GestoriCarburanti

Sabato, Feb 29th

Last update:08:32:00 AM GMT

Consumi, dall'auto 13 miliardi in meno

E-mail Stampa

Per la prima volta la spesa di riparazioni e manutenzione supera quella per gli acquisti

Per il settore auto il 2012 non passerà alla storia come un anno nero soltanto per le vendite di quattro ruote, ma anche per l'intera gamma dei consumi automobilistici. La spesa per l'acquisto e l'esercizio di autoveicoli (vetture, veicoli commerciali, veicoli industriali e autobus) nel 2012 scenderà a 185,5 miliardi dai 198,1 miliardi del 2011: meno 6,37%, quasi 13 miliardi. 

La stima è stata fatta da Econometrica considerando i dati disponibili sull'andamento delle singole voci di spesa e le dinamiche dei prezzi che continuano a essere in crescita nonostante la crisi. Come mostra la grafica, 0 calo è generalizzato per tutte le voci eccetto quelle relative alle tasse automobilistiche e ai carburanti, che aumentano però soltanto per il carico fiscale. Nel comparto dell'auto per ora a vincere è dunque il Fisco. Tutti gli altri perdono, ma l'effetto Laffer, cioè la possibilità che all'aumento delle imposte consegua una diminuzione del gettito, è dietro l'angolo.

Per il 2012 la previsione è di 71,8 miliardi, con un incremento del 6,06% sul 2011, dovuto però esclusivamente alle imposte: i consumi arretrano con una percentuale a due cifre e diminuisce anche la quota del fatturato alla pompa che va a compagnie petrolifere e distribuzione.

Al secondo posto si registra un'importante novità: il fatturato per manutenzione e riparazioni supera per la prima volta quello per gli acquisti di autoveicoli. Il sorpasso non avviene tuttavia perché il fatturato per autoriparazione cresce, ma semplicemente perché arretra meno di quello delle vendite, che subisce una contrazione del 24,6%. Tra l'altro anche la riduzione del giro d'affari delle officine è un fatto nuovo perché fino al 2011 aveva tenuto in quanto il rinvio di molte decisioni di sostituzione di auto faceva aumentare il fabbisogno di manutenzione, compensando l'impatto negativo della crisi. Nel 2012 non è più così. Da un lato sale il numero di coloro che rinviano gli interventi non indispensabili e dall'altro - come emerge con chiarezza dai dati sui consumi di carburante e da quelli sui pedaggi - l'uso degli autoveicoli è in calo e ciò comporta una minore necessità di passaggi in officina.

La quarta voce nella graduatoria della spesa è quella per la Rea. L'esborso degli italiani per questa assicurazione obbligatoria, accusa nel 2012 una contrazione minima. Se tuttavia si considera che vi è stata anche in questo settore una certa crescita dei prezzi, emerge che gli italiani stanno risparmiando sulle polizze. Ovviamente non si può evitare la copertura obbligatoria, ma probabilmente si limano i massimali che superano il minimo previsto dalla legge. E, in tema di assicurazioni diverse dalla Rea, va segnalato che per il ramo incendio e furto la spesa scende del 7,5%. Nelle voci minori (si fa per dire) spicca la contrazione del 14,1% per gli pneumatici.

Dopo la recente fase positiva per l'introduzione delle soluzioni invernali, ora cominciano a sentire i morsi della crisi, come d'altra parte i pedaggi autostradali per i quali, nonostante gli aumenti delle tariffe, è previsto un calo del 7,03% nonché i lubrificanti che risentono sia del calo delle percorrenze medie sia della tendenza a rinviare anche il cambio dell'olio.

Fonte: Il Sole24Ore

Commenti (2)
  • lino q8

    bella scoperta..è normale che il Fisco incassa di piu! o meglio ,fino ad oggi ma andando avanti così anche il Fisco incasserà meno.
    La vendita delle auto è in forte calo? chi se ne frega tanto La Fiat nel terzo trimestre ha chiuso con un bell'utile,grazie al c.......o le vendite vanno male,paghiamo Noi contribuenti vanno bene ,l'utile resta in casa Fiat facile fare l'Industriale in questo modo,chi non ne sarebbe capace?
    Questi non hanno ancora capito che non ci sono più soldi ,la massa operaia ,che è quella che muove l'economia, è alla frutta o peggio.

  • gest.eni

    Ed Eni dove la mettiamo?
    Dicono che con gli impianti perdono e chiudono il primo trimestre 2012 con 6 miliari di utile.
    E in aggiunta chiedono ai Gestori di partecipare alla diminuzione del prezzo al pubblico con il loro margine,già ridotto all'osso, condannandoli a morire.

    COMBATTENDO UNITI(Faib,fegica,Figisc e Gisc)RIUSCIREMO A SOPRAVVIVERE.

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie