GestoriCarburanti

Giovedì, Feb 20th

Last update:08:32:00 AM GMT

Ad agosto Coop non ha ancora chiarito se Eni è concorrente o amico

E-mail Stampa

BENZINA In inverno vi fu una campagna promozionale comune. Poi l'Estense ha iniziato ad aprire i propri distributori

Ogni 40 curo di spesa, 5 di sconto sulla benzina. E' questa, l'offerta congiunta che lo scorso inverno, dal 21 gennaio al 18 febbraio, i supermercati Coop da una parte, compresi quindi quelli di Coop Estense, e l'Eni dall'altra hanno proposto agli automoblisti italiani.

Un patto, dunque, tra due operatori di rilievo di due diversi mercati: grande distribuzione, soprattutto alimentare, ed energia. 

Di quel patto, poi, non si è più parlato. Con il ritorno dell'estate, e delle file chilometriche in autostrada, viene quindi da chiedersi quali siano i rapporti tra il mutualismo dei centri commerciali e il Cane a sei Zampe: concorrenti o alleati? Eh sì, perché il patto invernale fu invero un po' sorprendente. Era da alcuni anni, che i colossi rossi della gdo, tra cui la società presieduta da Mario Zucchelli, mostravano chiaramente l'intenzione di gettarsi nel business delle cosiddette «pompe bianche», Viale Virgilio, 1,39 miliardi di ricavi e 10,6 milioni di utile nel 2012, ha tradotto i propositi in fatti prima a Bari e Brindisi: poi, passati l'inverno e la promozione con l'Eni, il 4 maggio ha aperto un distributore vicino all'ipermercato GrandeEmilia. E quel giorno stesso ha spiegato che in provincia di Modena avrebbe fatto non solo il bis, a San Cesario sul Panaro, ma persino il tris, nella Bassa, a San Possidonio.

In verità, come si può intuire, al gruppo guidato dall'ad Paolo Scaroni la concorrenza delle Coop può dar fastidio sino a un certo punto. Il colosso semi-statale ha una posizione a dir poco dominante sul mercato di riferimento. Tra le tante statistiche, si possono citare quelle dell'Unione petrolifera (Up): nel 2011 i consumi interni di prodotti petroliferi, per i rifornimenti dei mezzi di circolazione ma non solo, sono stati pari a 71,1 milioni di tonnellate. Ebbene: su 53,8 milioni di tali tonnellate, il 31,3% fu venduto dall'Eni. Il secondo classificato, l'Esso, era addirittura a quota 12,7%. E' ovvio che, per il Cane a sci zampe, sarebbe difficile andare oltre: percentuali superiori di mercato nella distribuzione di carburanti attirerebbero forse le attenzioni di qualche regolatore antitrust. Eppure, il comparto della raffinazione e commercializzazione di prodotti petroliferi ha chiuso il 2012 con un risultato operativo adjusted negativo per 330 milioni di euro. Che ovviamente è poca cosa rispetto ai 7,12 miliardi di utile netto consolidato. Però è logico che il colosso di San Donato Milanese sembra aver spazio per un efficientamento che passi attraverso un aumento dei volumi venduti. E allora: i distributori Coop possono rappresentare un canale al quale Eni smista parte del proprio prodotto? I benzinai mutualistici non hanno mai voluto rivelare quali fossero i loro fornitori, ma i prezzi iperscontati da loro praticati sono compatibili solo con acquisti diretti dai grandi operatori della raffinazione.

Una simile situazione potrebbe convenire a entrambe le parli in causa: il colosso petrolifero si assicura comunque un aumento delle vendite di benzina e gasolio, senza per questo dover aprire nuovi impianti di rifornimento in nuove aree geografiche. Allo stesso tempo, vista appunto la scarsa capillarità delle pompe a marchio Coop, le tariffe praticate da queste ultime non sono una vera minaccia, non potendo scatenare l'effetto concorrenziale di costringere i pesci grossi ad abbassare i propri listini. La grande distribuzione rossa, da par suo, può ampliare i propri ricavi, in un periodo di crisi dei consumi, sfruttando la benzina per politiche di fidelizzazione.

Con le diversificazioni dell'ultimo decennio, il sistema delle Coop ha sempre voluto o dovuto convivere con gli operatori di punta dei rispettivi mercati. Pensate solo ai telefoni cellulari: Coop Voce è andata a far concorrenza, anche, a Telecom Italia, da cui però comprava pacchetti di traffico, essendo un operatore solo virtuale. C'è un conflitto di interessi, in questo doppio ruolo di concorrente e cliente dell'ex monopolista della cornetta? Non sarebbe l'unico. Nel 2012, Coop Italia lanciò una campagna per indurre i consumatori a bere l'acqua del rubinetto, facendo un grosso favore alle utility, in particolare quelle emiliane come Hera e Iren: eppure il gruppo dei supermercati vende pure una minerale private label, ossia con il proprio marchio. In provincia di Modena, infine, l'Estense non ha esitato ad aprire parafarmacie nei propri punti vendita, nonostante lei stessa sia uno degli azionisti della geminiana Farmacie Comunali spa.

Fonte: Modena Qui

Commenti (3)
  • Anonimo

    coop+eni = MAFIA ma non èuna novità :grin :grin :grin :grin :grin

  • Nicola  - pace

    tranquilli, tra cani grossi non si sono mai mangiati. Solo i piccoli si fanno la guerra.....ops, solo i Gestori si fanno la guerra. :))))

  • oleoblitz  - ahahahahahah

    amici o nemici??? cambia qualcosa??? dietro le loro scrivanie con tappeti lussuosi e arazzi sui muri decidono ordinano fanno e disfano e noi??? cari colleghi di questo fottutissimo lavoro vi posso dire la battuta di alberto sordi nel marchese del grillo .... io son io e voi non siete un c***o ... ecco cosa pensano di noi!!!!!!!!!!!!! ai posteri ardua sentenza di quel ke rimarrà ancora in piede in questa guerra degli sconti !!!!!!!!! :grin

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie