GestoriCarburanti

Venerdì, Nov 22nd

Last update:08:32:00 AM GMT

Verifica dell'economicità Iperself H24

E-mail Stampa

involuzione_gestoriL'ormai tristemente famosa iniziativa dell'Eni denominata Iperself H24, che partirà il prossimo mese di aprile, sta per toccare tutte le gestioni a marchio eni.

Il dibattito che si è aperto tra i Gestori verte sulla necessità o meno di firmare l'ennesimo foglio di carta volto a far regredire ancora di un pezzo importante l'autonomia ed il futuro della categoria stessa. Del fatto inequivocabile derivato da quel bivio che questa categoria si trova a percorrere e da quel disegno predisposto per fare scomparire la figura del Gestore.  Ovviamente chi scrive non vuole mettere sul banco degli imputati i colleghi che hanno già accettato o che starebbero per farlo. Quello che ci interessa è fare un ragionamento sulla reale convenienza da un punto di vista puramente matematico.

In qualsiasi caso, occorrerebbe guardare alla stroria della categoria per capire come questa volta ci sia davvero il rischio tangibile di scomparire come figura professionale, rimanendo solo come figura occupazionale tipo gli attuali gestori dei self notturni, solitamente extracomunitari, che aiutano gli automobilisti in cambio di una mancia.

Ad aiutarci nella comprensione dei costi e dei benifici che derivano da questa nuova fantomatica invenzione dell'azienda, è un foglio di calcolo in formato excel elaborato dal centro studi della Fegica Cisl della Puglia, il quale evidenzia in maniera inequivocabile come il contributo previsto per H24 porterebbe, con molta probabilità, al fallimento l'azienda del  Gestore.

Vi invitiamo, pertanto, a fare una prova inserendo nell'apposito foglio di calcolo i vostri dati in modo da poter verificare la reale economicità dell'H24.

Clicca sull'immagine per scaricare il file

perdita_ricavo

Commenti (39)
  • Anonimo

    COMPLIMENTI A FEGICA- PUGLIA . OTTIMO LAVORO !!

  • Anonimo

    Non sono un Gestore Eni, ma secondo me ci sono da fare molte considerazioni. Il foglio di calcolo è molto bello, ma c'è un problema: chi di noi riesce a fare una stima del suo erogato, con la crisi economica che morde e le continue aperture di pompe bianche..? Qualsiasi dato si metterà in quel foglio si saprà benissimo che non saranno dati attendibili, anche perchè molti di noi non arriveremo a fine anno...
    Poi se ho capito bene in un piazzale ci dovrebbero essere tre modalità operative e tre prezzi diversi: servito, self post pay, iperself 24H e ciò è davvero assurdo e genererebbe ancora più confusione tra la clientela....Non ho capito poi questa strategia commerciale che i Gestori Eni hanno portato avanti finora: io Gestore dovrei riempire le cisterne con i miei soldi ed invitare i clienti a rifornirsi quando non ci sono perdendo di fatto tutte le opportunità di vendita del non oil..?
    Se poi parliamo di -10, ebbene bisogna dire che non rappresenta più uno sconto appetibile perchè ad esempio nella mia provincia, Treviso, ci sono una infinità di pompe bianche che fanno sconti mediamente di 12-13-14 centesimi e qualcuno anche servito, allora spiegatemi perchè un automobilista dovrebbe andare a rifornirsi all'Eni, solo per il gusto di incontrare una colonnina self, bella, alta, di colore giallo..?
    Ma per piacere, è l'ennesima presa per i fondelli della compagnia petrolifera nazionale che anzichè mettere in campo queste stronzate e poi vende extra rete alle pompe bianche a prezzi stracciati facendole arricchire.....

  • Moreno Parin  - Per anonimo Trevigiano

    Mi trovi d'accordo con te sull'effettiva attrattiva dell'iperself H24, e anche sul resto del tuo commento, proprio ieri pomeriggio mi sono "girato" su una pompa bianca, Galoil a Volpago del Montello, e un'addetto stava pulendo il parabrezza della macchina, un'altro stava rifornendo un'altro cliente, pensa tu se questi vanno dalla macchinetta Eni, e in macchina con me c'erano un paio di persone interessate che non hanno potuto fare commenti ma credo che qualche domanda se la dovranno porre.
    Però sarebbe comunque bene che i Gestori usassero il foglio di calcolo proposto dalla Fegica, non guasta mai fare due conti.

  • Anonimo

    Lei sicuramente saprà che a Conegliano su 3 pompe bianche con prezzi particolarmente aggressivi, 2 fanno il servito al 100%.

  • Moreno Parin  - per anonimo

    magari fossero solo le due di Conegliano, 66 ne abbiamo in provincia e almeno 8 su dieci fanno il servito al 100%, alla faccia dell'iperself Eni

  • Giampiero  - premesso,

    che vale la pena farsi bene i conti perchè ognuno sappia valutare se i suoi ricavi riescono a coprire i costi di gestione (in piena recessione economica), ma qui il dubbio "atroce" è idendificare il nostro nuovo ruolo, e mi rivolgo non solo ai poco esitanti firmatari, in un prossimo (mi pare breve) futuro secondo i progetti Eni. Certo, ridursi a "guardiani" di una macchinetta frutto del progresso e della liberalizzazione, mi pare un poco avvilente.
    Per quanto riguarda il prospetto, mi permetto di suggerire che la quota di compartecipazione da parte del Gestore dovrebbe essere computata senza IVA, e che ulteriori aggravi potrebbero esserci se il pagamento da parte del cliente avviene con carte di credito. Detto questo, se si deve (in maniera impropria) prendere a riferimento l'accordo del 25.11.2010, si dovrebbe partecipare per un'ulteriore aggravio se le vendite in modalità "Servito" risultassero inferiori a quelle in modalità "Iperself". Mi si spieghi meglio, perchè mi sfugguno alcuni particolari che per altri, evidentemente, appaiono chiari.

  • Gestore indeciso.

    Sono anche io contrario all'iniziativa, però ci sono degli aspetti che andrebbero meglio approfonditi. Io sono un Gestore solitario su di un impianto enorme, lavoro al 90% con clientela sconosciuta e con ognuno che arriva sono a rischio insolvenza. Ho per fortuna ancora percentuale di vendita servito che mi consente di vivere grazie alla applicazione dei prezzi massimi. L'aderire ad H24 praticando un -8 riferito ad un over di 12 millesimi al servito per 3 erogatori su 4 mi consentirebbe di:
    -eliminare buona parte dei rischi di fuga ed insolvenza;
    -rimanere sul mercato visto che sono circondato da -10;
    -curare meglio la modalità di erogazione che mi rende;
    -limitare le perdite conseguenti alla perdita della modalità fdt;
    -tornare a casa molto meno stressato di ora.
    Ogni impianto ha una storia a sè, difficile ragionare in termini assoluti.

  • gianluca  - non lo so

    da quanto mi risulta non puoi fare l'over in servito se hai i.p.h24

  • Anonimo  - mhà

    Secondo me oltre al margine che diminuisce ulteriormente esistono altri problemi di logistica:
    1-i self non accettano tutte le carte/bancomat
    2-non si possono caricare punti
    3-molti clienti non avranno voglia/tempo di inserire banconote.
    alla fine i clienti che perderemo saranno tanti...........
    io non aderisco!!!!

  • Anonimo

    se levano il self normale sarebbe anche interessante.....dovrebbero mettere ste macchinette e il servito,magari la gente che ha fretta non perde tempo nella macchinetta e cosi aumenterebbe anche il servito....senza contare gli insoluti ecc....il self di adesso e una vera minchiata,almeno in autostrada....devo pagare una persona che sta li a prendere i soldi....

  • Anonimo  - l'anno scorso

    la campagna incentivazione era "Gestori PROTAGONISTI"
    adesso cambia il protagonista?
    immaginate...."GILBARCO PROTAGONISTA"ma come faranno a mandarlo in viaggio?

  • gianluca  - re: l'anno scorso
    Anonimo ha scritto:
    la campagna incentivazione era "Gestori PROTAGONISTI"
    adesso cambia il protagonista?
    immaginate...."GILBARCO PROTAGONISTA"ma come faranno a mandarlo in viaggio?

    ma chi il self?
    hahahahahaha!

  • Anonimo

    Il problema è che l'Eni, con queste nuove formule di vendita, distoglie l'attenzione di noi Gestori, e di parte della clientela, dal vero problema del momento: I Gestori DI IMPIANTI CON MARCHIO ORMAI VENDONO IL CARBURANTE A PREZZI FUORI MERCATO, NON PER LORO SCELTA, MA PER QUELLE DELLE COMPAGNIE PETROLIFERE ALLE QUALI VA BENE QUESTO SISTEMA.
    Dico questo ad alta voce perchè, in alcune provincie, le pompe bianche hanno in mano buona parte del mercato, allora vuol dire che il prezzo di riferimento è quello che loro praticano e noi che gestiamo impianti con il marchio siamo fuori mercato ed andrà sempre peggio...Se non cambierà qualcosa, la maggior parte di noi saranno costretti a chiudere e dobbiamo farcene una ragione, oppure dobbiamo attaccare con coraggio le compagnie petrolifere verso UNA CONCORRENZA VERA NON PRIVANDO I Gestori DI UN MARGINE CHE GIA' PIENO E' IRROSORIO....

  • antonino

    leggo di conteggi piu o meno legittimi tutti corretti non scrivo certo questo mio pensiero per criticare questo o quello,di preoccupazzioni di modi differenti di vedere le cose,i bacini di utenza,di pompe bianche e no di calcoli con conteggi di aumenti erogati francamente imbarazzanti,di politiche commerciali,eliminare buona parte dei rischi di fuga ed insolvenza;
    -rimanere sul mercato visto che sono circondato da -10;
    -curare meglio la modalità di erogazione che mi rende;
    -limitare le perdite conseguenti alla perdita della modalità fdt;
    -tornare a casa molto meno stressato di ora.
    Ogni impianto ha una storia a sè, difficile ragionare in termini assoluto
    probabilmente la prossima cosa che verra ELIMINATA sara il Gestore ed io cari Gestori non potro leggere piu questa rivista,questo mondo e stato una parte importantissima della mia vita.

  • Gestore indeciso x antonino

    Rassegnamoci, se il Gestore non verrà eliminato dall'H24 , sarà eliminato dalle pompe bianche e dalla GDO.
    Vorrei solo sapere quanti alfieri di questa difesa del ruolo del Gestore contro la diabolica macchinetta, fanno parte dei Gestori galoppatori che , nel gergo dei Gestori Eni, sono quelli che servono al fdt. I quali, pur di poter di correre intorno all'amato cliente, non esitano a pagare del personale tagliandosi così il margine di un' entità tale che in confronto anche il -10 impallidisce.
    Io non ho difeso la nuova modalità, ho solo portato delle argomentazioni che potrebbero far sì che, a determinate condizioni, l'H24 non sia solo un problema ma anche una opportunità per sopravvivere ancora un pò (mentre ci cerchiamo altra occupazione) e che potrebbero interessare altri colleghi.

  • Anonimo  - re:
    antonino ha scritto:
    leggo di conteggi piu o meno legittimi tutti corretti non scrivo certo questo mio pensiero per criticare questo o quello,di preoccupazzioni di modi differenti di vedere le cose,i bacini di utenza,di pompe bianche e no di calcoli con conteggi di aumenti erogati francamente imbarazzanti,di politiche commerciali,eliminare buona parte dei rischi di fuga ed insolvenza;
    -rimanere sul mercato visto che sono circondato da -10;
    -curare meglio la modalità di erogazione che mi rende;
    -limitare le perdite conseguenti alla perdita della modalità fdt;
    -tornare a casa molto meno stressato di ora.
    Ogni impianto ha una storia a sè, difficile ragionare in termini assoluto
    probabilmente la prossima cosa che verra ELIMINATA sara il Gestore ed io cari Gestori non potro leggere piu questa rivista,questo mondo e stato una parte importantissima della mia vita.

    Mi fai piangere ! ! !

  • MARCO  - X Timpani

    Sperando che vengano lette queste note prima di martedi 13 , volevo sottolineare, anche riprendendo l'intervento di Zeno nella precedente in cui sei intervenuto , e al di là delle considerazioni perfettamente legittime a livello sindacale , quello che ad un profano salta agli occhi : rifornendosi nello stesso impianto , alla stessa ora , sempre operando personalmente , si può avere uno sconto di 6 centesimi solo rinunciando ai punti della campagna fedeltà.
    Ergo , i punti pesano 6 centesimi al litro. Allora creiamo l'isola per i punti a +6 cent per l'automobilista che non ne può fare a meno , e abbassiamo il prezzo di 6 cent sulle altre modalità.
    Riequilibrato il divario con le pompe bianche.
    Calcoliamo anche che i + 6 cent per le campagne pubblicitarie , comune a tutte le Compagnie , vanno ad incidere indirettamente anche sul prezzo delle patate , ad esempio , e concorrono a lievitare l'inflazione. Anche la pensionata senza auto paga la campagna premi.Con questa iniziativa Eni ha dimostrato almeno in parte quanto è gonfiato il prezzo per campagne pubblicitarie , e quanto margine può mettere in gioco quando vuole .Discorso semplicistico , ma non lontano dalla realtà.

  • peppe  - preoccupazione

    in tutta sincerità, io non sarei così pessimista sulle cause che porteranno alla rovina la nostra categoria e la figura del Gestore nel futuro. Anni fa, poco prima della diffusione degli ipermercati e dei mega centri commerciali, i piccoli negozianti giustamente manifestavano i propri timori nei confronti di tali realtà. I negozietti, tra mille difficoltà, sono ancora lì, salvo eccezioni spesso attribuibili ad una cattiva gestione. Certo, io non sono ottimista, ma non credo che l'iperself decreterà da solo la fine del Gestore. Le stesse pompe bianche nella mia zona, dopo un periodo di oltre un anno a -12 o -15 , sono ritornate a valori più miti (-10) che molte compagnie riescono a supportare (io ho il -8 e il self più a -10) senza eccessive perdite per il Gestore. I prossimi anni vedranno molte gestioni chiudere per difficolltà economiche, ma per molte di queste già oggi non esistono le condizioni per cui possano restare in piedi. Nella mia zona operano 2 impianti da meno di un milione di litri , senza bar, senza lavaggio, senza una sala vendite, che addirittura hanno dei dipendenti, e il fatto che siano ancora aperti onestamente mi fa pensare. Se poi pensate che fanno ancora credito, allora la cosa si fa veramente ridicola. Può una realtà del genere essere ancora conveniente per chi ci lavora, assolvendo tutti gli obblighi di legge e pagando le tasse?Credo di no. Purtroppo realtà di questo tipo scompariranno a breve , rendendo appena più sopportabile la situazione di chi, più fortunato ed anche più oculato, saprà trarre vantaggio da questa "scrematura" inevitabile della nostra categoria. E' dura, ma è così.

  • peppe  - 6 centesimi al litro?

    scusa , ma di quali 6 centesimi stiamo parlando? Almeno in Esso, il costo della campagna non supera il centesimo e mezzo, e credo sia lo stesso anche in q8. Il costo per il Gestore è di 4,25 euro per 1000 litri, il resto a carico della compagnia. Il beneficio finale per il consumatore può arrivare, usando i punti per lo sconto carburante, al massimo ad un cent e mezzo al litro. Ma quali 6 centesimi, per favore......

  • Marco  - per peppe

    Ciao peppe , mi riferivo all'iniziativa eni iperself h24 riferito all'articolo in apertura. E' chiaro che per Esso è differente. Ma quando , se mai accadesse , Esso decidesse di fare analoga iniziativa , e ti trovi in contemporanea sul tuo impianto il self con 6 cent in meno rispetto al fai da te tradizionale , e l'unica differenza è che non devi caricare i punti , cosa pensi di rispondere al cliente che chiede : dov'è la differenza?

  • q8  - siamo ridicoli

    Cari colleghi si fa discusioni sconti ,come e' meglio erogare ,ma il vero problema e' alla fonte il CARBURANTE E' UN MONOPOLIO (come i tabacchi) un prezzo solo e margini ONESTI A NOI Gestori.La guerra della concorrenza dse la devona fare tra di loro le Compagnie,Non devono rompere i COGLIONI a noi SCIOCCHI SERVITORI DELLO STATO e delleCOMPAGNIE. siamo una massa di pecoroni..............

  • un collega stufo

    BISOGNA FAR ENTRARE NELLA TESTA DELLE PERSONE ( TUTTE )
    CHE I CARBURANTI NON SONO UN BENE QUALUNQUE MA ESSENZIALE !!!
    ed in quanto tale deve essere regolamento, disciplinato e considerato come e anche di più dei TABACCHI !!!
    PREZZO UNICO CONTROLLATO DALLO STATO E MARGINE IN PERCENTUALE PER IL Gestore !!!


  • Giaco

    Questa via di mezzo mi piacerebbe proprio :)

  • Gestore

    Bisogna essere realisti,siamo in troppi,lavoro che sta' calando via via spese in continuo aumento per gli impianti come il mio con erogati limitati senza attivita'collaterali purtroppo temo che il destino sia segnato,,quindi auspico che i sindacati cerchino di proporre almeno un fondo per chi verra'espulso dal sistema ,anche al limite con chiusure volontarie prima di dover chiudere per fallimento. p.s io sono eni ma sicuramente non aderoro' al H 24.

  • Giampiero  - impatto devastante,

    è meglio esser chiari:

    Eni dimostra di far molto bene il suo ruolo, e riuscirà, a mio modesto avviso, nel suo intento a leggere le posizioni assunte da alcuni pseudocolleghi su questo ed altri portali. E' solo una questione di tempo, facilitata dalla ignoranza palesemente ipocrita di chi ritiene difendere i propri interessi facendosi consigliare da altri che non siano i sindacati (chiunque siano), o meglio ancora, da quel pizzico di ragionevolezza che ognuno dovrebbe possedere. Iniziare su una parte (ma per chi vuole su tutto) del p.v. in gestione la "modalità" in Iperself, equivale lasciar spazio successivo al post-pay (per dire che il Gestore resta elemento essenziale) perchè in grado di offrire un prezzo competitivo rispetto quella in "servito" (ed eccoci parametrati all'Europa) ......... . Non oso pensare, lo lascio all'immaginazione che ancora ci rimane, quale dovrebbe essere il ruolo del Gestore nei piani "commerciali" di Eni, considerato il ruolo dominante che le leggi ormai gli hanno assegnato. Appare chiaro, che le continue deroghe e principi che Eni ha ritenuto assumersi agli accordi precedentemente sottoscritti, dimostrano solo un percorso di deristrutturazione della rete equiparabili alla demolizione di una struttura per poi fondarne un'altra che non tenga conto della nosta "odiosa" presenza. In questo caso, se quanto precedentemente espresso resta solo frutto dell'immaginario distorto della mia persona, mi aspetto, e forse se lo aspettano anche i suoi Gestori, da Eni una ragionevole giustificazione che possa smentirlo.

  • peppe  - inevitabile

    sono assolutamente daccordo con Gianpiero, tuttavia non credo possibile, nell'immediato, che si verifichi la rivoluzione prevista per la nostra categoria. Non è detto che tutte le compagnie si adeguino, nè tantomeno che la strategia di Eni dovrà essere vincente a tutti i costi. Non dimentichiamo che i Gestori rimangono una risorsa delle compagnie petrolifere, e la loro cancellazione, nelle aree disagiate sempre più numerose del nostro territorio, porterà a costi di gestione per le compagnie addirittura più alti di un impianto classico . Ad esempio : impianto servito, fuori mercato, con iperself solo nelle ore notturne, 2 milioni di litri, 1500000 durante l'apertura , 500000 durante la chiusura, costo 76000 euro di margine al Gestore meno la partecipazione allo sconto, diciamo altri 10000, fanno 66000 euro di costo Gestore. Una volta diventato iperself 24 ore, il margine Gestore verrà rivolto TOTALMENTE alla clientela, con aggravio di costi e, immaginando un aumento dell'erogato notevole, anche una perdita sul venduto extrarete magari vicino all'impianto Eni. Alla fine, passata la bufera, il c******e di turno si accorgerà che è stata tutta una cazzata ed il successivo c******e punterà sulla promozione, sul servizio o sull'estetica degli impianti, magari investendoci qualche milionata di euro. Sono quasi trent'anni che gestisco un impianto, dal 1985 uno dei primi total self in Campania, e ne ho le palle piene degli avvicendamenti al vertice. Alla fine, in un modo o nell'altro, ne usciremo fuori. La prima cosa da fare è eliminare il credito, se un cliente non può pagarvi in contanti, prima o poi non potrà farlo neanche a fine mese.

  • mirko

    E' un problema esistente da 30 anni,e cioe', le compagnie non sopportano il Gestore perche' sono avide per loro stessa natura,di conseguenza indirizzando il Gestore verso la ROVINA SE LO TOLGONO DAVANTI senza alcun indennizzo.Cari amici,il motivo e' solo questo.Io cmq faccio il -5 h 24,elimino due dipendenti e lavoro da solo.Se l'impianto non mi perde di fatturato penso di guadagnare lo stesso anche in questo modo.

  • Leobike  - dubbio

    Io sono assolutamente nuovo e chiedo.
    1) come mai si trova sempre qualcuno che vuole fare il Gestore.
    2) non è ipotizzabile che con h24 si possano ridurre costi (dipendente piazzale)

  • pompa magna

    1) Perché visto da fuori quello del Gestore sembra un lavoro facile
    2) ti sembra una bella cosa? aumentiamo la disoccupazione và...

  • Giancarlo Maritato  - 1996, iniziava il fdt.

    Chi c'era nel 1996 quando iniziò il fdt, ricorderà benissimo che i toni e i temi della discussione erano analoghi a quelli di questi giorni circa l'H24.
    Io penso che oggi come allora, un sistema nuovo di vendita possa avere pregi e difetti e non si possa dare un giudizio assoluto. Ogni impianto ha sue problematiche, suoi clienti e suoi concorrenti e la convenienza o meno di una modalità di vendita va rapportata ad esse.
    Nel 1996 ci fu chi aderì solo per un mero calcolo economico e ne trasse convenienza riducendo effettivamente il personale e ci fu chi aderì senza alcun motivo fondato dando così il via alla stirpe dei "Gestori galoppatori" che lavoravano come prima però guadagnando di meno. Stirpe che, peraltro, sopravvive anche nei nostri giorni ed è magari la prima a sbraitare contro il collega stolto che, facendosi due conti, ritiene che l'H24 potrebbe essere qualcosa da tentare, magari perchè si trova in quella terra di mezzo rappresentata da un impianto che non gli rende abbastanza da permettersi un dipendente ma che che richiede orari e impegni difficilmente sopportabili in solitario.
    Sarebbe bene che, prima di agitarsi verso chi non rifiuta a priori la novità, ognuno si facesse un personale esamino di coscienza valutando se galoppando al fdt, facendo credito sconsiderato, aderendo a iniziative davvero volte ad allontanarlo dal cliente (Iperself notturno) non sia stato esso stesso a dare il la a questa nuova invenzione dell'Eni.
    Concludo dicendo che nel 1996 si gridava alla fine del Gestore, sono passati quasi 20 anni e siamo ancora qua e in fine e in fondo, anche la scelta di come vendere i carburanti fa parte della libertà di decisione di chi vorrebbe sentirsi almeno un pochino un imprenditore.

  • x Maritato  - anchio mi ricordo,

    che Eni iniziò il percorso del "post pagamento" nel 1986 c.a, e fu un vero fallimento. Qualcuno gli ha riconosciuto il merito innovativo poi riproposto e ridefinito in "FdT" dal 1995, ma si iniziava a parlare di conti economici e di remunerazione minima del Gestore riconosciuti in accordi nazionali. Se ben ricordi si parlava anche di accordi di colore nei quali al Gestore non venivano ricaricati i costi delle "iniziative promozionali". Da allora mi pare che, smantellato il criterio della "remunerazione minima", il margine in fattura sia stato più che svalutato.
    Resta inteso che mi riferisco ai Gestori che vivono la loro realtà sui propri impianti in gestione, non ad altri che di "Gestore" hanno ben poco da vantarsi. Anchio concludo che esprimere "anche la scelta di come vendere i carburanti fa parte della libertà di decisione di chi vorrebbe sentirsi almeno un pochino un imprenditore", mi pare assolutamente lontana dalla realtà considerato che, con l'attuale contrattualistica, ha ben pochi spazi per poterla dimostrare.

  • g.m

    Nessun dubbio sul fatto che le nostre possibilitaò di espressione imprenditoriale siano ridotte ai minimi termini per non dire a niente, però anche in questa occasione nessuno dell'Eni si è presentato con il fucile puntato, mi hanno proprosto H24 e io mi sono riservato di decidere sulla base di alcune condizioni che ho posto. Se aderirò, lo farò in piena "scienza e coscienza" come ho fatto dal 1994 ad oggi. Io contesto nella stessa maniera quelli che firmano qualunque cosa anche su un pezzo di carta igienica ma anche quelli "duri e puri" che non considerano che c'è chi potrebbe cogliere da una iniziativa apparentemente del tutto negativa, delle opportunità in relazione al tipo di impianto che gestisce. Spesso la differenza fra convenienza e sconvenienza, sta nei dettagli in quello che si firma e molti, troppi , non sanno leggere o capire quello che firmano. Vorrei solo chiedere quanti sanno che la notte avrebbero sempre potuto praticare il prezzo massimo servito sul self indipendentemente dal segmento in cui operano o quanti hanno notato che lo sconto sull'iperself fa riferimento al prezzo praticato e non consigliato. Sono questi i dettagli che possono trasformare una disgrazia in opportunità.
    C'è ancora gente che non sa che può praticare una maggiorazione del prezzo praticato (prevista nell'accordo sindacale) rispetto al prezzo consigliato.... :eek

  • anti Eni  - truffe e petrolieri

    Forse non si riesce a capire che il prezzo reale (almeno più "umano";) è il -10 centesimi, in quanto si avvicina al fatto che i petrolieri guadagnano molto di meno, ma guadagnano ! Invece il prezzo normale, gonfiato e assurdo, è quello durante il giorno ! QUINDI SE SI VUOLE RISPARMIARE E RIDURRE GLI INTROITI PER I PETROLIERI FATE RIFORNIMENTO SOLO IN SELF !!!!!!!

  • anti Eni

    non credo di aver detto una assurdità, poi fate come volete, fatevi fregare ancora......

  • pompa magna

    qul che è certo è che tu NON sei un Gestore di impianti di carburante

  • anti Eni

    non sono un Gestore, sono un automobilista, ma sto cercando di far aprire gli occhi ai Gestori !!!!!!! VE STANNO FREGANDOOOOOOO. Da domani lucchetti alle pompe !

  • Anonimo

    Sono un Gestore Eni. Ottima strategia di mercato. Aderiamo tutti. Ciao.

  • Moreno Parin  - Iperself H24

    Mah, secondo me Eni non sa esattamente che fare da grande in un mercato che gli è sfuggito di mano, però potrebbero anche fare tutte le loro belle iniziative, iperself H24, nuova you&eni, ecc. ma su una cosa non si dovrebbe transigere: non si tocca il margine del Gestore che già agli attuali 4 centesimi è bassissimo, va bene tutto ma il Gestore non ha più nulla da dare, ora dovrebbe solo avere.

  • Antonio  - La pura verità

    In pieno accordo con il Sig. Parin!!!! Le strategie commerciali delle compagnie DEVONO essere a totale carico di queste ultime! Vale per Eni, dovrebbe valere per TotalErg, per Esso e via dicendo.
    Sono loro che guadagnano bei soldini, e sono loro che dovrebbero farsi le guerre commerciali, noi con i nostri miseri 4 cent non possiamo far altro che accodarci. Oppure diano anche a noi i 12/16 cent in fattura, dilazione di pagamento a 30/60 gg, allora sì che sarebbe davvero nosta la scelta, nostra la guerra . Fateci lottare ad armi pari e allora, solo allora, si vedrà chi è in grado di restare sul mercato! Troppo comodo x le compagnie mandarci a combattere con le spade una guerra nucleare... che ci vadano loro!!!

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie