni pos. Congelate iniziative di protesta

E-mail Stampa

mefLe Associazioni dei Gestori sono state convocate per martedì 5 febbraio alle ore 12,30, presso il Ministero Economia e Finanze dal Sottiosegretario Bitonci, per cercare un'intesa sul problema del credito d'imposta sulle commissioni per la moneta elettronica

Faib, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio hanno, quindi, deciso di “congelare” sia lo sciopero, che l’avvio dell’iniziativa -programmata per domani 1° febbraio- che avrebbe portato all’emissione della fattura elettronica solo per i rifornimenti carburanti pagati con bonifico anticipato o assegno circolare. Resta, comunque, alta la tensione e anche lo stato di agitazione soprattutto nel fatto della questione della fattura elettronica che sta mettendo in ginocchio la categoria.

Resta, comunque, alta la tensione e anche lo stato di agitazione soprattutto nel fatto della questione della fattura elettronica che sta mettendo in ginocchio la categoria.

Ricordiamo che tutto nasce dal fatto che le categorie dei gestori di carburanti erano giunte a definire all'interno della precedente finanziaria un rimborso del 50% in termini di credito di imposta sul transato proveniente dai pagamenti con carte di credito. Un provvedimento motivato dal riconoscimento che la categoria era sottoposta ad un maggiore livello di commissioni bancarie collegate alle transazioni con carta di credito. Si era trattato di un accordo unico, raggiunto dopo 15 anni di trattative, tenuto conto dei costi già ampiamente sostenuti e dei limitati ricavi.

A seguito di quel provvedimento la monopolista Nexi, nel 2018, ha cominciato a raddoppiare il peso delle commissioni senza che né il Mef né l'Antitrust trovassero qualcosa da dire, nonostante le ripetute segnalazioni delle categorie. La beffa è che oggi questo provvedimento (il rimborso), è stato cancellato senza darne motivazione, sotto forma di circolari ed emendamenti nascosti nel mucchio di quelli collegati alla conversione del decreto semplificazioni. Quindi la categoria si è trovata, non solo nella situazione precedente al provvedimento ma con l'aggravio dell'aumento delle commissioni di Nexi e oggi con i costi dell'introduzione della fatturazione elettronica che, è vero, incidono su tutte le attività, ma in particolare su questa che ha calcolato di produrre circa 4/5.000 fatture all'anno.

La vicenda della fattura elettronica è solo l'ultimo degli adempimenti che sono stati letteralmente gettati addosso al Gestore, e alla sua esigua marginalità (3 centesimi LORDI litro).

Un concetto giustamente ribadito anche alla trasmissione Quarta Repubblica, dove hanno partecipato (in studio) il vice presidente Faib, Pino Sperduto, e tramite il servizio l'onnipresente (bisogna pur dargliene atto) presidente della Gisc_ TV Moreno Parin. Entrambi pronti, davanti agli occhi increduli del giornalista Porro, a ribadire come siano insufficienti quei 3 cent litro di margine a minacciare una sopravvivenza grazie sopratutto agli oneri amministrativi (in primis dai costi delle commissioni POS, Carte aziendali ecc).

Alla trasmissione era presente l'onorevole Gianfranco Librandi che ha dichiarato che presenterà un apposito emendamento per evitare che l’intera operazione fattura elettronica ricada sui gestori carburanti. Di fatto non avrebbe già dovuto ricaderci, ma nel mentre che fare ??

Prendere una commissione sulla fattura elettronica secondo il commercialista Daniele Tumietto che scrive su Agendadigitale.eu sarebbe "irregolare". "Si tratta di comportamenti discutibili". Anche non emetterla, sempre secondo Librandi, sarebbe irregolare . “Nel commercio al dettaglio la fattura elettronica, è da emettere solo a richiesta del cliente”. E’ quindi vietato non emettere fattura elettronica e chiedere soldi in virtù di ciò. Un comportamento simile, spiega Tumietto, “è contro le vigenti normative e si configura come omessa fatturazione”. L’obbligo di fatturazione elettronica è stato introdotto, dal 1 gennaio 2019, con la legge di bilancio 2018. E’ irregolare inoltre chiedere soldi per la fattura elettronica e i comportamenti in questo senso possono essere segnalati alle competenti autorità di vigilanza. A tal proposito il Decreto del Presidente della Repubblica del 26/10/1972 n. 633 all’articolo 21 recita: “Le spese di emissione della fattura e dei conseguenti adempimenti e formalità non possono formare oggetto di addebito a qualsiasi titolo”.

Il collega Fiornetino ripreso dalle telecamere nascoste di “Quarta Repubblica” lo ha detto chiaramente “se lei viene qui a fare 20 euro di benzina e paga con la carta di credito, noi siamo a rimessa”. Un altro collega Veneto ha dichiarato “sul carburante non ho margine di guadagno e quindi sono costretto a mettere quell’euro e cinquanta di oneri amministrativi”.

Moreno Parin, presidente benzinai Confcommercio di Treviso, ha provato a spiegare il perché: “L’errore da parte dello Stato e dei rappresentanti dei gestori è quello di non avere considerato i costi aggiuntivi che i benzinai hanno con la fatturazione elettronica”.

A rendere, se possibile, più grottesca la vicenda, il fatto che il rimborso da prima concesso sotto forma di detrazione fiscale compare comunque nella dichiarazione dei redditi e viene perciò tassato. Dunque il Gestore paga il servizio per la fatturazione elettronica, paga per incassare i pagamenti con carta e paga anche le tasse su un rimborso mai ottenuto. Davvero incredibile.

Commenti (4)
  • rigetto

    chiedessero di ritornare al grande MONTI

  • Kazunori

    Che ridere :grin :grin :grin e' un film gia visto ,migliaia di volte

  • Antonio

    Concordo con l'articolo, ma rimango del parere che bisogna veramente protestare duramente. Ora basta la misura è colma. Prima riducono i nostri margini da 36 millesimi a 30. Ora per incassare un euro dove il 70 % sono accise devo pagare se mi va bene un terzo del mio guadagno. Capito per incassare soldi che non sono miei, che devo portarli in banca e versarli a mio rischio e pericolo devo pagare il 30% del mio margine. Ma non basta sono obbligato per legge ad accettare le carte di credito. Veramente un delirio, la pazienza è finita questa gente bisogna prenderla a bastonate. Ci stanno affamando, non riusciamo più neanche fare una vita dignitosa lavorando 12 ore al giorno. Ho anche sentito di Gestori che sono contenti della fattura elettronica, razza di somari, lavorate gratis ma che gente siete , io a gennaio ho emesso 743 fatture . Questo vuole dire che chiuderò il 2019 con almeno 8000 fatture emesse, se nella migliore delle ipotesi impiego due minuti fattura, vorrà dire che ho passato 40 giorni lavorativi ad emettere fatture. Se non concordate che questi sono matti e bisogna legarli !

  • anonimo

    Sciopero ad oltranza?
    QUANDO SI INIZIA?

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie