GestoriCarburanti

Sabato, Feb 29th

Last update:08:32:00 AM GMT

Rete & Extrarete. Attesa per i nuovi 'scontoni'

E-mail Stampa

Ipotesi infra-settimanale. Possibili ulteriori ribassi per la benzina

di Antonello Minciaroni

Quotidiano Energia - Rete - Prezzi di benzina e diesel in discesa, gpl in aumento e metano fermo.

Le compagnie petrolifere, in modalità servito, praticano per la verde 1,76-1,90 €/l, diesel 1,70- 1,81 €/l , gpl 0,82-0,89 €/l e metano 1-1,05 €/kg.

I prezzi sugli impianti della Gdo sono per la verde 1,68-1,74 €/l e per il diesel 1,60-1,63 €/l.

Nel comunicato che ha accompagnato la presentazione dei risultati al terzo trimestre Eni ha scritto che la campagna estiva, passata alla storia come quella degli "scontoni", ha prodotto un aumento della quota di mercato nel trimestre del 3,1% che ha corrisposto a maggiori volumi di vendita di 59mila tonnellate a fronte di un mercato rete, che comprende per la quasi totalità i dati che riguardano tutte le compagnie petrolifere, che nel periodo ha registrato perdite di 446mila ton. Un ottimo risultato per il market leader che dovrebbe far prefigurare un proseguimento dell'iniziativa nel prossimo futuro.

Voci raccolte dal mercato ipotizzano una nuova iniziativa che potrebbe essere attuata nelle prossime settimane e spostarsi dai fine settimana al mercoledì, il giorno che tradizionalmente registra le minori vendite settimanali.

Eventualità che non si può escludere se si considera che nel mese di settembre, che ha visto il solo primo fine settimana con la campagna sconti ancora in campo, le reti no-logo hanno visto, su base mensile, il maggior incremento di vendite di sempre a fronte di quelle delle petrolifere che continuano ad inanellare pesanti perdite.

Segno evidente che uno degli obiettivi dichiarati dal market leader nel sostenere la suddetta campagna, cioè convincere il consumatore a servirsi da solo per risparmiare, è stato raggiunto. Cioè l'automobilista italiano, così come fanno da tempo quelli del nord Europa, vuole e può risparmiare. Guardandosi in giro individua quelli con il prezzo più basso che in estate erano quelli di Eni ma che ora spesso sono appunto quelli della Gdo e degli indipendenti, rivolgendosi a loro per i propri acquisti.

Malgrado i ribassi di questi ultimi giorni, trascinati in questa circostanza dal market leader, esistono ancora ulteriori spazi di riduzione, soprattutto per la benzina.

Margini - Nella settimana, rispetto alla precedente, il margine in modalità self della benzina è diminuito di 1,2 cent e quello del diesel di 0,9.

Il livello attuale, rispetto a quello medio dei tre anni precedenti, è superiore di 4,5 cent per la benzina e di 0,8 per il diesel.

Nel progressivo annuo, nel confronto con i tre anni precedenti, è inferiore di 0,4 cent per la benzina e di 0,5 cent per il diesel.

Mercato extrarete - I prezzi hanno avuto variazioni fra minimo e massimo di 2,1 cent per la benzina e di 2,2 per il diesel.

Sulla base dell'attuale andamento dei prodotti sul mercato e della quotazione dell'euro per martedì 6 novembre i prezzi subiranno riduzioni.

Reti no-logo - La differenza dei prezzi self fra rete ed extrarete è diminuita sia per la benzina che per il diesel di 1 cent.

Benzina: nord fra 1,63 e 1,71 €/l e centro-sud fra 1,72 e 1,83 €/l.

Diesel: nord fra 1,60 e 1,65 €/l e centro-sud fra 1,65 e 1,69 €/l.

Mercato - Si rafforza la spinta ribassista del Brent; questo è il sentimento di mercato da alcune settimane. Il benchmark europeo è in una situazione di backwardation (quotazione del fisico superiore di quella a futuri) di 1,5 $ a barile fra dicembre e febbraio e di contro il Wti è nella situazione opposta di contango di 1 $, sicuramente complice l'uragano Sandy che ha sconvolto la costa orientale degli States.

Le quotazioni del Brent e dei raffinati, in dollari, sono destinate a proseguire la discesa.

Dall'inizio del 2012 il range di oscillazione del Brent risulta compreso fra 72,4 € e 97,7 € a barile (massimo assoluto di sempre). La quotazione odierna è 84 €, in aumento di 0,9 € verso il periodo precedente.

Per gentile concessione di Quotidiano Energia

Commenti (13)
  • Luigi  - Ipotesi SCONTONE SU IMPIANTI GHOST

    Sentite questa.
    Se è vera siamo fritti.
    Eni sta convincendo i Gestori più in cacca a lasciare l'impianto.
    Eni Rete lo prende in carico, lo trasformano in impianto Ghost con mega scontone. Al Gestore danno un fisso per lo scarico e la pulizia.
    Il denaro lo ritira Mondialpol.
    E noi fessi resteremo a guardare.
    Saluti

  • peppe  - impianti in cacca? anche quelli buoni.....

    non aver paura, Eni trasformerà TUTTI gli impianti, non solo quelli in difficoltà. Si salveranno solo quelli che pagano fitti incredibili e hanno bar e tabacchi, quelli portano tanti soldini.....ma un impianto con sala vendite a basso canone, non ha ragione di esistere. E poi credo che per la vigilanza e lo scarico non paghino molto, la Esso sui suoi impianti "sociali" paga una miseria anche al responsabile di impianto, intorno ai 1100 euro, dei quali 150 di reperibilità festiva e noturna. Il contratto, se dovesse essere simile, prevede la pulizia dell'impianto con cadenza giornaliera (ore 1) la vgilanza durante lo scarico (ore 4 settimanali) la reperibilità in caso di blocco accettatore e raccolta reclami con linea telefonica dedicata funzionante 24 ore su 24 (ore 10 settimanali) per un totale di circa 30 ore settimanali e uno stipendio di circa euro 780 mensili neti oltre la reperibilità (circa 150/200 euro variabili) Insomma , una miseria, purtroppo ambita da migliaia di giovani candidati (la Esso dice di avere migliaia di studenti, molti già laureati ,disposti a fare questo lavoro. Comunque vadano le cose, credo sia giunto il momento di cercare un altro lavoro. Io a Gennaio licenzio tutti e vado all'estero a svernare la mia vecchiaia. Quest'Italia del c***o mi fa schifo.

  • ARTIC

    Magari che gli associati aico prendessero 1100 euro al mese..............!!!!!!! faria la firma mi!!!!!

  • Anonimo

    Purtroppo è verissima ed Eni non ha bisogno di convincere nessuno visto che molti stanno disdettando. :(

  • Roberto Gestore IP

    La IP lo sta' gia' facendo con un Impianto a Genova Sampierdarena , il Gestore deve controllare eventuali guasti , prendere i numeri dei contatori e controllare i Livelli ( mi parlano di 1200 € mensili ) ... ma se fanno un ottima automatizzazione non serve neanche prendere i numeri e controllare i livelli perche' fa' tutto il computer .... visto come va' la baracca io ho cominciato ad abituarmi : Sabato ( mattino compreso ) & Domenica Solo Self 24 H e nei feriali chiudo alle 18 .

  • Anonimo

    e intanto (senza sponsorizzazioni) .....Totalerg servito -9 oppure con TE h24 15 16 cents. in meno ...... Esso in molte zone ...servito -10 e -14 o -11 nelle ore di chiusura.... molti privati stanno praticando sconti che vanno da meno 13 servito a meno 15 o meno 16..... nelle ore di chiusura..... se Eni pensa ad un nuovo scontone la Esso a quanto pare non è da meno con un progetto grosso gia' pronto.....

  • Gigi

    8)

    Ma questi p***i di m***a quanto hanno mangiato (sulle nostre spalle) per poter tenere queste condotte.

    Quanto hanno rubato?

    Adesso cosa succede?

    Meno 30?

    Meno 50?

    Benzina in regalo?

    Questo tunnel ha una fine o no!!

    Meno male vendo anche gas altrimenti sarei già spacciato!

  • Gestore eni

    Il problema e' secondo me' il fatto che i primi che scalpitano per lo scontone sono quei grandi imprenditori di Gestori che hanno gia' pronta la penna per la firma anche a costo di rimetterci gran parte del margine,pur di portare via litri alla concorrenza!!!
    E' questa la situazione della categoria tante chiacchere e piazzate anche in tv ( questo non vale per Milazzo ) e poi pronti ad assecondare i progetti di dismissione dei Gestori vergogna c'e' bisogno di rinnovamento anche nelle nostre rappresentanze sempre che il tempo che ci rimane possa bastare.

  • Anonimo

    I primi impianti a passare ghost saranno proprio quegli impianti che hanno moltiplicato le vendite in self poiche' eni potrebbe vendere li' molti piu' litri, a anche a sconto, pagando un guardiano al posto del Gestore per rimettere meno alle spese.
    Lo scontone estivo e' stato per questo, per fare una classifica di distributori, ma aime' pultroppo io sono per eni uno degli ultimi della lista poiche' io con lo scontone le vendite sono rimaste misere.... o forse e' la mia fortuna..... perche' i miei clienti gradiscono il servito magari delle pompe bianche ma non certo una macchinetta self.
    L'importante, e non mi stanchero' mai di dirlo, e' tenere sempre il servito che rimarra' l'unica certezza del nostro futuro.

  • Gestore al collasso ma vorrei

    Che tristezza!!! siamo una delle poche categorie, forse l'unica assieme a quella degli autotrasportatori che potrebbero mettere in ginocchio l'Italia e non ci avvaliamo di tale posizione strategica ma spesso siamo quì a leccarci le ferite..MA CI VOGLIAMO SVEGLIARE SI O NO!!! tutti uniti possiamo ottenere giustizia e mandare A CASA tutti i prepotenti..per primo quell'arrivista di Scaroni.SVEGLIAMO I SINDACATI facciamoci sentire mettiamogli paura.E' inutile fare le vittime DIFENDIAMO I NOSTRI INTERESSI E LE NOSTRE FAMIGLIE :FORZA!!! FORZA!!! FORZA!!!

  • James  - Parole sante Peppe

    Io ho già licenziato tutti, e non essendo ancora in età di pensione vado all'estero a metà del prossimo anno per cominciare una nuova vita e lavorare in un paese meno ipocrita di questa italietta! Che se lo gestiscano loro l'impianto a gratis! 8)

  • peppe

    il vero problema è che troveranno sempre il povero c******e che prenderà l'impianto accontentandosi delle briciole. Se tu offri un impianto di 3 milioni di litri ad un disoccupato, gli prospetti un margine di ben 2 centesimi, gli fai il calcolo che guadagnerà sicuramente almeno trentamila euro, vuoi che non ti creda? Si fionderà a frimare, salvo poi capire , dopo il primo anno fiscale, che ha fatto una cazzata. A poche centinaia di metri dal mio impianto, c'è una Totalerg che ha cambiato più Gestori di quanti telefonini abbia cambiato io. Ed è un impianto che vendeva più di 3 milioni di litri. Quando ho fatto vedere a mio fratello il conto economico del mio impainto (oltre 5 milioni di litri in total self, un solo operaio sul piazzale, una cassiera part time e un barista,oltre me e mia moglie) mi ha detto : MA CHI c***o TE LO FA FARE? .....ecco, vorrei saperlo anch'io.

  • gest.eni

    Sono d'accordo con il collega Gestore al collasso!
    Sfruttiamo la nostra forza.
    Lo diciamo da mesi,però nessuno suona la carica.
    Se aspettano ancora torveranno solo Gestori in coma economico profondo.
    I nostri sincacati,deputati a difendere gli interessi dei Gestori, perchè dovrebbero ancora temporeggiare?
    A chi giova?

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie