Francia, Ayrault annuncia la diminuzione delle tasse sui carburanti

Stampa

Mentre in Italia sono state appena aumentate le accise sui carburanti, il primo ministro francese, Jean-Marc Ayrault, ha annunciato oggi ai microfoni di BFM Tv la prossima diminuzione "modesta" e "provvisoria" delle tasse sui carburanti percepite dallo stato Francese, con l’obiettivo di far calare i prezzi sui carburanti. Ayrault ha precisato che il provvedimento sarà preso "in attesa di istituire un meccanismo che regola i prezzi dei carburanti".

Un provvedimento annunciato nei giorni scorsi dal governo francese il quale si era detto pronto, in funzione dell'evoluzione dei prezzi, a ogni possibile intervento per frenare il caro-carburante.

Interrogato sul blocco dei prezzi promesso da Francois Hollande durante la campagna per l’elezione presidenziale, Ayrault ha risposto: "se si congelano i prezzi per tre mesi e poi dopo si lasciano aumentare di nuovo, non si risolve niente".

Le dichiarazioni di Ayrault fanno presagire un possibile intervento volto a calmierare i prezzi quando questi varcano una soglia precisa ritenuta insopportabile per i consumatori Francesi.

Non sono chiare le intenzioni di intervento del governo Francese ma l'auspicio che possa essere da stimolo per far intervenire sullo stesso versante il governo Italiano il quale già "gode" di una legge che andrebbe solo appliccata. La legge è quella 133/2008, articolo 9, comma 1 che dovrebbe essere ancora in vigore, stabilisce che se nell'arco di un trimestre il prezzo del petrolio aumenta di più di due punti percentuali rispetto al valore di riferimento in euro fissato nel Def (Documento di economia e finanza), il ministero dell'Economia deve emanare un decreto per diminuire le accise su carburanti e combustibili al fine di compensare le maggiori entrate dell'Iva. Questo meccanismo fu utilizzato solo una volta dall'esecutivo Prodi e portò una riduzione dei prezzi finali di circa 2 centesimi. Non sappiamo se ci sono le condizioni per fare scattare tale meccanismo anche se auspichiamo ci siano, e forse la diminuzione sarebbe poca cosa rispetto ai prezzi attuali,  si potrebbe però evitare di far superare, cosi come sta accadendo in alcune regioni Italiane ed in alcune arterie autostradali,  la soglia psicologia dei 2 euro al litro. In ragione anche del fatto che il nostro prezzo è molto più alto del prezzo Francese.


Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie