GestoriCarburanti

Lunedì, Oct 21st

Last update:08:32:00 AM GMT

Prezzi alle stelle Benzinai in crisi Chiude uno su 4

E-mail Stampa

Sono sempre di più i buchi neri lungo le strade - In città hanno rinunciato all' attività 15 distributori colpiti dal calo delle vendite e da guadagni esigui Il Comune fa i conti con il rischio contaminazione

Vicenza - Una volta erano le isole felici. Adesso sono sempre più isole del degrado. Altro che prezzi alle stelle e guadagni facili. Per ì distributori dì benzina non è di certo un bel periodo. Non passa mese che non si abbassi (virtualmente) una serranda.

E mentre in città aumentano le recinzioni o i blocchi di cemento aprotezione degli impianti in disuso, negli uffici dell'assessorato all'ambiente si lavora costantemente per scongiurare il pericolo contaminazione.

LE CHIUSURE Crisi, pompe bianche, compensi ridotti, utilizzo del trasporto pubblico. Le cause sono molteplici. Così come sono numerose le pompe di benzina che hanno affìsso all'esterno il cartello "Chiuso". Percorrendo le strade del comune dì Vicenza, se ne contano più di unadecina. E, considerato che nel territorio ci sono quasi 50 distributori, significa che circa il 25 per cento dei gestori hadeciso di abbandonare la propria attività. Stra-daPasubio, Riviera Berica, viale San Lazzaro e via Quadri. Sono queste alcune delle arterie macchiate da quei buchi neri abbandonati «e purtroppo- afferma Gastone Vicari, presidente provinciale della Figisc Confcommercio - la situazione non è destinata a migliorare. Siamo preoccupati».

LE MOTIVAZIONI Già, perché più passai! tempoe piùi benzinai vanno in crisi. Gli ultimi a chiudere i battenti in ordine di tempo sono stati gli impianti a San Lazzaro ma dall'altra parte della città ecco il distributore di viale Margherita, al centro di unprogetto di riqualificazione urbanistica e, quasi a sorpresa, il Tamoil che sorge davanti al centro commerciale Emisfero. Tanti punti e una caratteristica in comune: tutti appartengono alle grandi compagnie. «Ed è proprio questo il problema - continua Vicari - perché non si deve pensare che l'aumento dei prezzi favorisca i gestori degli impianti. Anzi. A stabilire la tariffa sono proprio le compagnie petrolifere, che incrementano il costo del carburante, causando in primis un calo delle vendite e successivamente una drastica riduzione del guadagno per chi gestisce l'impianto. Il nostro compenso è esiguo».

POMPE BIANCHE Come se non bastasse, a mettere i bastoni trale ruotesono anche i benzinai indipendenti che, a diffe-renzadei colleghi, non sono in crisi, anzi. Proprio da poche settimane è stato avviato il cantiere per la realizzazione di un nuovo impianto in strada di Bertesina. «Letariffe delle pompe bianche - ammette Vicari - sono più vantaggiose, manoi non possiamo adeguarci, perché, ripeto, sono le compagnie ad imporci i prezzi di vendita».

LA BONIFICA II risultato? Degrado urbanistico e ambientale. «Ogni distributore che chiude - interviene l'assessore alla progettazione Antonio Dalla Pozza - dev'essere monitorato. In particolare vanno tenute sotto controllo le cisterne interrate, assicurandosi che non ci sia una fuoriuscita di idrocarburi. Quando un impianto viene chiuso o abbandonato, rischia di andare in declino. E questo non deve accadere, perché si può inquinare il terreno». Il Comune di Vicenza fino a questo momento ha avviato sette procedimenti ambientali riguardanti gli ex distributori, mentre altri dieci sono conclusi. L'ultimo in ordine di tempo è andato in scena in viale Grappa, dove sono state «implementate le attivitàdi spurgo periodico dei piezome-tri con cadenza settimanale» dopo aver riscontrato «una situazione di potenziale superamento delle soglie di contaminazione». Il rischio inquinamento in effetti esiste «ma - confessa Dalla Pozza - le compagnie solitamente rispondono in tempi rapidi ed eseguono la bonifica. Ci sono due procedure: o vengono rimosse le cisterne oppure si chiudono, nel caso il terreno presenti delle fragilità. Dipende poi che destinazione si vuole dare all'area».

Nicola Negrin - Giornale di Vicenza

Commenti (29)
  • Gigi748

    Forse prima sarebbe il caso di salvare i Gestori le famiglie e i vari lavoratori dipendenti poi guardiamo il pericolo inquinamento se magari le compagnie ascoltassero di più la voce dei Gestori nessuno lascerebbe gli impianti ecc ecc ecc ma tanto parlare con i muri nn si ottiene nulla .. Dico solo che ora è arrivato il momento di protestare come si deve !! Basta scioperi proclamati annuncianti ecc ecc lasciamo l Italia a secco nessuno ordini più carburante per 10gg se rinunciare a qlc gg di lavoro può portare dei vantaggi cosa stiamo ancora aspettando?

  • enzo

    in crisi 5 su 4

  • pippo

    Dalla pozza ..dalla pozza ..non piangere o rammaricarti di una situazione voluta principalmente da voi sindacato QUANDO vi si chiede di lottare rispondete con 2 gg di sciopero puntualmente revocato ,proposte nulle forza nulla ,mandarvi a ca....re é un eufemismo siete solo capaci di nascondervi dietro le solite frasi fatte : comandano le comp non decidiamo noi Gestori ;non ce unita ,a roma eravamo in 4 gatti ecc Spiegateci come mai ci sono soc che stanno costruendo NUOVI imp e cosa avete fatto voi per bloccarli BLOCCATE TUTTI i dist di vicenza con uno sciopero ad oltranza fino alla revoca di tutti i nuovi distributori FATELO!!! vedrete che le altre province vi seguiranno BASTA parole ci vogliono i fatti le COMP li fanno

  • pippo x pippo

    non dalla pozza ma VICARI scusate

  • korgul  - x Gigi748

    Tanto x quel che si guadagna in qlq gg di lavoro, chiudere anche 5 gg nn sarebbe sto gran danno

  • Andrea

    il prezzo alle stelle...margine ridotto...pompa bianca vicina...ti fa passare la voglia di andare ad aprire al mattino! :sigh

  • alberto

    alza i tuoi prezzi di 8 cent al litro e poi un poco di voglia ti potrebbe venire

  • anonimo  - non cercasi Gestore.....ma cercasi c******e!!!

    Lo stato italiano...? non c'è...la verità e che siamo senza stato!! ma avete visto come la comunità europea a avviato il mercato petrolifero con impianti solo ed esclusivamente self service con mercato sempre piu libero?queste sono le condizioni!!!''cercasi c******e di turno....con soldi contanti......''

  • benz verde

    un gatto che si morde la coda....le compagnie hanno bisogno di qualcuno che presidia l'impianto tutto il giorno, che dia una mano ai clienti, che li serva anche col self, il tutto x 600 euro al mese. il problema nasce nel momento in cui anche solo una persona accetta, per necessità economica, perchè non c'è nessun altro lavoro in giro, perchè gli va bene così, perchè tanto gestisce il lavaggio e senza diventar scemo con le benzine qualcosina lo prende. insomma qualcuno che firma e accetta queste assurde condizioni economiche c'è e ci sarà sempre. Il problema nostro italiano è che lo Stato non mette in condizione di creare lavoro. Se non crei lavoro non produci economia, non produci soldi, non crei occupazione, prima o poi va tutto a rotoli. Non basta dare disoccupazioni, mobilità, sostegno al reddito, cose che vanno benissimo per un periodo di tempo limitato ai 3mesi, ma poi basta, anche perchè chi lavora non riesce a produrre il reddito a sufficenza per mantenere se stesso e un numero sempre maggiore di persone. Spero vivamente che lo Stato inizi a fare il proprio lavoro.
    Buona giornata a tutti

  • Feddy

    Siamo arrivati: è dove volevano le società petrolifere. La figura del Gestore deve scomparire perché ha un costo molto elevato per loro che stanno comodamente seduti. Lavorare con 3 cent. al litro di margine lordo, sarebbe stato assurdo. Le vendite calano e loro alzano i prezzi e diminuiscono i margini: prendere o lasciare! Il coraggio di lasciare lo dovevamo avere prima e tutti insieme. ORA BEN CI STA'! Quando si dovevano fare gli scioperi in quanti hanno partecipato? In provincia di Bari......SOLO IL 10%, Questi erano gli stronzi che lottavano e che sono stati i primi a chiudere le "saracinesche", visto che non c'erano aiuti e collaborazioni!
    Ora ci si chiede: e i sindacati dove stanno? MA ANDATE A F.......O!!!!!!!!

  • oleoblitz  - e ancora il brutto deve arrivare

    resistere giorno per giorno, incazzarsi sempre di più, sboccare sangue e bile questo è il nostro lavoro oramai in via di estinzione...non serviamo, siamo sporchi...ma cari colleghi ce la siamo voluta...ora solo macerie e arriverà di peggio fidatevi!!!!!!! come dico da più di un anno caz lo capirete prima o poi...BASTA SCONTI !!!!!!!!!!! 8)

  • anonimo ip

    mi sapete dire dove si trova l'impianto nella foto,che ne sto cercando uno da prendere in gestione? :grin

  • bigboy  - guardate la foto

    come godo....altro impianto ip ip ip urrà chiuso e hanno il coraggio del cartello cercasi Gestore...scusate se quello prima è andato perché non si faceva le spese????????????????????

  • kazunori

    Caro Oleoblitz ai Gestori Totalerg ci pensa direttamente la compagnia a togliere tutti gli sconti :grin :grin

  • korgul  - x kazunori

    Che c***o vuol dire poi, fino al 1 agosto? Che gioco è?

  • OLEOBLITZ  - domanda a kazunori

    ciao...spiegami se ne hai voglia stà politica della totalerg??????

  • ANTONIO  - TOTALERG

    ME PER NOI Gestori LE FERIE SONO RETRIBUITE?

  • kazunori

    Ciao Oleoblitz guarda per spiegarti la politica commerciale di questa compagnia ci vorrebbe la sfera magica,non sono in grado nemmeno di attuare una campagna sconti che duri piu' di un mese :upset :upset :upset :upset poi ti arrivano con una mail che causa scarsa liquidita' in cassa sospendono tutti gli sconti :? :? poi esce una notizia che Totalerg vuole acquistare la rete shell :? :? diimi tu noi Gestori cosa dobbiamo pensare :? :? :sigh :sigh dimenticavo .....stiamo aspettando la liquidazione dei cali 2012,e sembra che la compagnia voglia trattenersi un buon 30% anche se tu hai fatto tutte la procedure correttamente (verbale cali mensile etc etc.)Dicono che la IP E' ALLO SBARAGLIO MA ANCHE TOTALERG NON SCHERZA :grin :grin

  • OLEOBLITZ  - fidati uguale api ip

    le compagnie son tutte uguali...non si comprende più nulla...mancano soldi e dopo aver succhiato il midollo ai Gestori...non han rimasto più nulla tranne ke pagare stipendi dorati ai vari manager...ip non è messa bene forse anke loro aspettano capitali dai russi...o vari investitori esteri, ti sei accorto ke il prodotto è sempre più scarsa qualità...un troiaio nel troiaio...non esiste più nulla, se resiste verso l'ignoto e i discorsi cambiano tutti i giorni...son più i giorni che attacco il self e faccio altro ke stare sul piazzale...e cmq basta sconti basta sconti.. :grin :grin e basta sconti...

  • Anonimo

    Per quanto riguarda Totalerg , Fidejussione revocata, non Faccio più sconti e carte ergpiù , ma il bello è comprare carburante a meno 18 il gasolio e 14 la ssp ora intasco io cari colleghi

  • korgul

    Ciao , puoi chiarire sta storia del -18 e -14 ?

  • Anonimo

    trovato fornitore con prezzi differenti totalerg -18 gasolio e -14 ssp

  • korgul

    Ok , tu quindi sei propietario dell' impianto, buon x te.

  • Anonimo

    non sono proprietario, ma Gestore con le palle piene

  • korgul

    Guarda, sarò tardo ma nn riesco a capire come fai a comprare da un altro fornitore se sei un Gestore con comodato

  • Lorenzo  - x Korgul

    semplice, lo fa a suo rischio e pericolo...
    se lo beccano... e prima o poi lo beccano... lo spediscono fuori come un razzo. A Reggio Emilia sta capitando proprio ora.

  • Luca

    E non solo ti cacciano a razzo ma al mio collega 1 km più avanti la compagnia che aveva vinto una causa durata neanche 1 settimana con provvedimento d'urgenza ha pure vinto il risarcimento danni per 50.000€ e gli hanno messo all'asta l'unica casa che aveva. Non me pare na gran figata.

  • gest.eni

    Mi meraviglia LA MERAVIGLIA DI VICARI.
    Da molti mesi che diciamo e vediamo le stesse cose.
    Chi si limita solo a fare la cronaca e a parlare dei disagi dei Gestori quando questi sono sul punto di "morire"o sono dei sindacalisti che dormono o sono filo petrolifere.
    AH SE FOSSIMO UNA CATEGORIA UNITA!!!!!

    Però sono convinto che in questo momento tragico per tutti,una serrata di minimo una settimana avrebbe successo.
    Con una azione di "forte sensibilizzazione"verso i colleghi innamorati ancora dell'assistente rete.

  • Andrea  - re:
    gest.eni ha scritto:
    Mi meraviglia LA MERAVIGLIA DI VICARI.
    Da molti mesi che diciamo e vediamo le stesse cose.
    Chi si limita solo a fare la cronaca e a parlare dei disagi dei Gestori quando questi sono sul punto di "morire"o sono dei sindacalisti che dormono o sono filo petrolifere.
    AH SE FOSSIMO UNA CATEGORIA UNITA!!!!!

    Però sono convinto che in questo momento tragico per tutti,una serrata di minimo una settimana avrebbe successo.
    Con una azione di "forte sensibilizzazione"verso i colleghi innamorati ancora dell'assistente rete.

    concordo a pieno!!! forse una serrata di massa per 7 giorni potrebbe far tremare qualche sedia, ma finché non la si fa il problema resterà :sigh :sigh

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie