GestoriCarburanti

Martedì, Dec 10th

Last update:08:32:00 AM GMT

Osservatorio GC: Brevi di cronaca N°3-2013

E-mail Stampa

Benzinaio di Castel Frentano scippato di 19 mila euro vicino allo sportello della cassa continua

In due sullo scooter gli spruzzano una sostanza urticante negli occhi e gli strappano l’incasso del distributore

CASTEL FRENTANO. In due sullo scooter hanno scippato i soldi dell’incasso di un distributore di benzina. È successo ieri pomeriggio a Castel Frentano.

Intorno alle 16 il figlio di un benzinaio del posto, M.C., che gestisce un’area di servizio lungo la strada provinciale Lanciano-Fossacesia, a qualche chilometro di distanza dal paese, si stava avvicinando alla cassa continua della filiale della Bls-Bper di Castel Frentano, in via Dei Peligni, per depositare l’incasso fatto nel mattino. Il giovane ha parcheggiato l’auto nell’area sosta di fronte all’istituto di credito.

All’improvviso, quando è sceso dal veicolo, è stato avvicinato da un motociclista con il volto coperto dal casco integrale mentre il complice è rimasto in sella allo scooter.

Ai carabinieri, allertati subito dopo lo scippo, il giovane ha riferito che i due gli hanno spruzzato una sostanza urticante negli occhi, anche se secondo gli investigatori poteva trattarsi di un normale spray.

È bastato quel gesto, comunque, a creare più di un fastidio al giovane che ha avvertito un forte bruciore al volto e agli occhi per alcuni minuti. I due banditi sono così riusciti a sfilargli più facilmente il borsello con i soldi dell’incasso: circa 19 mila euro.

Sullo scippo indagano i militari dell’Arma della compagnia di Lanciano, diretti dal capitano Massimo Capobianco, intervenuti sul posto con alcune pattuglie del nucleo operativo e radiomobile, e i carabinieri della caserma di Castel Frentano.

Il figlio del benzinaio, spaventato e sotto shock, ha raccontato agli investigatori come si sono svolti i fatti, accaduti in una manciata di secondi. Sicuramente il giovane è stato seguito dai due banditi fin da quando è uscito dalla sua abitazione, sapendo che sarebbe andato in banca per quel versamento di denaro. È stato complicato comunque fornire indizi sui due rapinatori per il fatto che avessero entrambi i volti coperti dai caschi scuri.

Oltre al racconto del giovane, i militari sperano nelle immagini di qualche telecamera del servizio di videosorveglianza di cui sono dotati i negozi dei paraggi e che potrebbero avere ripreso lo scippo. (s.so. e m.d.n.)

http://ilcentro.gelocal.it/chieti/cronaca/2013/05/21/news/benzinaio-di-castel-frentano-scippato-vicino-allo-sportello-della-nbsp-cassa-continua-1.7105416


Pestano il benzinaio per rapinarlo. Esplodono colpo in aria, ma perdono il fucile

In quattro, poco prima delle 13, hanno inseguito e bloccato il titolare di una stazione di servizio di Squinzano, costringendolo a consegnare l'incasso della giornata. Prima di fuggire, un proiettile ha raggiunto l'auto della vittima, picchiata dai malviventi

SQUINZANO – Devono averlo tenuto d’occhio durante le ultime operazioni di chiusura dell’attività del suo distributore di carburanti Agip, a Squinzano. Lo hanno seguito pazientemente, attendendo il momento opportuno per sorprenderlo di spalle. In quattro, tutti con il volto travisato, hanno atteso che il benzinaio scendesse dalla sua Fiat 500, nuovo modello, per poi fermarlo, poco dopo, in via San Vincenzo, puntandogli un fucile contro.

E’ probabile che la vittima, Luigi Mazzotta, si stesse recando presso la filiale della banca Unicredit, che si trova nelle vicinanze della strada in cui è stato messo a segno il colpo, proprio alle spalle dell'ufficio postale della cittadina, per versare i ricavi della giornata di lavoro.

L’uomo, alla vista della banda che lo aveva raggiunto alla guida di una Fiat Stilo di colore grigio, è stato costretto a consegnare la somma di denaro custodita nelle sue tasche – l’incasso della mattinata ancora in fase di quantificazione, sebbene dovrebbe aggirarsi attorno a quache migliaia di euro  - e terrorizzato, ha sperato che i malviventi si allontanassero in fretta. Ma questi ultimi, invece, sembrerebbe di proposito, hanno fatto partire un colpo di arma che, esploso per aria, ha raggiunto la fiancata del veicolo dell’uomo, e forando persino il vetro della finestra di un'abitazione della zona. Un'azione eseguita per esortare l'esercente,  a scendere dall'auto. Ma l'efferatezza delle intenzioni dei quattro non si è esaurita lì. Il proprietario della stazione di servizio è stato infatti aggredito e pestato, e lasciato in stato di choc dal gruppo.

Probabilmente spaventati dallo stesso gesto, hanno imboccato la via di fuga, procedendo in direzione della strada statale, non si sa nelle direzione nord, verso Brindisi, o qualche arteria di campagna. Al momento della folle corsa, però, i rapinatori hanno perso l’arma utilizzata sul posto, forse lasciata di proposito per non sobbarcarsi rogne durante il cammino. Poi immediatamente recuperata dai carabinieri della stazione locale e dai colleghi della compagnia di Campi Salentina, accorsi sul posto per avviare le indagini e le ricerche dei quattro, prima che possano pianificare altre rapine simili.
http://www.lecceprima.it/cronaca/rapina-sparatoria-squinzano-20-maggio-2013.html


Rapina al distributore di benzina In due all'assalto armati di pistola

Il dipendente del distributore è fuggito, perdendo parte del denaro. I malviventi hanno raccolto i soldi per terra

ROVIGO - Rapina in un distributore di benzina in viale porta Adige a Rovigo. Un addetto alle pompe di carburante, mentre stava recuperando i soldi dai distributori del self service, è stato minacciato da due individui armati di pistola e con il volto coperto. Il dipendente del distributore è fuggito, ma nel corso del tentativo di fuga ha perso parte del denaro. I malviventi hanno raccolto i soldi per terra (ancora da quantificare il bottino) e poi sono fuggiti facendo perdere le tracce. Sulla vicenda sta indagando il personale della Mobile della questura.

http://corrieredelveneto.corriere.it/veneto/notizie/cronaca/2013/20-maggio-2013/rapina-distributore-benzina-due-assalto-armati-pistola-2221230392674.shtml


Rapina a titolare distributore benzina

In due lo minacciano con la pistola e si fanno consegnare denaro

(ANSA) - PESCARA, 27 MAG - Due persone armate di pistola e a viso coperto hanno rapinato il titolare di un distributore di benzina a Villa Raspa di Spoltore (Pescara). I due hanno puntato l'arma contro l'uomo intimandogli di consegnare i soldi contenuti nel borsello. Lui, terrorizzato, ha consegnato il denaro ai rapinatori, poi fuggiti a bordo di una Opel Zafira ritrovata poco distante e risultata rubata a Pescara 10 giorni fa. Indagano i carabinieri della Compagnia di Pescara diretti dal capitano Claudio Scarponi.
http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/abruzzo/2013/05/27/Rapina-titolare-distributore-benzina_8774766.html


Passamontagna e pistola in pungo, in due rapinano il distributore Shell di Villa Raspa di Spoltore

Rapina, questa mattina, al distributore Shell di Villa Raspa di Spoltore (Pescara), nei pressi del centro commerciale L'Arca.

Si sono presentati in due, verso le 10, e uno di loro con il volto coperto da passamontagna si e' fatto consegnare i soldi dal gestore dell'attivita'.

Aveva una pistola in pugno, usata per minacciare la vittima.

Il bottino non e' stato quantificato. I carabinieri della compagnia di Pescara, coordinati dal capitano Claudio Scarponi, hanno subito avviato le ricerche e hanno individuato e recuperato l'auto dei rapinatori. E' stata abbandonata in via Parisi. Si tratta di una Opel Zafira rubata circa dieci giorni fa a Pescara. Dalle immagini riprese dalle telecamere si vede un solo bandito con il volto coperto.

http://www.abruzzo24ore.tv/news/Passamontagna-e-pistola-in-pungo-in-due-rapinano-il-distributore-Shell-di-Villa-Raspa-di-Spoltore/119440.htm

Commenti (4)
  • pippo

    Allora é vero che ci sono Gestori coglioni !!!!! portare a spasso 19000 mila euro vuole dire esserlo e ancor peggio fare credere ai bastardi di rapinatori che tutti i benzinai abbiano una montagna di soldi in cassa IL prossimo si vesta da lepre non da volpe

  • marco

    dopo tutto quello che gli ho augurato spero che li spendino tutti in medicine e visite

  • Gestore ip

    ormai le rapine in banca non le fanno piu', va' di moda rapinare i
    benzinai. Pero' io non ho mai incassato in una mattina 19000euro
    al massimo arrivo a 1000. Mi auguro di non subire mai una cosa
    del genere, anche perche' questa gente se non trova denaro ti
    mette le mani addosso e anche di peggio.
    Mi dispiace per i colleghi.
    Auguro a tutti voi buon lavoro e che Dio ci aiuti e ci protegga.

  • korgul

    Uno che incassa 19000 in una mattina guadagna 9000€ al mese(MAH! beato lui), con un simile volume di denaro dovrebbe trovare un porta valori o quantomeno un gorilla che scorti il figlio a fare il versamento

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie