GestoriCarburanti

Giovedì, Nov 15th

Last update:06:55:10 PM GMT

Commercio: Confesercenti, negozi mai cosi male dal 2013

E-mail Stampa

fallimento 02Una frenata piu' brusca di quanto atteso, da cui non si salva nemmeno l'online, e che per i piccoli negozi e' la peggiore degli ultimi 5 anni. Uno stop che purtroppo conferma il nostro allarme sui consumi: secondo le nostre stime, nel 2018 difficilmente cresceranno piu' dell'1%, il risultato piu' basso dal 2014.

Cosi' Confesercenti sui dati Istat relativi alle vendite del commercio al dettaglio a settembre. A soffrire di piu' sono le vendite di beni alimentari, con una riduzione rispetto a settembre 2017 di 1,6% in valore e 3,1% in volume, mentre i non alimentari fanno registrare rispetto rispettivamente -3,1% in valore e -2,6% in volume. Considerando i 9 mesi gia' trascorsi, la variazione media si attesta a -0,7% in volume.

La frenata di settembre coinvolge tutte le forme distributive: la grande distribuzione (-1,2%) e persino il commercio online, con le vendite dell'eCommerce che vedono passare il progresso sull'anno dal +8,6% di agosto al ben piu' modesto +2,7% di settembre, quasi un terzo. Non c'e' dubbio, pero', che il crollo peggiore sia stato registrato dai negozi, che a settembre segnano una diminuzione sull'anno del -4,3%, ottavo risultato negativo su nove mesi del 2018 ed il peggiore dal 2013.

A pesare sui consumi, sottolinea Confesercenti, "e' un clima di crescente incertezza, dovuto anche alle indeterminatezze che ancora circondano la manovra di bilancio, tuttora al centro di un confronto-scontro con le autorita' europee. Una situazione che non preoccupa solo i mercati, ma anche gli operatori economici e le famiglie".

Anche il miglioramento del clima di fiducia di queste ultime, infatti, e' ascrivibile soprattutto alle valutazioni sulle prospettive future: i giudizi sul clima economico, personale e corrente invece peggiorano. Le nostre imprese, inoltre, ci segnalano il perdurare del rallentamento delle vendite, e anche il dinamismo del turismo pare essersi appannato. "Il governo - dichiara Patrizia De Luise, presidente Confesercenti - deve ristabilire la fiducia, e risolvere la 'questione manovra' e' il primo passo necessario. Occorre riprendere un dialogo costruttivo con l'Europa per poter dare, nel piu' breve tempo possibile, sicurezze alle imprese ed ai consumatori sui provvedimenti in arrivo.

Tra sette giorni dobbiamo dare una risposta chiara e autorevole alla Commissione europea. Un appuntamento a cui bisogna arrivare sapendo che non possiamo piu' permetterci questo clima di incertezza, che rischia di diventare un macigno sui consumi interni e pregiudicare ancor piu' la crescita".

Commenti (2)
  • anonimo

    La Confesercenti,
    non Sto arrivando! ancora che i pv tradizionali hanno chiuso da tempo?
    Faib che dice sulle chiusure delle gestioni?
    SVEGLIA!!!!!!
    Alimov

  • Alex

    Ogni uno la vede secondo i propri comodi,
    la cosa certa è che i tempi di reazione dei mercati non sono così rapidi.
    Quello che sono i risultati di oggi si riferisce alle politiche commerciali messe in atto già da qualche anno.
    I nostri governi passati ,
    per favorire le grandi catene commerciali Francesi hanno liberalizzato gli orari,
    innescando così una miccia che ha portato alla morte silenziosa di migliaia di piccole attività commerciali più delle volte gestite a conduzione famigliare.
    Nel frattempo i piccoli commercianti che cercavano di resistere sono stati finiti da quella valanga di clandestini che mentre mangiano approfittando della nostra accoglienza,
    vendono prodotti contraffatti e non, sulle spiagge, negli ingrassi dei centri commerciali, nei posti strategici delle piazze facendo incassi mensili che un commerciante vero riesce a fare in sei mesi di duro lavoro.
    Tutto questo naturalmente non viene parlato in TV e sui media altrimenti bisogna affrontarlo e nessuno ha interesse a fare questo.
    Però se si immagina quanta evasione genera questo gioco a monte, forse sarebbe il caso di affrontarlo.
    Mentre solo perché ora internet altro concorrente strategico, sta toccando gli interessi dei centri commerciali, la confesercenti si preoccupa di fare le sue conclusioni.
    Se le associazioni tenevano hai propri iscritti si sarebbero almeno preoccupate in questi anni di non far rubare ai commercianti le spese annuali per il registratore di cassa, visto che essendo un misuratore la revisione va fatta ogni due anni, mentre gli operatori approfittando del terrore che gli esercenti hanno verso la pubblica amministrazione, ogni fine anno programmano il registratore per fare in modo che esce una scritta che stolcheriza il commerciante.

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie