GestoriCarburanti

Martedì, Dec 10th

Last update:08:32:00 AM GMT

Scoperto traffico illecito di prodotti petroliferi al deposito Petroven di Marghera

E-mail Stampa

Nelle prime ore di stamattinata la Digos di Venezia, con l’ausilio di unità delle Digos del Veneto, ha emesso 10 ordinanze di custodia cautelare ad un’organizzazione dedita alla sottrazione sistematica di carburante ai danni di Petroven S.r.l., azienda controllata del gruppo E.N.I., con stabilimento a Marghera.

Ha inoltre deferito in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria altre 14 persone resesi responsabili della ricettazione del carburante sottratto. 

Le indagini sono iniziate nel gennaio 2011, dopo l’invio ai vertici dell’azienda petrolifera delle lettere incendiarie, consistenti in tre plichi contenenti polvere pirica che all’atto dell’apertura avrebbero azionato un meccanismo di innesco a sfregamento. L’intervento degli artificieri, richiesto dal personale intervenuto sul posto, ha consentito di mettere in  sicurezza l’area e di procedere al sequestro delle missive per le successive analisi.

Le investigazioni, tuttavia, hanno permesso di escludere dinamiche di tensione in ambito lavorativo che avrebbero potuto innescare, potenzialmente ed indirettamente, eventuali azioni violente nei confronti dei dirigenti E.N.I. Per contro hanno portato alla luce un sistema collaudato di trafugamento di prodotti petroliferi, posto in essere da dipendenti infedeli, autotrasportatori, benzinai compiacenti e altre persone, responsabili della ricettazione del prodotto sottratto.

Nel corso delle indagini è stato riscontrato e ampiamente documentato all’interno del deposito il furto sistematico di intere autocisterne di gasolio, numerosi episodi di “rabbocco” e sistemi di frode finalizzati all’illecita erogazione di prodotto. Fra il mese di gennaio 2011 ed il mese di marzo del 2012 sono stati sottratti all’azienda petrolifera oltre 650.000 litri di carburante.

L’entità di tali sottrazioni è stata possibile grazie agli enormi quantitativi di prodotto movimentato dal deposito Petroven, uno dei  più grandi d’Europa. Lo stabilimento, infatti, movimenta circa 3.500.000 tonnellate annue di carburante destinate al trasporto su gomma ed ai distributori lagunari per il rifornimento delle navi. Lo scarto fisiologico dovuto a eventuali evaporazioni o perdite si attesta, a termini di legge, intorno allo 0,5%. Ne consegue che eventuali ammanchi rientranti nella fascia di tolleranza sono difficilmenterilevabili dall’azienda e questo ha consentito agli indagati, che si sono mossi all’interno di questi margini, di continuare indisturbatinell’illecita attività.

Commenti (16)
  • Max

    a me risulta che nei depositi non ci sia tolleranza sui cali....mi chiedo quindi come mai tutti questi ammanchi non abbiano suscitato la curiosita' dell'agenzia delle dogane o della guardia di finanza...
    e comunque mi pare cosi' assurdo che tutti questi litri girassero per la zona e venissero tranquillamente venduti al mercato nero....
    per il resto...chi paghera' per tutto questo?

  • Giancarlo TV  - re:

    A me risulta che nei depositi non ci sia tolleranza sui cali....mi chiedo quindi come mai tutti questi ammanchi non abbiano suscitato la curiosita' dell'agenzia delle dogane o della guardia di finanza...
    e comunque mi pare cosi' assurdo che tutti questi litri girassero per la zona e venissero tranquillamente venduti al mercato nero....
    per il resto...chi paghera' per tutto questo?

    Be lo avete pagato sopratutto voi.

    Il mio pensiero è: Se questo succedeva a Venezia pensa un pò negli " altri " depositi.

    Chiaro che alle aziende i conti non tornano e pensano che a rubare sia il Gestore l'ultimo anello.

    Sarà il momento che il sindacato si svegli e non solo.

  • Alfio  - Buon senso

    Se non sai di cosa parli stai zitto! che ne sai te di tolleranza poi che c'entrano i sindacati?...

  • Giancarlo TV

    Mi inchino a lei o Alfio nuovo Dio del Sapere mi inginocchio che dico mi prostro, e merito della tua sapienza.

  • Anonimo

    Più che altro direi che forse si comincia a capire come mai nel Triveneto continuano a spuntare pompe bianche che possono permettersi di praticare prezzi stracciati pur avendo investito milioni di ero per costruire un impianto....

  • Anonimo

    .....balle,informati e leggi i giornali.Il ricettatore non era una pompa bianca ma in punto vendita di una nota petrolifera nazionale ...leggi IP

  • Anonimo

    Credo che chi sta nel settore non ha bisogno di apprendere certe notizie dai giornali, spesso date anche in modo sbagliato, come credo pure che questo fenomeno non esista solo a Marghera e che i litri di cui si parla siano nettamente superiori....
    Gestisco un impianto in Veneto che viene rifornito proprio da Marghera e stranamente,con altri colleghi, non ci ritoviamo più con cali ma eccedenze quasi oltre la tollerenza....
    Allora mi viene il dubbio...non è che le compagnie petrolifere vogliono buttar fuori merce in eccedenza...?

  • Nicola  - voglio sapere

    ma in quali distributori o aree di servizio riuscivano a rivendere il gasolio rubato? Ma i nomi una volta nella vita posso saperli? :upset

  • x nicola

    http://www.gazzettino.it/nordest/venezia/ minacce_ai_vertici_petroven_in_corso_un_blitz_dell a_polizia_dieci_arresti/notizie/277503.shtml

  • Nicola  - re:
    x nicola ha scritto:
    http://www.gazzettino.it/nordest/venezia/ minacce_ai_vertici_petroven_in_corso_un_blitz_dell a_polizia_dieci_arresti/notizie/277503.shtml

    Grazie! :)

  • bigboy  - ke si dice...

    e dell incontro con unione petrolifera...???????

  • il Gestore  - re: ke si dice...
    bigboy ha scritto:
    e dell incontro con unione petrolifera...???????

    SILENZIOOOOOOOOOO........
    STANNO PENSANDO A QUALCHE MINCHIATA DA RIFILARCI,DOPO 10 ANNI INIZIANO AD ESSERE A CORTO ANCHE LE MINCHIATE......

  • oleoblitz  - nulla

    dell incontro nulla....??????? e come mai????? ci vuole tanto a scrivere ennesimo articolo dove i creduloni ci cascano ancora????????????? il futuro è nostro...........o no?????????????? :grin 8) ;) :grin :) :roll :p impazzire!!!!!!!

  • Alex  - si rifiutano di rimborsare i cali ai Gestori ?!

    Frecano e fottono coe disgraziati e poi si appigliano a stupidi cavilli per non rimborsare i cali REALI hai Gestori ammasso di PORCI il pesce puzza sempre dalla testa stronzi.
    Il Gestore i cali ve li ha pagati.

  • Loris  - furti gpl all'API di Falconara Marittima e la sto

    Ciao, vi chiedo di dare uno sguardo a questa video inchiesta “NON CEDERA’ DI UN MILLIMETRO” sull’ex operaio API – Marco Capotondi – condannato e licenziato per concorso morale in furto di gpl.. Grazie! Ciao
    https://youtu.be/RPR1gUWYRfo

  • Loris  - furti GPL all'API di Falconara Marittima. La stor

    Ciao, vi propongo la visione di questa video inchiesta “NON CEDERA’ DI UN MILLIMETRO” sull’ex operaio API – Marco Capotondi – condannato e licenziato per concorso morale in furto di gpl. Grazie! Ciao
    https://youtu.be/RPR1gUWYRfo

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie