GestoriCarburanti

Sabato, Jan 18th

Last update:08:32:00 AM GMT

Possibile proroga dell'aumento delle accise per il sostegno al cinema

E-mail Stampa

Nonostante i consumi dei carburanti precipitino con percentuali a due cifre,  il governo nella giornata di ieri, ha proposto nella legge di stabilità, posta all'attenzione della commissione Cultura della Camera, di rendere strutturali fino al 2016 gli aiuti fiscali al cinema (la cosiddetta tax credit).

Gli incentivi, che hanno un costo annuale di 90 milioni, vengono attualmente coperti con l'incremento dell'accisa sulla benzina già previsto per gli anni precedenti. La proposta mira a prorogare di tre anni la tax credit in favore del settore cinematografico, la cui scadenza è attualmente fissata al 31 dicembre 2013.

L'obiettivo, si legge nella relazione dal governo, è quello di consentire al settore una programmazione "a lunga scadenza, fornendo utili certezze nel difficile frangente economico sul mantenimento di uno strumento di sostegno che ha dato ottimi risultati, tanto da essere considerato imprescindibile per il cinema italiano".

Per quanto riguarda le coperture, la relazione tecnica spiega come oltre al prolungamento dell'incremento delle accise sulla benzina, una norma ad hoc della legge di stabilità del 2012 preveda la possibilità che, "qualora non tutte le risorse" derivanti dall'incremento dei carburanti vengano utilizzate per il credito d'imposta, la parte residua confluisca nel Fondo per le attività cinematografiche.

Diventa cosi rituale anche per il governo dei cosiddetti tecnici,  non solo la pratica di fare cassa con le accise ma di fare credere che siano temporane per poi farle diventare strutturali. L'ultimo atto risale a qualche settimana fa ed ha reso permanenti gli incrementi dell`imposta sui carburanti pro terremoto in Emilia, la parte di contributo per ridurre le imposte all`Abruzzo e la copertura del nostro bonus fiscale. La scadenza era per fine dicembre del 2012. 

Commenti (13)
  • Max

    e certo tanto noi Gestori siamo diventati delle onlus...ma a noi chi ci aiuta?con quello che costano i biglietti i cinema dovrebbero essere autosufficienti vi pare?
    e chi dovremmo sostenere ancora?
    visto che siamo in regime di spending review allora facciamo a meno anche del cinema no?
    direi che e' ora di finirla di mettere accise per ogni starnuto..
    e sarebbe anche ora di togliere le accise vecchie come il cucco..
    c'e' da dire che dopo quest'ultima notizia ho finalmente dato un senso al mio lavoro...e stasera dopo le mie solite 13 ore sul piazzale chiudero' piu' sereno e felice per aver contribuito ad ingrossare ulteriormente il portafogli di tutti quelli che fanno spettacolo e che sono gia' strapagati per fare gli idioti ...

  • anonimo

    Questa nazione è diventata un barzelletta gli unici attori da aiutare siamo noi!!!! Addio italia.......

  • IP

    caro max non ti incazzare tanto questa è una delle tante promesse dei nostri governanti. Al 31 12 2012 l' ACCISA diventerà fissa oppure in altri termini STRUTTURALE. :( :( :( :( :( :( :( :( :( :( :( :(

  • peppe  - ma quale cinema....

    tenetevi pronti, nuovo aumento dell'accisa per il terremoto in Calabria....ma quale cinema !!! A Napoli diciamo : A' ZIZZINELL' E' DDOCE !! Traduzione : la mammella femminile ha un buon sapore....quindi spremiamola bene finchè da il latte.

  • Max

    guarda sarei ben felice se sapessi che i soldi che si prendono fossero per chi ha veramente bisogno..quindi anche per coloro che hanno subito dei danni per colpa del terremoto..quello che non sopporto e' che in piena crisi si salti fuori a chiedere contributi anche x il cinema..ma e' proprio necessario?ma lo sanno o no quanti soldi prendono questi anche per 2 minuti di spettacolo?
    e le accise vecchie?si puo' sapere dove vanno a finire tutti questi soldi?
    e ancora..a noi ci spremono come limoni e ogni giorno ecco che salta fuori quel politico o quell'amministratore che si e' fregato milioni di euro..(dei nostri ovviamente)..a questa gente non si deve fare il processo perche' pure quello lo paghiamo noi..non si devono mandare in galera perche' siamo sempre noi che li manteniamo..questi una volta beccati devono dare indietro tutto quello che si sono fregati..li dobbiamo lasciare in mutande e che andassero a lavorare a 700 euro al mese.ammesso che lo trovino il lavoro..e dire che la costituzione recita che l'Italia e' una repubblica democratica fondata sul lavoro ..ma sul lavoro di chi?Fornero vorrei che se la rileggesse un po la costituzione e in particolar modo l'articolo 4...poi vediamo chi e' choosy e chi invece e' c.......a..

  • Gestore esso

    Ma le nostre associazioni non si fanno mai sentire??? Solo mi soldi della tessera vogliono???

  • Anonimo

    io se fossi nel governo,visto che i Gestori si lamentano anche quando gli concedono degli sconti fiscali,vedi bonus.lo toglierei abbassando quindi di pari importo le accise

  • Giank

    Non è mia usanza offendere ma questo intervento poteva scriverlo solo un idiota disinformato.
    Visto che non lo sai, ti informo che il bonus fiscale rappresenta solo un minimo riconoscimento della nostra attività di esattori e finanziatori per conto dello Stato e quindi anche e purtroppo per quelli come te.
    Forse gioverà ricordarti anche che questa attività viene peraltro svolta sempre più spesso a rischio della propria incolumità e talvolta anche della vita.
    Riguardo allo spettacolo, sarebbe ora che cominciasse a vivere dei propri introiti e non della carità dello Stato.

  • gest.eni

    L'anonimo non si firma perchè è un pavido ed è cosciente delle cazzate che spara.
    Non sarà sicuramente un Gestore.

    Tornando a noi Gestori,da mesi ormai che evidenziamo che ci sono contro tutti:Governo,compagnie petrolifere e compagnia cantante,Se andiamo avanti così però ci limitiamo a vederci cuocere a fuoco non molto lento fino alla morte delle nostre attività.
    MI ASPETTEREI PERO' CHE LE NOSTRE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA,FINANZIATE DAGLI ISCRITTI PER TUTELARE I NOSTRI DIRITTI,SI MUOVESSERO FINALMENTE IN QUESTA DIREZIONE.
    CHE ASPETTIAMO!CHE ASPETTIAMO!CHE ASPETTIAMO!CHE ASPETTIAMO!

  • mike

    SE NON SI FA UNA MANIFESTAZIONE A LIVELLO NAZIONALE LA DRAMMATICITA'DEI NOSTRI PROBLEMI RIMANE "NEL RECINTO"DEGLI ADDETTI AL SETTORE.
    I COLLEGHI DEL FRIULI CHE HANNO MANIFESTATO SPONTANEAMENTE NON SONO STATI "CAGATI DI STRIECIO"DA NESSUNO.
    E LE COMPAGNIE PETROLIFERE FACENDO FINTA DI SAPERE CHE IL PROBELMA RIGUARDA SOLO UNA PICCOLA MINORANZA VANNO AVANTI IMPERTERRETI E SENZA SCRUPOLI CON LE LORO POLITICHE COMMERCIALI NEL CUI CENTRO C'E'LA FIGURA DEL Gestore SOLO A PAROLE.
    ASPETTIAMO FORSE QUANDO TUTTO SARA' CENERE?

  • mario api ip

    basta aspettare fine anno per vedere quante chiusure ci saranno..
    e quanti impianti riaperti selfizzati, saranno le compagnie a farci concorrenza..

  • commerciante alla resa dei con

    Per rilanciare il cinema basterebbe bloccare il download e lo streaming illegale da internet... Si rilancerebbe così anche tutto il settore del videonoleggio e suo indotto. In Italia hanno chiuso circa 5.000 videoteche, aziende costruttrici di distributori automatici chiuse, blockbuster italia fallita.... Ma forse per i governi del belpaese queste categorie non producevano abbastanza gettito fiscale....
    Mi spiace che di nuovo si ricada sulle accise così da deprimere ancora di più tutto il commercio e non solo quello dei carburanti...

  • commerciante alla resa dei con  - commerciante

    era: commerciante alla resa dei conti

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie