GestoriCarburanti

Giovedì, Jun 20th

Last update:08:32:00 AM GMT

La beffa dei cartelli sulla benzina

E-mail Stampa

Un gestore: «Non diamo dati, non conviene
Mai viste sanzioni». Il confronto negato

Pochi, spenti oppure incompleti. Basta fare un viaggio in autostrada per capire che, sei anni dopo, la «rivoluzione» dei cartelloni elettronici con i prezzi dei carburanti (i cosiddetti «benza-cartelloni») s'è trasformata in decine di totem ingombranti.

Che non danno l'informazione più importante: qual è la pompa più conveniente? Certo, bisognerebbe anche chiedersi che fine abbiano fatto quei pannelli. Perché qui, nel tratto che da Milano porta a Brescia - mentre sullo fondo incombono nuvoloni neri che poi diventeranno pioggia, vento e grandine - se ne incontra soltanto uno. In cento chilometri.

Non è una cosa da poco. Secondo Altroconsumo se i cartelloni elettronici funzionassero davvero si potrebbe risparmiare il 5% sul prezzo della benzina e il 4% su quello del gasolio. In cifre: quasi 6,4 milioni di euro in meno. Ma dopo una legge sulle liberalizzazioni (nel 2007) e due decreti che impongono una maggiore trasparenza (nel 2013) il risultato non è confortante. Anche in questi giorni. Il pannello lungo la tangenziale Est di Milano, vicino all'uscita Linate, non dà segni di vita. Poco meno di un anno fa all'interno dello stesso dispositivo funzionavano due caselle su sei. Il totem all'altezza di Brescia Ovest, invece, è acceso. Ma sui quattro distributori più vicini soltanto un esercente indica i prezzi. Gli altri risultano tutti «n.p.», «non pervenuto». Stesso destino anche per il cartellone di Brescia Est: tre pompe senza prezzo, soltanto una aggiornata. Va un po' meglio lungo l'A1 nel tratto Firenze-Bologna: il dispositivo poco dopo lo svincolo di Barberino riporta le cifre di tre distributori su quattro. L'altro, nemmeno a dirlo, «non pervenuto». Più giù la situazione peggiora di nuovo. Ecco la Firenze-Roma: il pannello elettronico indica i prezzi di due distributori (i più vicini) su quattro. Un altro, nei pressi dell'uscita Ponzano/Soratte, segue il destino del fratello di Milano-Linate: spento

Chi deve comunicare i prezzi? Le singole compagnie petrolifere dicono che a loro tocca soltanto dare i valori nazionali dei carburanti. L'aggiornamento sui singoli cartelloni spetta ai gestori delle stazioni di servizio. Gestori che, quando interpellati, o fanno finta di essere semplici dipendenti o non rispondono. Ad eccezione di uno, nei pressi di Brescia. Che spiega: «Se un altro mette il prezzo che è più basso del mio a me non conviene dare le mie cifre». L'uomo gesticola. Dice che c'è la crisi. Chiede a una coppia di turisti francesi, con un misto di inglese e bresciano, di digitare di nuovo il codice della carta di credito perché il sistema non ha preso tutte le cifre. I due non capiscono e aspettano qualche minuto prima di riprovare. La fila dietro, intanto, s'è allungata. Paura delle sanzioni? «Mah», allarga le braccia il gestore, «io di controllori non ne ho visto nemmeno uno dal 2007». E intanto restituisce la ricevuta ai turisti.

Facciamo un passo indietro. Proprio al 2007. Quando la Società Autostrade per l'Italia installa dieci dispositivi vicino alle più grandi città: Milano, Bologna, Firenze, Roma e Napoli. La cosa è peraltro prevista dal decreto sulle liberalizzazioni dell'allora ministro dello Sviluppo economico Pierluigi Bersani: la legge numero 40 del 2007. «Grazie ai nuovi "benza-cartelloni" e grazie al meccanismo virtuoso della concorrenza i cittadini potranno risparmiare fino a otto centesimi di euro per ogni litro di carburante», esulta Carlo Rienzi, presidente di Codacons. Pochi mesi dopo Altroconsumo decide di girare l'Italia per controllare come vanno le cose. Risultato: su nove pannelli cinque non funzionano, si inceppano o forniscono dati imprecisi agli automobilisti. Più della metà. Il ministero dello Sviluppo economico allora muove gli ispettori. I quali, anche loro, confermano il dato negativo. A quel punto il governo, e siamo alla vigilia di Natale, minaccia sanzioni. Vuole coinvolgere i Comuni. «L'offensiva partirà a gennaio 2008», spiegano. Poi più nulla. Fino a quando, nel dicembre dell'anno scorso, Altroconsumo torna alla carica. Monitora 20 cartelloni elettronici. E scopre che cinque sono spenti, 14 incompleti. Arriva il 2013 e ad aprile entrano in vigore le nuove misure del ministero dello Sviluppo economico che obbligano i gestori a una maggiore trasparenza dei prezzi lungo l'autostrada. Trasparenza che in molti tratti non s'è vista.

«Noi sosteniamo da anni l'utilità dei "benza-cartelloni"perché sono uno dei modi migliori non solo per risparmiare, ma anche per incentivare la concorrenza», ragiona Michele Cavuoti, responsabile indagini di Altroconsumo . «È un peccato, perché le strutture ci sono, ma da noi c'è una forte resistenza». Con conseguenze paradossali. «I distributori, pochi, che comunicano i prezzi sono spesso i più convenienti. Ma questo il consumatore non lo può sapere». Per Cavuoti ci sono soltanto due modi per rendere davvero utili quei totem. «Spingendo le società concessionarie della rete autostradale a imporre ai loro gestori di comunicare i prezzi», oppure «sollecitando ancora di più chi fa le leggi e deve controllare»

Fonte: Corriere della Sera

Commenti (8)
  • Max

    in autostrada fare rifornimento e' un passaggio obbligato..
    se sono in riserva sparata e ho autonomia per 2 km mi spiegate a cosa mi serve sapere che a 20 km pagherei la benzina di meno?
    questa dei cartelloni e' stata solo l'ennesima trovata per buttare via una marea di soldi..come del resto il dover comunicare tutte le settimane il prezzo al ministero dello sviluppo economico..mi spiegate a cosa serve?solo a imporci ulteriori spese..
    fra l'altro per visualizzare bene i prezzi dei cartelloni e' necessario rallentare e memorizzarli velocemente..quanti riescono a farlo?
    forse sui cartelloni dovrebbero essere inserite foto e nomi di chi inventa queste stronzate...almeno ci si potra' giocare a freccette..

  • korgul

    Giusto , se passi anche solo a 100 km/ora dovresti memorizzare con un colpo d' occhio prezzi , marchi e distanza... facilissimo, vero?

  • Andrea

    io sono uno stradale con prezziario led che si vede molto bene in strada e anche da una certa distanza.
    qualche cliente mi chiede tuttora a che prezzo sono....rispondo sempre dicendo il prezzo, ma la mia domanda che non gli pongo mai è: Non hai mica visto il prezzo esposto fuori in grande dove una ditta di manutenzione ci ha messo una giornata a mettere su le 3 righe che ti dicono il tutto e non ci sono ostacoli che impediscono la visuale?
    Mi viene da pensare che non si veda bene( è a caratteri cubitali!!)

  • ff

    cosa succede se non viene fatta l'iscrizione al MISE entro il 18 sett. ?

  • Nicola  - re:
    korgul ha scritto:
    Giusto , se passi anche solo a 100 km/ora dovresti memorizzare con un colpo d' occhio prezzi , marchi e distanza... facilissimo, vero?


    difatti io che sono un vs collega, nel dubbio, quando viaggio in autostrada
    non faccio mai benzina. Prezzi fai dai da te superiori di 10 centesimi della mia pompa a casa :) :) ...................... allucinante!

  • Alex

    Mi rassicura sapere che ci sono tre associazioni più ignoranti di noi Gestori, nel articolo ne sono state citate solo due,
    l'altra è quela che inseme a quelle citate nel articolo sono anni che attribuiscono colpe e fanno gerre ai Gestori lasciando intendere di voler risolvere il problema del caro benzina.
    Sono anni che si ostinano senza ottenere nulla, eh non provano ad immaginare che con i nostri 3.6 centesimi non risolvono i loro problemi.
    Mi chiedo : dopo tutti questi anni, con tutte queste riforme senza risultato, non vi fate un esame di coscenza per chiedervi se meritate qugli stipendi che rubate allo stato illudendo il cittadino che state operando per lui ?
    Sbagliare è umano,
    perseverare è diabolico!!!

  • pippo

    Quella dei cartelli in autostrada è una delle tante stronzate fatte per calmierare il prezzo dei carburanti ultima l oscuramento dell ultimo millesimo e della comunicazione del prezzo giornaliero ,con il benestare delle stramaledette e inutili ass consumatori consapevoli ,di aumentare la burocrazia e le incombenze dei Gestori ,e relative spese , spese passate pari pari al cliente finale Scrivete sui cartelloni autostradali quanto si paga di Royalty su un lt di carburante ai vari Gestori autostradali questo i clienti non lo sanno !!!! paragonano il prezzo con quello fuori autostrada ,dandoci del ladro !!!!! questa è trasparenza mio caro RIENZI sempre pronto a gettare m***a sui Gestori !!! come mai la finanza non è mai venuta a controllare le vs sedi tutti santi nelle ass consumatori ??????

  • Anonimo  - non esiste..

    ..che solo una categoria di "poveretti" come i Gestori debba pubblicare a caratteri cubitali sulla strada e ora anche su un sito i propri prezzi di vendita. Lo facciano anche i panettieri (le differenze del prezzo al kg del pane sono molto più significative di quelle della benzina), i bar e tutti i commercianti, allora.
    Un sentito ringraziamento alle 3 pseudo associazioni sindac***i per non aver saputo nemmeno stavolta bloccare un obbligo dannoso, ridicolo e discriminatorio... Bene, bravi, bis

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie