GestoriCarburanti

Sabato, Jan 18th

Last update:08:32:00 AM GMT

Grilli, no ad accisa mobile

E-mail Stampa

Bisogna ridurre le accise in maniera strutturale non appena ci saranno spazi per farlo ''non sono favorevole a un decreto anticiclico sui carburanti, ma bisogna ridurre le accise sulla benzina in maniera strutturale perche' il decreto anticiclico andrebbe solo a favore dei Paesi produttori ed e' sbagliato. Bisogna invece ridurre le accise in maniera strutturale non appena ci saranno spazi per farlo''.

Cosi', all'assemblea degli industriali di Verona, il ministro dell'Economia, Vittorio Grilli, confermarmando le intenzioni del governo di non usufruire del meccanismo dell'accisa mobile su cui avevano lavorato i tecnici del Mse. 

Sulle voci  circolate nei giorni scorsi su possibili dismissioni di pacchetti azionarie di Eni, Enel e Finmeccanica il ministo ha detto che il governo non ha in programma di ridurre le partecipazioni azionarie, ma per abbattere il debito serve un programma pluriennale da "centinaia di miliardi", che passa attraverso una stretta collaborazione con gli enti locali.

"Se lo Stato dismettesse la partecipazione in Finmeccanica si ritroverebbe 700 milioni, e perderebbe Finmeccanica", ha detto Grilli a titolo di esempio, intervenendo dal palco.

"Dobbiamo avere un programma (di dismissioni) pluriennale, da centinaia di miliardi, che passa per la collaborazione con il territorio, perché altrimenti lo Stato finisce la benzina in due anni", ha detto Grilli, riferendosi al coinvolgimento degli enti locali.

Commenti (11)
  • eni

    intanto la Esso con il suo -14 o - 11 sta facendo strage......non è da meno totalerg con i suoi prezzi in servito ed i suoi TE senza Gestore con prezzi stracciati... se ci mettiamo qualche privato con -15 - 13 .....altro che accise....intanto Eni sta sparando prezzi sempre piu' alti ed è immobile con il suo -10 ormai scaduto....

  • Anonimo

    Visto che la partita e' persa in partenza, visto che total vuole aggredire con il servizio mentre esso con il self e che l'iperself non da frutti anzi creandoci concorrenza nel punto vendita.... e abbandonare il -10 e cercare di guadagnare di piu' vendendo meno?

  • Anonimo

    Altro che -10, -11, -14, accise mobili e sterilizzazioni dell'iva, per risolvere il problema economico italiano Scaroni ha detto in commissione:
    la rete italiana è da riassettare perchè troppi punti vendita, i Gestori pesano troppo con i loro 4 centesimi di costo mentre l'europa è tutta in self.
    La risposta del Gestore negli ultimi anni è quella di rispondere incentivando il self vendendo a margine ridotto e, dal punti di vista commerciale, ad un prezzo notevolmente più basso rispetto alla vendita standard, tenendo pure conto pure delle fidelity card.
    Quindi, vedendo cosa fa il Gestore esso e eni, diamo ragione al Scaroni accellerando il processo di selfizzazione degli impianti, l'esclusione del Gestore "povero benzinaio con la pompa in mano" e facendo morire i piccoli impianti perchè non riescono a stare dietro ne ai meni e ne ai grandi impianti.
    Grazie allo scontone e all'H24 e simili abbiamo insegnato che è possibile far funzionare una stazione di servizio senza Gestore.
    intanto anc'ora stiamo pensando al profitto di oggi non tenendo conto ila profitto futuro dimostrando che Scaroni ha ragione e non è necessario ridurre la tasssazione fiscale sul carburante

  • seppia

    il solito "anonimo" che ben si conosce , e che approfitta sempre della pazienza della categoria per dire una fraccata di stronzate.
    Benchè non valga la pena di rispondere , anche levando il Gestore e famiglia , più di due cent non si risparmia , perchè gli altri due cent sono per le spese gestione , luce tasse acqua ,commissioni e cazzate varie.
    E agli automobilisti non ne verrebbe comunque in tasca niente perchè dopo 4 settimane i due cent risparmiati, col Gestore che non c'è più, se le intascano le compagnie . E siccome gli impianti sarebbero a quel punto diminuiti , seguendo la volontà di scaroni , non ci sarebbe neanche più necessità di fare concorrenza.
    Cosi lo Stato seguita a incassare il massimo , le compagnie guadagnerebbero il massimo , l'automobilista fregato perchè allo stesso prezzo e un po di più deve fare self obbligatotio sugli impianti rimasti aperti.
    E quelli chiusi bonificati a spese di un fondo che per la regola del profitto sarà alimentato da un ulteriore aumento.

  • Anonimo

    Mi dispiace aver fatto capire che quelle possono sembrare stronzate, ho solo detto l'evidenza mettendo in chiaro la situazione di oggi, infatti il disegno Scaroni è quello detto nell'audizione mentre il Gestore in genere ha attuato una politica che a mio avviso non va contro al modello Scaroni ma ne va a vantaggio.
    Ci sono Gestori che stanno tenendo duro, che non si abbassano all'incentivazione del litro ma preferiscono continuare con il servizio, e ci sono Gestori che stanno ampliando l'isola self oltre la metà delle pompe disponibili.
    Ho scritto questo pensiero che se può essere utile è bene se no può essere ignorato che tanto ormai, anche se io sono iscritto al sindacato, oggi siamo tutti divisi e non c'è più possibilità di parlare l'uno con l'altro perchè ognuno pensa per se, io compreso.

  • mario api ip

    sconti sconti, fin quando accetterete saremo sempre nella m***a tutti , chi per il venduto in calo e chi per i volumi senza guadagno :)
    un mio collega ip fa - 6 fino a giovedi , venerdì e sabato - 10 e 2 centesimi di partecipazione , insomma se il cliente fa sempre il pieno il venerdi o il sabato, guadagni 2,7 centesimi lordi , poi togli anche le spese con pagamenti con carta , continuiamo a incentivare il self x non perdere volumi evvaiiiiiiiiii

  • Marcello Fornaro  - Tecnici

    Informate Grilli che la questione dell'accisa non c'entra un benemerito c***o. Il problema era quello relativo all'Iva sull'accisa e sulla base imponibile, che già di per se è anticostituzionale, e che, visto che è in percentuale amplificava ancor di più l'aumento delle quotazioni. Non si chiedeva allo stato di ridurre l'accisa, ma bensì di non cavalcare l'onda delle speculazioni internazionali, solo durante le fasi rialziste del mercato. Giornalisti dove siete?

  • peppe  - ...non appena ci sarà lo spazio per farlo.

    in trtent'anni di gestione , lo spazio per farlo non l'hanno mai trovato. Non abbasseranno MAI le accise, anzi. Secondo voci di corridoio , è in programma (finalmente) anche l'aumento delle stesse su GPL e Metano, come è giusto che sia. Altri 700 milioni/anno finora sottratti allo Stato con la vendita di carburanti che di ecologico hanno solo il nome.

  • Alessandro Tamoil

    Finalmente??? Che sei contento che aumenti anche il GPL e il metano invece di chiedere una riduzione del prezzo su benzina e gasolio!???? Mah...!!! Come ragioni?

  • Anonimo

    si vede che nel suo impianti non ha ne gpl e metano e in questi anni a perso le vendite.....

  • Anonimo

    e gli potrei dare anche ragione,alla fine l'accisa e un modo per farci pagare le tasse,perche chi viaggia a metano o gpl non le deve pagare?!?!?!sarebbe meglio o levarle del tutto o essere uguali per tutti!!!

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie