GestoriCarburanti

Domenica, Nov 18th

Last update:08:44:07 AM GMT

I benzinai esasperati 'Lavoro impossibile'

E-mail Stampa

Due giorni di sciopero contro le compagnie
VARESE - Un lavoro diventato impossibile: grido d'allarme dei benzinai varesini, alle prese con gli effetti ancora pesanti di una crisi iniziata ormai dieci anni fa. Le tre associazioni, Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio proclamano due giorni di sciopero, il 26 e 27 giugno, per i distributori legati al gruppo Api/Ip e Total-Erg (acquisitati di recente), 5.500 in Italia e una decina in provincia di Varese.

Si potranno trovare le pompe chiuse negli impianti di quel marchio, il 25% circa delle 40 strutture totali. Alla base il mancato rinnovo dei contratti commerciali e la frammentazione della rete nel passaggio delle diverse "casacche" dal 2014: ma quest'ultima agitazione è l'ccasione per tornare ad accendere i riflettori su una professione difficilissima. Lo spiega il presidente provinciale di Faib Luigi Bonifacio: «Molti sono stati costretti a chiudere e altri rischiano il fallimento anche qui-affonda con amarezza -. Dall'esterno forse non si coglie questo aspetto perché il prezzo al litro continua a salire ed è vero: eppure i margini per i gestori sono ridicoli. Se c'è qualcuno che si arricchisce, sono le grandi compagnie petrolifere, noi siamo al limite della sopravvivenza. Abbiamo calcolato che un impianto aperto per dieci ore al giorno genera un guadagno netto di 2,50 euro orari all'imprenditore. A queste condizioni diventa impossibile lavorare, considerando che i costi di gestione sono invece lievitati».

Nel Varesotto il problema non è tanto la concorrenza della Svizzera, molto più forte in passato ma ora mitigata con efficacia dalla Carta sconto benzina che scoraggia i frontalieri del pieno da tempo: «A patto, ovviamente, che questa agevolazione venga mantenuta e che di tanto in tanto venga adeguato lo sconto dalla Regione Lombardia», precisa il rappresentante della categoria, «io spero poi che il prossimo sciopero non si limiti solo a un marchio: tutti i colleghi dovrebbero scioperare per solidarietà. Perché le multinazionali agiscono sempre con le stesse modalità, quindi è solo questione di tempo e i problemi riguarderanno tutti. I benzinai stanno facendo fatica: la logica è quella della schiavitù e dei margini ridotti. Ogni aumento finisce in altre tasche, non nelle nostre di sicuro».

A livello locale, intanto, genera preoccupazione la concorrenza della grande distribuzione: «La prossima apertura dell'impianto al centro commerciale di Gavirate creerà altri guai, nei dintorni diversi colleghi rischiano la chiusura. Dal 2008 in poi riceviamo dei colpi pesanti che diventano mortali: lo Stato non aiuta, i costi sono altissimi, i guadagni vicino allo zero, senza contare i rischi di salute e sicurezza per chi lavora sui piazzali respirando benzene e diventando facile vittima dei ladri. E pensare che questo non è considerato nemmeno un lavoro usurante».ù

Fonte: La Prealpina

Commenti (17)
  • OLEOBLITZ

    solo ora vi lamentate, sembra strano .....son anni che non si guadagna più nulla, chi dice il contrario NON sa farsi i conti, si mangia e si fa girare del contante, chi prende bei soldoni son le compagnie e lo STATO.....il resto miseria nera, chi può meglio cambiare lavoro!!!!!! se calcoli le ore di lavoro ed il rischio,,,,,ed i soldini per fare il giro....meglio scappare perché sei meno di schiavo.... :grin

  • pippo

    Se è come dici TU ,perche ci sono Gestori che invece di andare a godersi la pensione ,passano il loro tempo in impianto a servire la compagnia ,a non guadagnare nulla ,a fare lo schiavo ?,non saranno quelli che quando cè da scioperare fanno gli gnorri ?

  • Gigi x Pippo

    8)

    Pippo adesso hai capito?

    I peggiori nemici dei Gestori sono i colleghi Gestori -

    - non scioperano
    - pur di fottere il collega "concorrente" firmano patti con il Diavolo
    - credevano di essere "bravi" quando fecero "lo scontone estivo"
    - vogliono il fallimento di 10.000 gestioni (almeno 20.000 famiglie)
    - come Zombie, dopo la pensione (che noi non vedremo mai e che percepiscono grazie ai nostri contributi) continuano a togliere il pane di bocca ai giovani

    Insomma, se ci pensi bene........il marcio è tra noi -

  • Addo

    Il problema è di fondo, gli scioperi non servono a niente; questo lavoro, almeno per come lo abbiamo inteso fino ad oggi, E' FINITO.

    L'unica possibilità è trascinarsi fino alla pensione se si è avanti con gli anni, o fuggire a gambe levate se si è ancora abbastanza giovani per farlo.

  • pippo

    Mi scusi presidente Luigi Bonifacio ,vorrei che ci spiegasse ,e spiegasse a quelli che LE pagano lo stipendio ,a meno che non lo faccia gratis ,che cosa ha fatto in questi ultimi anni il sindacato perché questo non avvenisse ,perche ,vede, quello che ci dice per NOI è aria fritta ,la storia la viviamo tutti i gg sulla ns pelle ,
    Sinceramente proclamare 2 gg di sciopero è e sempre sara ridicolo
    Vorrei dire a Addo che non è vero che gli scioperi non funzionano ,basta farlo lo sciopero magari di 15 gg ,bloccare tutto e aspettare ,funziona benissimo

  • OLEOBLITZ

    caro PIPPO non so la tua situazione e sono convinto che sai farti di conto (spero per te)....vedi ognuno è libero di farsi le sue scelte, ma poi non venga a piangere, alcuni negli anni mi ringraziano ancora per avere impedito a loro di prendere un impianto in gestione, i tempi son cambiati e tanto....il grasso non cola più e si stringono i denti per fare sera, un pensionato come me continua ma a determinate condizioni...sabato e domenica solo self, 6 ore di lavoro al giorno etc. etc. etc. quasi come un hobby...se me ne andavo l'impianto diventa GHOST.....non ci stanno matti che vengano al mio posto e la compagnia lo sa bene.....son troppo vecchio del mestiere e le bestie le conosco...all'acr di turno (tutti ragazzini) dico solo non state a raccontarmele tanto non funziona :grin ai sindacati idem :grin lo sciopero non serve più troppi supermercati troppi ghost troppe pompe bianche troppi retisti troppi privati troppe insegne.....lo sciopero ai giorni nostri fa solo ridere....è finita!!!!!!!!!!! :grin

  • pippo

    Certo tutti siamo liberi di scegliere MA ,quando una persona SI permette di criticare ,di elargire certi consigli ,e poi si scopre che fa il contrario di tutto ,mi dispiace caro il mio oleobliz ma non va .Addirittura dire che se TU non ci fossi l imp sarebbe ghost mi sembra una cazzata .
    In ogni caso ,meglio un giovane a 1200 € al mese che un pensionato ,lui ci camperebbe TU ci giochi
    Ti posso dire solo una cosa stai zitto e vergognati ,non sei tu che devi fare la morale ,e non sei TU il pensiero di molti Gestori e lo sciopero serve se fatto seriamente ,Ma siccome i vecchi Gestori hanno sempre messo i litri davanti a tutto 2 gg di chiusura erano e sono troppi quindi,oggi, giu le braghe e culi all aria

  • Pippo  - Come?????

    Come si è disperati.........da anni siamo in difficoltà ma contiuiamo comunque con dipendenti sul piazzale sottopagati e/o con retribuzioni non corrispondenti alle buste paga, elargendo punti premi Payback sul self per fregare il collega, non lottando compatti per tutte le commissioni e costi che le società petrolifere ci girano, fate regalie ner le festività e non al Capi Area e Addetti Commerciali.........quindi come funziona????? Quando si parla su whatsapp tutti uniti e leoni e tutti sindacalisti, dopo però si cerca........

  • Alex

    Leggere questi interventi oggi dovrebbe farmi piacere, visto che quando in passato ho criticato la nostra realtà, erano più i professori a giudicare che i colleghi.
    Il nostro lavoro è identico dappertutto, l'unica cosa che cambia è l'influenza dei fattori esterni che porta a vivere in tempi diversi la stessa realtà.
    In altre parole cambiano i tempi ma il risultato non cambia.(la m***a è uguale per tutti)
    Chi critica il sindacato perché 2 giorni di sciopero sono pochi,
    chi critica il sindacato perché con 2 giorni non si ottiene niente,
    chi suggerisce che occorrono 15 giorni di sciopero,
    chi si preoccupa di agevolare i goost,
    chi si preoccupa di agevolare le pompe bianche
    nel frattempo ogni iniziativa è vana,
    le compagnie sfruttano l'incoerenza dei Gestori
    ed il Gestore continua a pretendere le sue ragioni.
    1 - Il sindacato è solo una forza per tenerci uniti contro lo strapotere del azienda.
    2 - Quello che oggi è un problema di altri, domani è un problema tuo.
    Se non fuggiamo dal nostro lavoro e solo perché non abbiamo alternative, chi ha qualche debito, chi ha un età che non gli da alternative, chi vive in realtà dove scarseggia il lavoro, nessuno di noi vorrebbe vivere quello che stiamo vivendo.

  • Kazunori

    Non ci resta che sperare nel nuovo Governo... :grin :grin

  • OLEOBLITZ  - rispondo a Pippo

    stai sereno ... ognuno faccia le sue scelte, mai criticato nessuno su questa pagina ma SOLO mie opinioni di vecchio Gestore, qualche consiglio ai giovani che comunque facciano ciò che vogliono ma non sopporto chi si nasconde dietro la dura realtà, anni fa si parlava della rottamazione della categoria....ma no ma cosa stai dicendo, purtroppo è avvenuta e continua il processo sistematicamente...perché non ci dicono quante gestioni son rimaste in Italia?????? l'impianto dove lavoro/hobby....diventerà ghost perché già la compagnia mi ha proposto di essere prestatore e non più Gestore (dopo il mio pensionamento) non lo vogliono più un Gestore...tutto gestionale da remoto....questo mi è dato sapere, comunque per loro spero che un giovane faccia altro e non sboccare sangue in un piazzale di questi tempi guadagni sempre più che gestire un impianto...così la penso come penso che per rilanciare la figura del Gestore si devono chiudere tanti impianti anche se so che non succederà MAI purtroppo e quindi avanti sempre avanti..... :)

  • pippo

    Stai tranquillo che IO sono sereno ,perché di te o di quelli come te ,dei loro pensieri ,o opinioni ,me ne sbatto i coglioni .Uno che ragionava come TE e poi si scopre essere in pensione da ANNI !!!!!! continuando ad emettere sentenze ,sputando sul piatto che per anni ha mangiato ,paladino delle chiusure ,contro le società petrolifere !!! oggi può lasciare ,NO ,sono 15 anni che lavora da pensionato .
    Comunque stai sereno sei in buona compagnia ,come Te ce ne sono molti e tutti assieme dovete vergognarvi Buongiorno

  • Gigi x pippo

    8)

    Pippo,

    anche stamani (domenica), con il differenziale più basso di tutti (due centesimi al litro, probabilmente il differenziale servito/fai da te più basso d'Italia) cerco di far capire alle persone che il fai da te rappresenta la cancellazione della categoria.

    :upset mi correggo: il fai da te rappresenta la fine dell'essere umano!

    Oleoblitz rappresenta il peggiore degli esseri umani.

    Arrabbiarsi con lui (o per lui) è come arrabbiarsi con il precedente governo....... :roll ....forse una cosa in comune...... :roll ....il precedente governo ha rovinato il paese - quelli come oleoblitz hanno rovinato la categoria dei Gestori.

    Gestori rimasti!!!!!!!! Aprite gli occhi!!!!!!

  • OLEOBLITZ  - ri ri rispondo a Pippo

    non sei per niente sereno se rispondi a codesto modo...parolacce e polemiche non costruttive, se veramente non TI interessano le mie opinioni caro giovincello non stare a rispondermi ....perdi solo tempo e del mio piatto son affaracci miei, TU pensa a tirare la tua carretta.... :grin benedetto collega :grin

  • pippo

    Primo non ho offeso nessuno ,secondo,se quello che scrivi TU è costruttivo ,dio ci salvi ,terzo ,tiro la carretta come tutti e QUARTO non chiamarmi collega IO non ho e non voglio avere colleghi come TE perché caro il mio TU e molti TUOI colleghi siete quelli che hanno rovinato la categoria dei Gestori ,persone che avevano il potere nelle loro mani ,e che per l ingordigia e il menefreghismo avete portato il sistema gestioni a quello che oggi abbiamo Ciao vado a tirare il carro

  • Alex

    Un Gestore in pensione ha sicuramente interessi, bisogni e obbiettivi diversi da quelli di chi ha ancora decine di anni di lavoro davanti a se.
    La vita non è fatta di solo lavoro come viene pianificata quella del Gestore.
    L'idea della razionalizzazione degli impianti per migliorare la vita del Gestore forse è più una convenienza delle compagnie che riducono drasticamente le spese monetizzando il più possibile il loro investimento a discapito dei cittadini.
    Un po come la legge sulle slot,
    lo stato dice di adoperarsi per la tutela dei cittadini allora il monopolio decide quali sale deve chiudere e quanto.
    Non è così che si tutelano gli interessi della collettività.
    Perché limitare tutta la strategia nel allineare gli erogati alla media Europea ? Europa non deve essere solo quanto si parla di erogato perché conviene alle compagnie.
    Pianifichiamo come eguagliare i diritti dei Gestori a quelli Europei poi i litri sicuramente troveranno una soluzione.

  • max

    Buon giorno sono un Gestore ESSO ora EG italia che dio ci aiuti :upset ma conosco Gestori ERG e API nella mia zona che non sono cosi disperati anzi dall'ultimo contratto mi dicono che il margine e salito a 0.058 litro .

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie