GestoriCarburanti

Giovedì, Dec 05th

Last update:08:32:00 AM GMT

Dati preoccupanti nel rapporto della Confcommercio sulle economie territoriali

E-mail Stampa

Lo scorso anno è stato negativo per tutto il settore che raggruppa le attività del turismo, del tempo libero e delle comunicazioni. Nel complesso il comparto ha fatto registrare, tra iscrizioni d'imprese e cancellazioni, un saldo negativo per oltre 13 mila aziende, praticamente sparite.

"Il numero delle cessazioni è stato elevato in tutte le componenti del settore, ma è nei servizi di ristorazione - si legge nello studio della Confcommercio sulle economie territoriali e il terziario di mercato - che ha raggiunto valori preoccupanti, rappresentando oltre il 67% del totale delle cancellazioni dell'aggregato", ovvero 8.857 su 13.199.

Estendendo lo sguardo, secondo Confcommercio nel totale dell'economia le aziende andate in fumo nel 2011 sono oltre 2 mila. L'associazione rileva per il commercio la perdita di più di 30 mila esercizi, per il trasporto e la logistica di quasi 7.900 imprese e per gli altri servizi (dagli studi professionali alle agenzie immobiliari) il saldo negativo risulta essere di 9.400.

La crisi colpisce ristoranti, trattorie, pizzerie. Il saldo in forte perdita tra aperture e chiusure ha conseguenze non solo economiche ma anche sociali, visto che si tratta anche di luoghi di incontro. Il numero di attività praticamente scomparse nel 2011 risulta così particolarmente alto e peggiora i già 'neri' risultati registrati a partire dal 2009.

Le cifre parlano chiaro: il settore della ristorazione ha visto andare in fumo 8.857 esercizi, infatti a fronte di 15.772 iscrizioni si contano ben 24.629 cessazioni.

"E' un dato molto brutto e non può attribuirsi a un fisiologico processo di selezione, si tratta di una vera e propria patologia che distrugge anche il tessuto connettivo delle relazioni sociali, andando ad incidere sui momenti di convivialità", spiega il direttore dell'Ufficio studi della Confcommercio, Mariano Bella.

Per il 2012 le speranze sono davvero poche:"Essendo un anno di crisi mi aspetterei dati non migliori sui ristoranti", sottolinea Bella.

Insomma la scure della recessione potrebbe abbattersi ancora sul comparto, che già ha pagato dazio oltre che durante lo scorso anno anche nel 2010 (-4.057) e 2009 (-5.474). Allargando lo sguardo, Confcommercio rileva come il 2011 sia stato negativo per tutto il settore che raggruppa le attività del turismo, del tempo libero e delle comunicazioni.

Nel complesso il comparto ha fatto registrare, tra iscrizioni d'imprese e cancellazioni, un saldo negativo per oltre 13 mila aziende.

Quindi, si legge nel rapporto, "il numero delle cessazioni è stato elevato in tutte le componenti del settore", raggiungendo il picco nei servizi di ristorazione (67% del totale delle cancellazioni dell'aggregato). Hanno così fatto le spese della crisi le imprese che offrono servizi di alloggio, come gli alberghi, (-837), le agenzie di viaggio (-393) e le attività d'intrattenimento (-1.317). Tutte performance che evidenziano, si legge nello studio, "una frenata della dinamicità del settore che ha risentito fortemente del ciclo recessivo della nostra economia e conseguentemente della ridotta domanda di servizi da parte delle famiglie".

Commenti (4)
  • mario api ip

    l'euro a rovinato tutto, con rincari doppi su tutti i prodotto, poi lo stato con le sue tasse, ci avete tolto pure il sangue , la gente non ha soldi x fare la spesa figuriamoci se va al ristorante , o fare il pieno alla macchina , per farsi il wekkend, io vedo solo gente che rompe i salvadanai , viene con le monetine a fare benzina , 3 euro 5 euro,giusto per fare le commissioni urgenti, senò va a piedi , qui da me non ci sono ne trvam ne autobus, nel paese , vedo solo gente affamata , come mè, questa e la verità.. io vendo benzina e se non la vendo , e xkè non ci sono soldi , manca il lavoro, poi arriva qualche inteligentone e ci finisce di uccidere con gli sconti ...
    GRANDE ITALIA , LA TERRA DEI CACHI !!

  • mario api ip

    a proposito di 3 euro di benzina della gente che rompe i salvadanai , e appena venuta una signora a messo 3 euro appena finito di scrivere il messaggio precedente, la cosa che ma fatto incazzare e che aveva le mani così curate 3 cm di unghia colorate e decorate , ma sapete quanto costa un estetista ?
    mettessero le tasse a chi fa questo lavoro , che la maggiorparte lavorano in nero e in casa , cercateli che sono tantii

  • Tony Montana

    Dopo la bufera arriva il sereno .......

  • Tony Montana

    Qui mi sembra che se va tutto male qualcuno è felice perchè almeno va male anche ai colleghi o meglio ai concorrenti ........ COME QUEL TALE CHE TROVò LA LAMPADA DEL GENIO DI ALADINO ......... LA FREGò E IL GENIO GLI DISSE UN SOLO DESIDERIO..... MA SAPPI CHE IL TUO VICINO AVRà IL DOPPIO ......... ALLARA INIZIò A PENSARE INTENSAMENTE ........SE GLI DICO UNA CASA FANTASTICA IL VICINO NE AVRà DUE...... SE GLI DICO UNA MACCHINA FANTASTICA IL VICINO NE AVRà DUE ........ SE GLI DICO UNA DONNA FANTASTICA IL VICINO NE AVRà DUE ......... GENIO, CAVAMI UN OCCHIO !!!!

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie