GestoriCarburanti

Sabato, Maggio 25th

Last update:08:32:00 AM GMT

Francia: stop alle auto diesel e benzina entro il 2040

E-mail Stampa

auto-elettricheStop alle auto a benzina e diesel in Francia entro il 2040. Lo ha annunciato giovedì il Ministro dell’Ecologia transalpino, Nicolas Hulot, nel corso della presentazione del piano per il raggiungimento degli obiettivi dell’accordo sul clima di Parigi. 

In circolazione verranno messi soltanto veicoli elettrici, per arrivare al livello zero delle emissioni di CO2 entro il 2050.

“Un nuovo tema è fare della Francia la numero 1 dell’economia verde e che l’accordo di Parigi sia un’opportunità per la creatività, l’innovazione e il lavoro. Nello spirito e nel mettere in atto quello che ha annunciato il Presidente quando gli Stati Uniti hanno manifestato la loro posizione sull’accordo di Parigi, noi ci fissiamo come obiettivo quello di raggiungere entro il 2050 un livello zero di emissioni di CO2’‘.

Il Ministro ha poi aggiunto che il governo metterà fine all’estrazione di petrolio sul suolo francese, eliminerà le centrali elettriche a carbone entro 5 anni e incoraggerà l’indipendenza energetica domestica.

Hulot ha anche confermato l'obiettivo che la francia 'ponga fine a tutta la produzione di energia a partire dal carbone, principale fonte di emissione di co2 'entro il 2022' e che porti dal 75% al 50% la quota del nucleare nella produzione di energia elettrica al 2025, il che include la necessità di fermare 'un certo numero di reattori in funzione di criteri di sicurezza sociali ed economici'. Per sviluppare le energie 'verdi' (eolico, solare) il governo prenderà inoltre misure per semplificare il quadro normativo, mentre gli edifici che non sono isolati adeguatamente e consumano troppa energia dovranno essere eliminati 'tra 10 anni', ha detto Hulot, rinviando all'utilizzo dei 4 miliardi di euro del piano di investimenti annunciato dal premier Edouard Philippe. Hulot ha anche detto che sarà proposta una legge 'a fine estate o inizio autunno' per bloccare tutti i nuovi permessi per sfruttare petrolio, gas e carbone, mentre è previsto 'un prezzo all'inquinamento' attraverso una maggiorazione del prezzo di una tonnellata di carbone, non ancora stabilito, ma con l'obiettivo di superare i 100 euro nel 2030.

Il ministro ha poi dichiarato che le famiglie con un reddito particolarmente basso beneficeranno di un "premio di transizione" per rimpiazzare una macchina diesel o a benzina "con una vettura più pulita, nuova o usata".

Commenti (5)
  • Anonimo

    Nessuno ha ancora detto che fine faranno i paesi produttori di petrolio ,e relativa popolazione ,quelli che francia e colleghi sfruttano e continuano a sfruttare ,li buttiamo a mare? o forse un atomica ? o ci meraviglieremo se ci invaderanno ? Meditate gente meditate

  • Alex

    In italia abbiamo fatto la stessa cosa, un referendum per lasciar decidere al popolo e poi il governo ha aggirato tutto in sordina in modo che vissero felici e soddisfatti.
    Non diciamolo hai Francesi altrimenti verranno a traforare i nostri laghi, il mare già lo fanno

  • Kazunori

    Chissa come sara' contenta Total ... :grin

  • Antonio

    Le auto elettriche non sono ecologiche. Di fatto consumano energia "ancora" prodotta con combustibili fossili o il nucleare, come in Francia. Quindi se tanto mi da tanto, quello che risparmiamo in emissioni dirette lo recuperiamo per la maggior produzione di energia.
    Chi sa quali interessi ci sono sotto questo tipo di annunci, sicuramente mossi dalle solite lobbies economiche. Le stesse multinazionali che decidono il futuro del mondo(senza un governo politico, la politica è oggi meramente al servizio delle multinazionali, non certo dei cittadini, in Francia come in Italia e infine come in Europa) solo in base ai propri interessi di ricchezza. Saluti.

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie