GestoriCarburanti

Giovedì, Dec 12th

Last update:08:32:00 AM GMT

La protesta dei residenti contro la costruzione della pompa di benzina

E-mail Stampa

Sono ventisei le famiglie coinvolte tra i civici 202 e 204 di via Ernesto Basile, dove si è recata stamattina una ditta di costruzione edile per iniziare l'edificazione di un distributore di carburante. I residenti presenteranno esposto alla Procura.

PALERMO - Clima infuocato in via Ernesto Basile, nonostante la giornata di metà marzo. Un gruppo di residenti ha presidiato la zona compresa tra i civici 202 e 204 per opporsi alla costruzione di un distributore di benzina a ridosso delle loro abitazioni. Ventisei le famiglie coinvolte. I cittadini hanno occupato il suolo con le loro automobili per impedire l'avvio delle trivellazioni. La costruzione dell'impianto comporterebbe la costruzione di una pensilina, delle cisterne e del distributore, attraverso l'abbattimento di un'area verde comprendente 18 alberi.

I residenti tengono a precisare che nei condomini abitano persone con gravi disabilità che necessitano del supporto dei servizi sanitari, motivo per cui diverrebbe difficile il normale svolgimento del trasporto. Una settimana fa una ditta di costruzioni edili ha iniziato a transennare la zona, presentandosi nuovamente questa mattina per iniziare i lavori. I residenti sono riusciti a fermare l'inizio delle operazioni chiamando gli agenti della polizia e i vigili urbani, ma hanno già fatto richiesta alla Questura per presidiare la zona dalla giornata di giovedì a sabato.

Domenico Di Giovanna, residente della zona, sostiene che non è possibile costruire impianti a meno di 150 metri dalle abitazioni: "Noi sappiamo che per normativa europea - afferma Di Giovanna - non si possono costruire distributori di benzina senza Gpl e che per questo la distanza minima dalle abitazioni deve essere di 150 metri, cosa non possibile visti i ridotti spazi a disposizione. Inoltre c'è un evidente problema di viabilità. La costruzione del distributore comporterebbe l'innalzamento di un muro di contenimento di cinque metri che darebbe vita ad un vero e proprio ghetto".

L'avvocato Davide Maniscalco fa sapere che il progetto in questione è autorizzato con un'istanza del 2007 e gode di tutte le licenze assessoriali, urbanistiche e doganali necessarie. "Dovremmo concludere le delimitazioni dell'aria di cantiere ma i residenti si oppongono adducendo motivazioni condivisibili ma non in linea con quanto previsto". L'avvocato rende noto che nel pomeriggio invierà al collega della controparte, Rodolfo Calandra, la documentazione che attesta la legittimità delle autorizzazioni. L'assessore allo Sviluppo e alle Attività Produttive, Marco di Marco, ha confermato che sussiste un'autorizzazione di quattro anni fa e che i lavori sono legittimati dai vigili del fuoco e dalla Regione. Sul posto si è recato anche Silvio Moncada, presidente della Quarta Circoscrizione: "Probabilmente - sostiene Moncada - queste autorizzazioni risalgono ad un periodo in cui le normative erano differenti".

"E' incomprensibile - scrive in un comunicato - come sia stato possibile autorizzare la costruzione dell'impianto proprio davanti le loro abitazioni, senza garantire gli standard minimi di sicurezza per i cittadini e per gli automobilisti, visto che l'impianto dovrebbe sorgere in un'arteria super trafficata come via Ernesto Basile". Il presidente Moncada ha già chiesto al Comune la sospensione delle autorizzazioni in autotutela per fare chiarezza sulla vicenda. I cittadini hanno intanto presentato un esposto che domattina depositeranno in Procura e hanno manifestato l'intenzione di opporsi con tutte le loro forze alla costruzione dell'impianto e di non essere disposti scendere a compromessi.

Fonte: Live Sicilia

Commenti (7)
  • Max

    e meno male che in Sicilia e' partita la razionalizzazione della rete...
    e poi che fanno?autorizzano nuovi impianti in zone residenziali?
    ai condomini dico di tener duro...e di non cedere di un passo...
    esattamente come i residenti della Val di Susa..

  • ipstation

    Messaggio per la compagnia(o privato)che stà costruendo l'impianto :
    è sufficiente garantire ai residenti uno sconto extra sui rifornimenti e vedrete che saranno felicissimi del nuovo impianto!! anzi,probabile che vi diano una mano per finirlo presto!! 8)
    La gente per 1 o 2 cent/lt fà carte false e se ne frega se incompatibile o se danneggia altri impianti . l'importante è pagarla meno!!

  • gest.eni

    Unione petrolifera,sindacati,sottosegratario allo sviluppo econmico ci hanno detto e ci ripetono fino alla noia che gli impianti sono tanti.
    CONTINUANO AD APRIRE PERO'IMPIANTI NUOVI E NON CHIUDONO NEANCHE GLI IMPIANTI VECCHI IN PIENO CENTRO ABITATO CHE FANNO POCHISSIMI LITRI.

    TUTTO TACE E AVANTI COSI'CON UNA SOLA CERTEZZA CONDIVISA:LA MORTE DEL Gestore.

    Cara triade,penso sia giusto agire non a parole.

  • Alex

    Credo siano 100 metri la distanza minima di un impianto carburante, distanza già citata in un vecchio articolo di GC,
    Dopodichè bisognerebbe far intervenire la polizia giudiziaria, che quanto deve fare la voce grossa con noi miseri Gestori, ci chiede l'analisi del aria sul proprio impianto, senza accettare lo studio nazionale messo a disposizione delle organizzazioni, e come se non bastasse ci chiede anche un calcolo giornaliero del tempo di esposizione dei dipendenti.
    Mi chiedo se, il tempo di esposzione di un abitazione confinante sia congruo con gli standard minimi, visto che un elemento fisso come un abitazione, oltre a sopportare tutti i vapori di erogazione che possono essere tanti o pochi, dipende dal erogato del impianto,è a stretta distanza con gli areatori o volgarmente sfiati delle cisterne che ogni anno liberano nel aria circa lo 0.025 per 1000 che può variare con le temperature di trasporto e con le temperature del sottosuolo.
    Per farla breve, ovunque ci sono i tubi di sfiato delle cisterne, non esiste vegetazione con fusto, ma solo vegetazione rasoterra.
    SE NON VI CONVINCE DIMOSTRATE IL CONTRARIO !!!

  • oleoblitz  - peccato...

    ma come??? aprono solo un impianto??? peccato...dovete aprirne 1000 10000...e ke caz??? più siamo meglio è??? o no??? e poi dicono ke sui carburanti non si guadagna più...muore di fame solo il Gestore chissà mai perchè??? ma ce la siamo voluta NOI poke scuse!!! e adesso ciccia!!! ciao ciao a tutti... :) :grin 8)

  • per oleoblitz

    Grazie per l'incoraggiamento per le battaglie future.

  • oleoblitz  - ma...firmati!!!!!!!

    PREGO!!!!!!! :) :grin 8)

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie