Carburanti Sicilia, 800 impianti a rischio

Stampa

Compatibilità degli esercizi, terzo carburante e defiscalizzazione al centro del convegno Assopetroli a Palermo

Quotidiano Energia - In Sicilia sono circa 800 gli impianti di distribuzione carburanti da ritenersi incompatibili secondo quanto previsto dalla legge 111/11 sulla razionalizzazione della rete. A dare la notizia è stato Luciano Parisi, coordinatore regionale di Assopetroli Assoenergia nel corso di un convegno organizzato nei giorni scorsi, a Palermo. "Molti impianti - ha spiegato Parisi - non hanno la concessione di suolo pubblico, il self-service e insistono su luoghi inidonei".

Nel corso dell'incontro è stato posto più volte l'accento sulla necessità di un rinnovamento nella normativa che riformi il settore attualmente regolato da una legge che risale a 10 anni fa.

"Quello dei carburanti è un problema delicato e complesso. Mi aspetto che ci sia un testo base e mi impegno a calendarizzare nel più breve tempo possibile in commissione e poi in aula la riforma legislativa", ha dichiarato Giovanni Ardizzone, presidente dell'Assemblea Regionale Siciliana

Un altro nodo da sciogliere è quello relativo al terzo prodotto (Gpl, metano) per i nuovi impianti: "Il decreto nazionale sulle liberalizzazioni prevede minori restrizioni - ha ricordato Parisi - basta una dichiarazione di impossibilità di vendita per aggirarlo. La Regione può imporre regole più restrittive, come hanno fatto la Puglia e la Provincia di Bolzano".

"Su ostacoli tecnici e oneri economici aspetto indicazioni dal Ministero - ha risposto Giuseppe Giudice, dirigente dell'Assessorato regionale alle Attività produttive - imporre l'obbligo di vendita di gpl o metano distrugge le piccole e le micro imprese e va contro le statuizioni comunitarie".

Sulle difficoltà del settore a livello nazionale è intervenuto, invece, il presidente di Assopetroli Franco Ferrari Aggradi che ha iniststito sul peso del fisco nei prezzi finali.

Al convegno sono intervenuti, inoltre, la relatrice del DL liberalizzazioni, la senatrice Simona Vicari, il presidente di Confcommercio Palermo Roberto Helg e i rappresentanti di tutte le compagnie petrolifere, i rappresentanti regionali di Faib, Fegica e Figisc.

Per gentile concessione di Quotidiano Energia


Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie