GestoriCarburanti

Mercoledì, Jun 26th

Last update:08:32:00 AM GMT

In Puglia il prezzo dei carburanti torna amministrato

E-mail Stampa

La cancellazione approvata all'unanimità dal Consiglio regionale della puglia dal 1° gennaio 2013 dell’Irba (accise regionale pari a 2,5 centesimi per litro di benzina ), non sembra aver avuto effetti immediati sui prezzi dei carburanti in Puglia. Secondo alcuni consiglieri regionali la riduzione dell'accisa non sarebbe ancora stata riversata al consumatore finale.

Nella giornata di ieri si è arrivati addirittura a richiedere l'avvio dei controlli per garantire che l'eliminazione dell'accisa provochi una reale diminuzione dei prezzi e non "venga invece assorbita nei guadagni dei Gestori". Tra le iniziative lanciate in prima linea quella del consigliere regionale Pd Epifani, la proposta arriva addirittura a "denunciare alla Guardia di Finanza e al Codacons la beffa delle compagnie petrolifere e dei gestori dei distributori di carburante che non hanno ancora decurtato dal costo della benzina l'Irba".

Peccato che il consigliere Epifani, oltre ad evocare metodi da stato di polizia in un paese dove vige un regime di prezzi liberi, non abbia considerato  l'effetto del mancato adeguamento in considerazione delle giacenze di fine anno che vedono il prodotto acquistato ancora con il regime di Irba.

Se poi il consiglieri della Puglia guidati da Epifani hanno intenzione di tornare ai prezzi amministrati  i Gestori saranno i primi a coglierne i benefici, ma non crediamo sia contento il segretario nazionale del pd, liberista ed ex benzinaio, Bersani.

Commenti (13)
  • Giank

    Qualcuno informi il consigliere che il prezzo amministrato è stato abolito da quasi 20 anni e gli chieda di utilizzare meglio il suo tempo chiedendosi come mai i distributori "colorati" hanno prezzi di acquisto superiori a quelli di vendita delle "bianche" e della Gdo.
    Se poi vuole davvero tornare al prezzo amministrato, non saranno certo i Gestori brandizzati ad opporsi. ;)

  • fabio

    ma se per tutti il prezzo amministrato è la soluzione perchè non figura in nessun comunicato sindacale tale richiesta?

  • Giank

    Perchè i sindacati (almeno quelli che non fanno inutile demagogia) sanno benissimo che è una proposta inapplicabile per il regime della libera concorrenza e la sua violazione ci esporrebbe a sanzioni UE. Quindi, dimentichiamoci di tornare a prezzi obbligatori e uguali per tutti. Le strade da percorrere sono altre.

  • un colega stufo

    non è demagogia , anzi ...

    mi si spieghi per quale motivo , su un prodotto come le sigarette (del tutto superfluo) , che ha anche un imponente peso fiscale pur essendo prodotto da compagnie private, è possibile avere il prezzo amministrato dallo stato ed è uguale in tutta italia , senza sconti o promozioni , tantomeno a carico del tabaccaio e al tabaccaio stesso viene riconosciuta una PERCENTUALE !!!!

    la realtà è che con questa storiella della libera concorrenza, si vuole SOLO dare in pasto della GDO il mercato dei carburanti che lo useranno come specchietto per le allodole.
    FOTTENDOSENE dei clienti e dei Gestori !!!!

    è questa la verità !!!

  • Giank  - Paragone sbagliato.

    Le sigarette sono un genere di Monopolio, non mi risulta che i carburanti lo siano, quindi, finchè i tabacchi avranno questo regime speciale, ogni accostamento ad essi è fuori luogo.
    Vedrai che il giorno che non fossero più un Monopolio di Stato (mai), sarebbero anche essi soggetti a sconti e quant'altro pur conservando una elevata tassazione.

  • un collega stufo

    tu ne fai una questione di termini.
    ma , monopolio o no, resta il fatto che il carburante è un bene troppo necessario ed importante, per tutto il sistema economico, da poter essere trattato com'è trattato oggi, con queste pseudoliberalizzazioni.

    lo stato regolamenta il prezzo e la vendita di un prodotto totalmente inutile, superfluo e dannoso come le sigarette e poi , butta in pasto ai porci un prodotto così importante come i carburanti ?!?!?

    è assurdo !!!

    e nello sbranamento dei porci ( compagnie e gdo ) chi fa la parte del cibo ?!?
    i Gestori ed i clienti !!!
    i primi, sono ridotti alla fame e al fallimento e i secondi sono strumentalizzati e manimpolati !!!

    lo ripeto: ha più senso e sarebbe socialmente più giusto ed equo, che sia il carburante ad essere amministrato dallo stato e non le sigarette !!!

    e poi, lo dicono i numeri : questo modo che c'è ora in Italia di regolamentare i carburanti ha FALLITO !!!

    almeno per quanto riguarda i clienti, che hanno prezzi folli e sono ingannati da finti sconti messi in atto da compagnie furbe e ingannatrici.
    e anche per quanto riguarda i Gestori, che sono diventati carne da macello e CAPRO ESPIATORIO !!!

    spesso la soluzione migliore, è la più semplice !!!

  • fabio  - re:
    un colega stufo ha scritto:
    non è demagogia , anzi ...

    mi si spieghi per quale motivo , su un prodotto come le sigarette (del tutto superfluo) , che ha anche un imponente peso fiscale pur essendo prodotto da compagnie private, è possibile avere il prezzo amministrato dallo stato ed è uguale in tutta italia , senza sconti o promozioni , tantomeno a carico del tabaccaio e al tabaccaio stesso viene riconosciuta una PERCENTUALE !!!!

    la realtà è che con questa storiella della libera concorrenza, si vuole SOLO dare in pasto della GDO il mercato dei carburanti che lo useranno come specchietto per le allodole.
    FOTTENDOSENE dei clienti e dei Gestori !!!!

    è questa la verità !!!

    se si tornasse al prezzo amministrato tutta la filiera sarebbe più forte compresi i sindacati ke la dovrebbero poi smettere con gli scioperi cacata che propongono e dovrebbero poi solo tutelare le percentuali

    PS COMINCIATE A TROVARVI ALTRO LAVORO

  • mario da parma

    cari colleghi ma sapete solo piangere,chi vi à fatto fare questo mestiere,se non vi piace andatevene cosi rimarremo in pochi e chissà che non riusiremo ad essere uniti e forti nel diffendere i nostri legittimi interessi

  • oleoblitz  - cari raga del piazzale

    bravo mario basta piangersi addosso!!! sai mario devi pensare che ci son Gestori a cui il proprio lavoro piaceva tanto ma per colpa del sistema ora son indebitati, falliti, incazzati, frustrati perchè non hanno mezzi per reagire...insomma non hanno più voglia ma non per colpa loro, il problema è semplice dopo anni e anni ke altro lavoro puoi fare? son proprio questi Gestori la forza delle compagnie petrolifere gli hanno messo il collare e il guinzaglio...e arrecano danno a tutti noi, firmano qualunque cosa, ignorando di creare un precedente dove i petrolman ci sguazzano e pure si divertono con essi a succhiargli il sangue...tu mario non sarai mica uno di questi??? non penso ma nel caso BASTA SCONTI E CAMPAGNE PROMOZIONALI...si vende a prezzo pieno!!!

  • mario da parma

    X OLEOBLIZ io sono un Gestore da 38 anni ho fatto dure lotte negli anni 70-80-90 non faccio sconti a mie spese ,anzi sono in over,tutto quello che stà succedendo era stato da mè previsto ,quindi mi sono preparato economicamente e merceologicamente,come molte volte detto sono sulla riva del fiume,con questo non è detto che io non soffra,nel 2012 ho avuto un calo del 13%

  • oleoblitz  - per mario da parma

    caro mario io sono BENZINAIO, da sempre, da tre generazioni la mia famiglia sempre sullo stesso impianto e sotto cinque compagnie...fatti un pò di conti e hai già capito cosa vuol dire per me questo lavoro...un caro saluto da un tuo collega romagnolo :) :) :)

  • gest.eni  - per mario da parma

    Mario,
    di quanti cents sei in over?

  • gest.eni  - per fabio

    caro fabio,
    il problema è che in Italia nel settore carburanti c'è una finta liberalizzazione.
    La liberalizzazione all'europea le petrolifere non la vogliono,a loro interessa lo status quo per avere mano libera per fare quello che vogliono.
    Tu dici che gli scioperi sono una cacata.
    Mi dici tu cosa faresti in queste circostanze?
    Forse,se ho ben capito,subito una cosa:NON FARE SCIOPERO.

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie