GestoriCarburanti

Sabato, Dec 15th

Last update:01:33:11 PM GMT

Pompe bianche e zone grigie

E-mail Stampa

Economiche e sempre più diffuse, le cosiddette "pompe bianche" sono da sempre considerate la zona grigia in cui finisce gran parte del carburante commerciato illegalmente.

Senza generalizzare su circa 4.400 punti vendita dei quali circa 200 gestiti dalla grande distribuzione organizzata come Coop o Auchan, certo il problema esiste.

Nate a metà degli anni Ottanta e poi proliferate dopo le liberalizzazioni, l'etichetta di "pompe bianche" racchiude oggi un panorama di realtà molto diverse fra loro: si va dai retisti che gestiscono decine di impianti no logo o con marchi "indipendenti" (spesso proprietari al tempo stesso di distributori "colorati" convenzionati con le compagnie tradizionali) a piccoli proprietari della singola pompa. In comune hanno tutti l'approvvigionamento dal mercato extrarete, quello che un tempo era alimentato soltanto dalla fornitura in eccesso delle aziende petrolifere (i cosiddetti "lunghi di raffinazione") e in cui ora assieme al combustibile dei tanti produttori anche indipendenti si riversa spesso il frutto del traffico di carburanti.

Perché per continuare la politica aggressiva dei prezzi bassi è evidente che ci sono operatori disposti a tutto. Una strategia che funziona, considerando che pur nella diminuzione dei punti della rete di distribuzione, da cui stanno fuggendo o sono già fuggiti colossi come Shell, Total e Esso, le pompe bianche continuano ad aumentare. "Purtroppo l'allentamento dei sistemi regolatori - spiega Alessandro Zavalloni. segretario nazionale della Fegica Cisl - ha permesso l'ingresso nel sistema di tanti soggetti improvvisati, molti dei quali border line quando non proprio vicini alla criminalità organizzata. I limiti di un mercato deregolamentato e con scarsa sorveglianza dovrebbero interessare l'Authority. Il prezzo di vendita non può restare l'unico elemento su cui basare la competizione".

Fonte: Il Salvagente

Commenti (5)
  • DIEGO

    Non mi piace questo articolo non mi piace chi lo legge e non è del settore fa 1+1 cioè pompe bianche = illegalità/frode.
    Il marcio stà ovunque sia tra i colorati che i bianchi a nord e a sud ma questo articolo non mi piace.
    Sono stato Gestore colorato e sono Gestore bianco e se hai la fortuna di gestire un impianto di una società seria si sta bene, anzi meglio e non solo x il prezzo che in questa zona è in linea con la concorrenza: Q8 Easy/TE/ENI ghost ecc.ecc. che dire allora dell' ENI ci siamo forse dimenticati che qualche mese fa x qualche giorno erano bloccati i depositi ?

  • Addo  - 1+1 fa 2

    Sarà un caso se nella stragrande maggioranza dei casi, in questi imbrogli fiscali sono coinvolte pompe bianche che oltretutto li usano per avere prezzi fuori dalla logica di mercato?
    Sarà un caso se le truffe si stanno moltiplicando da quando alcune le major si sono ritirate dal mercato lasciando spazio a retisti e retistelli?

  • Bianco  - Ma?

    Non e tutto oro quello che luccica, però però, le conclusioni non sono semplici, i prezzi delle compagnie sono inferiori alle pompe bianche, parlo per la mia zona. soltanto 3 anni fa tutto questo era vero, oggi con le quotazioni PLATTS mi sorgono molti dubbi. Quando avevo i colori tantissime spese erano mie, oggi con i self, le spese sono della compagnia, eppure il prezzo e molto più basso del mio. CHI MANOVRA IL PLATTS?

  • Moreno Parin  - Platts

    Bella domanda, e la risposta non è per nulla scontata o semplice, ma il Platts è un riferimento che non ha un valore certo e assoluto, e men che meno è il vangelo, però fa comodo a molti, a cominciare dalle compagnie petrolifere, si potrebbe anche dire, magari semplificando, che il platts è il valore che garantisce il margine, il di più non guasta mai, ma questo giustifica ampiamente anche il platts meno, e il meno non è sinonimo di illegalità.... almeno non necessariamente.

  • max

    purtroppo il carburante e solo una truffa per i consumatori le compagnie sia bianche o colorate guadagnano sulla temperatura di esso più e caldo più guadagnano .

    non e un caso se d'estate i prezzi calano non lo avete mai notato :grin :grin :grin :grin

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie