GestoriCarburanti

Giovedì, Feb 20th

Last update:08:32:00 AM GMT

Consumi petroliferi, a ottobre nuovo calo del 7,8%

E-mail Stampa

Sempre più critica la situazione per i consumi petroliferi italiani che nel mese di ottobre 2012 sono ammontati a circa 5,6 milioni di tonnellate, con una diminuzione del 7,8% (-475.000 tonnellate) rispetto allo stesso mese del 2011. Lo si legge in una nota dell'Unione petrolifera.  I prodotti autotrazione, con due giorni di consegna in più, hanno rilevato le seguenti dinamiche: la benzina nel complesso ha mostrato un calo pari all'8,2% (-64.000 tonnellate) rispetto ad ottobre 2011, mentre il gasolio autotrazione del 6,3% (-137.000 tonnellate). A parità di giorni di consegna, il calo per la benzina sarebbe stato del 16,3% e per il gasolio del 14,5%.

La domanda totale di carburanti (benzina + gasolio) nel mese di ottobre è così risultata pari a circa 2,7 milioni di tonnellate, di cui 0,7 milioni di tonnellate di benzina e 2 di gasolio autotrazione, con un decremento del 6,8% (-201.000 tonnellate) rispetto
allo stesso mese del 2011.

Nel mese considerato le immatricolazioni di autovetture nuove sono diminuite del 12,4%, con quelle diesel che hanno rappresentato il 51,5% del totale (era il 55,2% nell'ottobre 2011).

Nei primi dieci mesi 2012, i consumi sono stati pari a circa 54 milioni di tonnellate, con un calo del 9,6% (-5.743.000 tonnellate) rispetto allo stesso periodo del 2011.

La benzina nel periodo considerato ha mostrato una flessione del 10,5% (-832.000 tonnellate), il gasolio del 9,7% (-2.077.000 tonnellate).

Nel periodo considerato la somma dei soli carburanti (benzina + gasolio), evidenzia un peggioramento del 9,9% (-2.909.000 tonnellate).

Nei primi dieci mesi dell'anno, le nuove immatricolazioni di autovetture sono risultate in diminuzione del 19,7%, con quelle diesel a coprire il 53,6% del totale (era il 55,5 nei primi dieci mesi del 2011).

Commenti (3)
  • Anonimo

    Comunque di questi numeri , si devono preoccupare solo i Gestori, perche le societa petrolifere adeguano i loro guadagni, anzicchè guadagnare 100 sù 1000 litri, guadagnano 110 su 70 litri adeguando i propri guadagni alle tonnellate vendute. Altrimenti non sarebbero giustificati gli utili ENI & compagni, è i Gestori cosa adeguano i DEBITI ?????

  • Anonimo

    Volevo dire su 700 litri, no 70 comunque so che avete capito ,scusate

  • gest.eni

    E'chiaro a tutti che noi Gestori siamo fottuti,SE ANDIAMO AVANTI COSI'.

    Se ritroveremo un minimo di dignità e rispetto di noi stessi dobbiamo vendere cara la pelle.

    Mi aspetto UNA GRANDE MANIFESTAZIONE UNITARIA A ROMA A CUI TUTTI I Gestori DEVONO PARTECIPARE SENZA SE E SENZA MA.

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie