GestoriCarburanti

Lunedì, Apr 22nd

Last update:08:32:00 AM GMT

Storia di Gennaro, Gestore cacciato dalla Q8

E-mail Stampa

gennaro q8'Dopo dieci anni mi tolgono il distributore'. Scatta la petizione: mille firme

Siena, 27 gennaio 2019 - Sfrattati su due piedi dopo dieci anni di attività, tre padri di famiglia rischiano di rimanere senza un impiego.

È la storia dei dipendenti della stazione di servizio Q8-Kuwait, in viale Giovanni Paolo Secondo, meglio conosciuta come «Al Fiumino», punto di ritrovo di giovani e pendolari. Ma a essere un vero punto di riferimento per i clienti della stazione è Gennaro Del Percio, committente dell’impianto dal 2010.

Originario della Campania ma residente a Siena da molti anni, Gennaro e i suoi dipendenti si trovano a fare i conti con la compagnia petrolifera che, alla scadenza della concessione di gestione ha deciso, con una lettera di disdetta generica, di non rinnovare il contratto all’attuale committente. La motivazione? «Non mi ritengono un bravo gestore – spiega Gennaro – ma nella decisione di recedere il contratto mi hanno proposto di gestire un altro impianto, a Chiusdino. Ho rifiutato l’incarico a Chiusdino perché non avrei potuto mantenere questo lavoro ai miei operai, con me da dieci anni».

La storia di Gennaro ha fatto in pochi giorni il giro del web, tanto che un gruppo di clienti affezionati al giovane gestore ha avviato una petizione contro la recessione del contratto.

«Sono state raccolte più di mille firme in pochi giorni – continua Gennaro -. I nostri clienti sanno quanto ci teniamo a questo impiego. Per noi non esistono ferie e malattia, siamo legati da un profondo affetto ai nostri clienti e a questo impianto. È un lavoro duro, ma che amiamo e che abbiamo svolto con il massimo impegno e dedizione, e l’affetto dei nostri clienti che ci sorreggono in questo momento così difficile ne è la prova>.

Fonte: La Nazione 

Commenti (4)
  • francesco saverio  - I NUOVI INGEGNERI DELL'ECONOMIA

    Da anni e' nato l'odio verso il Gestore , ricordo un direttore rete che sfogava con i suoi collaboratori '' questi cosi mi stanno rompendo i c---------'' , certo ogni euro che viene '' regalato'' al Gestore e' un furto, questo pensano i dirigenti, alle casse della società' petrolifera.
    Ovvio che eravamo importanti quando dovevamo erogare manualmente , oggi invece con il self non serve più', pero' e' strano le società' che vogliono anche il servito maggiorano il prezzo di 14/15/19 cent , importi
    mai visti negli utili pro litro prima dei selfs , quindi se sono loro in compartecipazione pretendono di guadagnare almeno 10 cent ieri il Gestore schiavo con 5 cent di doveva sobbarcare tutte le spese , quindi nulla di nuovo per i tre colleghi non servono più' il transistor li potrà' sostituire dopo 10 anni di schiavitù a casa .

  • mario da parma

    leggete il contratto di commissione e vi mandano via solo dopo 4 anni e senza motivazioni con qualche misero euro di buon'uscita,per metterci qualche pakistano a 800 euro al mese come a Parma

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie