GestoriCarburanti

Lunedì, Apr 23rd

Last update:06:18:40 AM GMT

Detrazione Iva sui carburanti, ammessi tutti i pagamenti non in contanti

E-mail Stampa

lente fattureArriva con il provvedimento delle Entrate diffuso ieri sera il primo tassello ufficiale del puzzle che nelle intenzioni del legislatore porterà tra breve a una rigida regolamentazione della deduzione dei costi e dell'Iva sui consumi dei carburanti da parte dei soggetti titolari di partita iva.

Le modifiche dal 1° luglio
Dal prossimo 1° luglio la deducibilità dei costi per il consumo di carburante per autotrazione relativamente ai mezzi disciplinati dall'articolo 164 del Tuir, sarà vincolato al fatto che il pagamento avvenga con moneta elettronica. Simile (non identica) disposizione opera anche ai fini Iva vista la modifica anche dell'articolo 19-bis, comma 1, lettera d), del Dpr 633/72. In tale comparto, infatti, la portata della disposizione sembra più ampia e la detrazione ( dell'Iva) è riconosciuta anche se il pagamento avverrà con altri mezzi rispetto a carte di credito, di debito o prepagate, purché rientranti tra quelli che riconosciuti idonei da un provvedimento ad hoc del direttore delle Entrate.

Pagamenti tracciabili
Il provvedimento 73203/2018 di ieri colma questo vuoto normativo intervenendo, peraltro, trasversalmente e quindi sia in tema di imposte dirette che di Iva. Viene previsto che sia ai fini della detraibilità Iva che della deducibilità della spesa, l'acquisto di carburanti e lubrificanti può essere effettuato con tutti i mezzi di pagamento oggi esistenti diversi dal denaro contante. In pratica, quindi via libera ai pagamenti "tracciabili": bonifico bancario o postale, assegni, addebito diretto in conto corrente, oltre naturalmente alle carte di credito, al bancomat e alle carte prepagate.
Inoltre il provvedimento specifica che è possibile continuare a utilizzare le carte che vengono rilasciate agli operatori Iva dalla compagnia petrolifera a seguito di specifici contratti di netting che consentono il pagamento in un momento diverso rispetto alla cessione. Sono anche valide le carte (ricaricabili o meno) e i buoni, che permettono alle imprese e ai professionisti di acquistare esclusivamente i carburanti e lubrificanti. L'uso di questi strumenti è possibile solo se i pagamenti vengono effettuati in una delle modalità tracciabili sopra elencate.

Carburanti e lubrificanti
Il dato testuale del provvedimento sembra chiarire anche alcuni significativi dubbi che si erano posti in merito alla portata applicativa delle novità. Innanzi tutto va evidenziato che sia ai fini Iva che per le imposte dirette il provvedimento fa costantemente riferimento alle spese per l'acquisto di carburanti e lubrificanti. Sembra quindi che il vincolo anche in tema di detrazione Iva al pagamento tracciabile interessi solo queste spese e non anche tutti gli altri costi di gestione (ad esempio custodia, manutenzione, riparazione, noleggio, leasing) dei mezzi interessati dall'applicazione dell'articolo 19-bis, comma 1, lettera d).

Autotrazione
In merito proprio ai mezzi interessati dalle novità il decreto di ieri (articolo 1) fa riferimento all'acquisto di carburanti e lubrificanti per automazione. Quindi letteralmente solo i gommati. Le motivazioni indicate in calce al decreto, invece, richiamano l'acquisto di carburanti e lubrificanti destinati anche ad aeromobili e natanti da diporto oltreché ai veicoli stradali a motore. Quindi con un range più ampio. Il punto dovrà essere opportunamente chiarito.

Le modifiche in sintesi

01 LA DECORRENZA
L'obbligo di pagamento degli acquisti di carburarti e lubrificarti con le modalità diverse dal contante previsto dall'ultima legge di Bilancio entra in vigore per le operazioni effettuate dal l° luglio 2018 e riguarda solo gli operatori Iva, al fine di poter detrarre l'imposta e dedurre le spese deriva riti dall'acquisto

02 CASH AL BANDO
Il provvedimento emanato nella serata di ieri dalle Entrate stabilisce che, proprio nell'ottica della detrazione Iva e della deduzione dei costi, l'acquisto di carburanti e lubrificanti potrà essere effettuato con tutti i mezzi di paga mento oggi esistenti diversi da l denaro contante: bonifico bancario o postale, assegni, addebito diretto in conto corrente,oltre naturalmente alle ca ite di credito, al bancomat e alle carte prepagate

03 CARD E BUONI BENZINA
Per l'acquisto dei carburanti sarà possibile continuare a utilizzare le «carte carburanti», ossia quelle rilasciate agli operatori Iva dalla compagnia petrolifera a seguito di specifici contratti di nettìng che consentono il pagamento in un momento diverso rispetto alla cessione. Sono anche valide le carte (ricaricabili o meno)e i buoni, che permettono alle imprese e ai professionisti di acquistare esclusivamente i carburanti e lubrificanti (con stessa aliquota Iva). I pagamenti dovranno, però, essere effettuati con strumenti diversi dal contante.

Prot. n. 73203/2018 Agenzia delle Entrate 

Fonte: Il Sole 24ORe

Commenti (8)
  • Anonimo

    Sì vabbè, non una parola sul fatto che molti Gestori non hanno i mezzi tecnici e il tempo per mettersi a fare fatture elettroniche per importi spesso ridicoli e sui quali non guadagnano praticamente niente.
    Spero che sia davvero la volta buona che ci ribelleremo in massa esponendo cartelli nei quali si avvisa che non facciamo fatture elettroniche.

  • Kazunori

    Io ce l'ho gia' pronto il cartello,e se ancora oggi ci sono attivita' che rifiutano il pagamento con carte,non vedo perche' io non possa rifiutarmi di fare fattura elettronica ( naturalmente esporro' cartello a caratteri cubitali) in alternativa , gli passo il contatto con l'agente per la card petrolifera( cosa che ho gia' iniziato a fare ) che mi mettano in galera se non gli sta bene ... :grin :grin

  • Gigi x Kazunori

    8)

    In galera (come dici tu) non ti metterà nessuno.......in mezzo alla strada, purtroppo per te (accanito sostenitore del TUO amico cannibale dei 10.000 impianti da chiudere) - si.

    Preparati che, a breve, grazie anche a queste nuove manovre strategiche (automazione/pos e fatture obbligatorie ecc), sarai disoccupato.

    Probabilmente nella tua prossima esperienza lavorativa riuscirai a fare tesoro degli errori commessi.

  • Kazunori per Gigi

    Grazie per l'incoraggiamento Gigi... :grin :grin

  • OLEOBLITZ

    ciao Kazunori......ti faccio una domanda....ammesso e concesso che i tuoi clienti accettino il contratto per una carta petrolifera (ne dubito) ti sei chiesto quanto ti rimane al litro ??? fatti bene i conti....e poi comunque non si risolve il problema delle fatture elettroniche, troppo tempo non pagato a gestirle, e se anche metti fuori il cartello, nella notte un cliente usa il tuo self con bancomat e si presenta al mattino con ricevuta e vuole la fattura e tu??? che fai??? l'acquisto è già avvenuto con sistema tracciabile quindi sei obbligato a fagli fattura e se per esempio ha messo 18,45 euro di carburante tu ci hai già rimesso.....quindi?????

  • Alex

    Nascerà la sindrome dei parenti e gli amici del self

  • Kazunori per Oleoblitz

    Ciao Oleoblitz ...giusta considerazione la tua,tutto considerato ritengo la carta petrolifera il "male minore" se devo scegliere,quanto mi rimane dici?? sono in over abbondante da una vita,non sto certo sull'impianto a lavorare per due cent lt come molti colleghi.Ho la fortuna di avere un retista che "mi lascia vivere",e di conseguenza anche il suo impianto vive ,il discorso che fai sulle card petrolifere vale anche per le bancarie,e mi sorprendo ogni volta nel vedere i colleghi che si lamentano del incidenza delle commissioni e non applicano un sacrosanto overprice per recuperarle.Per quanto riguarda il cartello...lo esporro' chiaro e visibile anche sul self,in modo che il cliente sappia che anche con questa modalita' non sara' possibile avere fattura.Detto questo,io provo a fare in questo modo se qualche collega ha soluzioni migliori sono sempre ben accette.

  • OLEOBLITZ

    ok Kazunori fai come vuoi, ti saluto e alla prossima!!!!!!!!!......ma GIGI gigino è avvelenato ancora con la storia sulla chiusura impianti, caz è una ferita aperta per lui.....deve essere su un impianto incompatibile magari su un marciapiede ad essere così incazz sempre e continuamente augurando alla chiusura gli altri.....ma pensa per te testina!!!!!!! :grin :grin :grin

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie