La banda del fuoco incendia i tronchi per scassinare il self

Stampa

trattore self anc«QUANDO sono arrivato con i carabinieri ho visto il fuoco alto un metro: per sbarrare la strada da un lato i ladri avevano incendiato alcuni bancali con la benzina. Da gennaio è la sesta volta che provano a sradicare le colonnine. Stavolta ce l'hanno fatta, anche se il colpo è fallito».

Forse i ladri stavano testando i tempi di reazione perché hanno agito alle 2.50. A poche ore dall'arresto del capo banda che rubava auto da usare per sfondare le colonnine self service, quattro malviventi dell'est Europa hanno assaltato il distributore Q8 easy lungo la Jesina a Castelfidardo. Sono riusciti a sradicare una colonnina selfservice, di fronte al bar «Kilometrocinque». Sul posto in nottata sono arrivati i militari del Norm di Osimo e i colleghi delle stazioni di Castelfidardo e Camerano richiamati dall'allarme antifurto scattato sulla linea 112 della compagnia osimana e dalle segnalazioni di alcuni cittadini.

Hanno fatto saltare il colpo, già quasi fallito perché i ladri avevano accidentalmente squarciato la ruota del trattore marca New Holland usato per sradicare la colonnina, rubato da un magazzino dell'azienda agricola della delegazione pontificia per il santuario della Santa Casa di Loreto. A sbarrare la strada da una parte con i bancali alcuni tronchi che i malviventi hanno tagliato, e che i vigili del fuoco di Osimo hanno dovuto rimuovere alle prime luci dell'alba, e dall'altra, verso Castelfidardo, un altro trattore marca Lamborghini asportato dallo stesso magazzino.

I malfattori, con la complicità di un «palo», alla vista dei carabinieri e già in difficoltà, hanno abbandonato la colonnina e i trattori nel terreno dietro il distributore senza riuscire a impadronirsi del denaro contenuto, migliaia di euro corrispondenti all'incasso del weekend. In un attimo si sono dileguati attraverso i campi in direziono Recanati, inseguiti e tuttora ricercati. Una fuga garantita probabilmente dall'appoggio di qualche veicolo «pulito».

Il danno ammonta a cinquemila euro, somma coperta da assicurazione. I militari hanno acquisito i filmati delle telecamere di videosorveglianza di alcune abitazioni e aziende vicine. Quel distributore era già stato «visitato» più di tré anni fa. Anche in quell occasione, i ladri avevano sradicato una colonnina contenente circa tremila euro. Un colpo quello di ieri notte avvenuto con lo stesso modus operandi dell'ultimo a Montemarciano, dove è stata divelta la colonnina del distributore Ip Matic lungo la statale Adriatica.

Fonte:Resto del Carlino Ancona


Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie