GestoriCarburanti

Giovedì, Dec 12th

Last update:08:32:00 AM GMT

Sicilia, la categoria dei Gestori proclama lo stato di agitazione

E-mail Stampa

La categoria dei Gestori in Sicilia proclama lo stato di agitazione dopo l'incontro avvenuto tra Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc Confcommercio e l’assessore regionale alle Attività Produttive Linda Vancheri, incontro che secondo la rappresentanza dei gestori “non ha prodotto i risultati sperati”.

Il settore chiede un intervento del presidente della Regione Rosario Crocetta “affinché si provveda a stralciare la disciplina della distribuzione carburanti in Sicilia dal corpo del testo unico delle attività produttive che sembra dovrà approdare in Assemblea entro la fine di luglio”.

La categoria sottolinea da tempo la necessità di avviare ”un confronto mirato, tra i referenti della politica regionale e le rappresentanze degli operatori, sulle problematiche di una realtà che possiede caratteristiche specifiche e singolari rispetto a tutti gli altri comparti, che presentano tipologie merceologiche di ben altra natura di quelle del settore petrolifero”. E chiede “un impianto di regole moderno che garantisca una maggiore perequazione degli interessi lungo la filiera dei carburanti, oggi sbilanciati a vantaggio delle grandi lobby economiche e delle rendite di posizione a danno non solo degli 8.000 addetti di questo comparto, che vedono precarizzato il proprio posto di lavoro, ma anche degli automobilisti costretti a pagare prezzi dei carburanti non equi e discriminanti”.

Commenti (11)
  • gest.eni

    Non solo la Sicilia,ma tutta l'Italia dovrebbe mobilitarsi per difendere i diritti di noi Gestori.
    Le petrolifere si limitano a fare proposte che prevedono riduzione di margini quando i Gestori sono alla disperazione.

    CHE ASPETTIAMO?

  • gest.eni

    Tutti i Gestori italiani dovrebbero mobilitarsi non solo quelli siciliani,vista la drammaticità dei nostri problemi e la mancanza di disponibilità delle petrolifere.
    CHE ASPETTIAMO?

  • Gigi748

    A schifio finuo stu travaddiu

  • Marlon

    Ma quale mobilitazione, avete visto l'ultimo sciopero com'è finito? Io ero a Roma, torna in sicilia il giorno dopo e trovo tutti gli impianti aperti...ma che categoria di m***a che siamo, diciamolo francamente...ci meritiamo questo. Difendere cosa ormai? La professionalità di un "poveretto con la pompa in mano"? Perche questo siamo..dei poveretti alla mercè di petrolifere e dei clienti, che ci stressano dalla mattina alla sera, che ci guardano in cagnesco perche la benzina costa cara, come se fossimo noi quelli che gestiscono la filiera...io francamente sono stufo, anzi mollo e sposto le mie risorse su altri settori..è finita è ora di guardare altrove....

  • Anonimo

    Marlon condivido quello che dici . il fatto e che in questo settore ci sono molti ignoranti e molti che hanno paura di quella specie di persona per nn chiamarlo ometto di assistente di rete o Capo Area ma di che ,questi due individui se nn e perchè hanno avuto la fortuna che qualcuno li mettesse li erano spacciati nn andavano bena neppure per la nettezza urbana

  • donato I I  - x marlon

    Hai ragione, ma come si fa a staccare la spina ad una creatura che hai creato ed accudito per 35 anni? Non ci riesco a beddarmi gli occhi e sferrare la pugnalata.........quasi quasi preferisco che pugnalino me :sigh :sigh :sigh :sigh

  • Andrea

    il problema è sempre lo stesso..se tutti avessimo gli stessi interessi forse qualcosa potrebbe cambiare, ma visto che quello dopo di me o quello di prima pensano" se lui chiude io lavoro di più e non vedo l'ora che avvenga"(a me lo hanno detto di persona) non cambierà mai nulla...dopo si ha paura dell'assistente di rete che se arriva deve essere tutto pulito ed in ordine e anche magari stendergli il tappeto rosso.....personalmente è sempre pulito ed in ordine, può passare quando vuole,ma il tappeto rosso da me non lo troverà di certo, solamente la mia lamentela per non spingere ad abbassare il LORO prezzo mantenendo il MIO margine,che è quello che faccio ogni volta che mi propongono di firmare qualche iniziativa a vantaggio LORO e non a MIO!

  • oleoblitz  - rispondo a donato II

    caro donato...scusa...ma tu sei un votato alla morte??? ti sei innamorato dell'impianto??? stai attento perché è come volere bene ad una prostituta...e le società petrolifere ci vanno a nozze con i Gestori come te, scusa ancora ma sorrido... :) :grin

  • Anonimo

    donato è stato sincero perchè come lui anche noi siamo affezzionati al nostro lavoro il fatto e che loro nn ci meritano perchè molto presuntuosi e arroganti ciao donato

  • DOATO I I  - x oleoblitz

    MORIRO' SUL CAMPO E COL FUCILE IN MANO :grin :grin :grin :grin
    "

  • gest.eni

    NON GIOVA A NESSUNO DARSI PER VINTI IN PARTENZA.
    Visto che abbiamo qualche ragione da difendere almeno i Gestori degni di essere chiamati tali non mollino così facilmente.
    La storia insegna che persone con le palle e con buona dose di coraggio sono riusciti a sopravvivere in situazioni ben peggiori della nostra.
    FORZA E CORAGGIO.

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie