GestoriCarburanti

Domenica, Nov 19th

Last update:07:16:59 AM GMT

Carburanti a filiera monitorata

E-mail Stampa

telematizzazione accise 3Lotta all'evasione in tre mosse per il settore dei carburanti, oggetto di radicali interventi nella legge di bilancio di prossima approvazione. Il comparto, infatti, è da anni og-gettodipesantìfenomeni fraudolenti che hanno reso necessari interventi radicali, invocati anzitutto dagli stessi operatori, che subiscono la presenza di traders e soggetti estemporanei spesso utilizzati persoli fini evasivi.

E-fattura e corrispettivi
La risposta del legislatore sta nell'obiettivo di identificare la Filiera commerciale. Per questo, la lotta alle frodi si rafforza in primo luogo mediante la previsione dal i° luglio 2018 di un duplice obbligo: O emissione di fatture elettroniche;

trasmissione telematica dei corrispettivi.

È stato infatti previsto l'obbligo di emissione di fattura elettronica per tutta la filiera commerciale dei carburanti, ossìa per le cessioni di benzina o gasolio destinati ad essere utilizzati come carburanti per motori. Analogamente, e con la medesima decorrenza, gli operatori dovranno memorizzare e trasmettere telcmatica-mente anche i dati dei corrispettivi per le cessioni di benzina o gasolio effettuate.

Lo stoccaggio
Sempre ai fini ident ificat ivi, eon il secondo intervento è statapoi introdotta una modifica alla disciplina delle accise, prevedendo una nuova, preventiva autorizzazione per i soggetti che intendono avvalersi, per lo stoccaggio dei prodotti energetici, di un deposito fiscale o di un destinatario registrato. In questo modo, gli operatori del settore che.di fatto,sono tenuti al pagamento dell'imposta (che in diritto è invece di competenza primaria del deposito fiscale) devono essere identificati e autorizzati. Sarebbe importante continuare la tracciatura della filiera commerciale anche dopo l'estrazione dai depositi, ma questo obiettivo potrà comunque essere raggiunto dalla fatturazione elettronica e dalla telematìzzazione dei documenti di scorta delle merci assoggettate a imposta (Das).

L'estrazione
Con il terzo e forse più importante intervento, il legislatore ha infine congegnato un nuovo sistema applicativo dell'Iva, attivo a partire dal i° febbraio 2018. Nel caso di estrazione da un deposito fiscaleodaunde-posito di destinatario registrato, qualunque sia la fonte di acquisto (nazionale, intra Uè o extra Uè), l'accisa e l'Iva sono dovute con pagamento mediante modello F24 senza diritto a compensazione.

Dunque, l'istituto tipico del sistema accise viene in funzione, perla verità in maniera ibrida e piuttosto peculiare, come fosse un deposito Iva, con pagamento dell'imposta in contanti. È evidente che l'aggravio finanziario per le imprese sarà molto netto, soprattutto per gli acquisti nazionali che liquideranno l'Iva sull'accisa con modello F24, invece dell'attuale liquidazione periodica.

Diverso è invece il discorso per gli acquisti intracomuni-tari, che identificano la forma maggiore dei flussi fraudolenti per il settore. In questi casi, la nuova norma introduce una de-rogaadoppio taglio. Nelleipo-tesi intra Uè, infatti, l'imposta deve essere corrisposta con modello F24 anche quando il deposito fiscale di transito obbligato è utilizzato anche come deposito Iva. In questi casi, però, la forma di pagamento potrebbe tornare quella ordinaria del reverse charge se l'estrattore si dimostra compiiant con i requisiti di affidabilità da adottarsi con successivo decreto ministeriale. Su tale decreto si giocherà molta parte della par-ti ta sul l'a mie vasio ne, do ven do-si evitare ipotesi di assolvimento semplificato per soggetti nuovi o poco identificati.

Fonte: Il Sole 24ore

Commenti (8)
  • massimo IP  - governo incapace

    :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin ci sarebbe da piangere ma preferisco ridere; qui il governo manista tutta la sua incapacità (voluta) di combattere gli episodi fraudolenti e l'evasione fiscale e si prepara a darci l'ennesima mazzata (gabella) con la fattura digitale che per i piccolissimi è solo un onere in più.... a caro prezzo

  • massimo IP

    manifesta,,, come faccio a correggere il post,,,maremma serp...

  • Anonimo

    Grazie per l'informazione anche se molto poco chiara,
    In sostanza cosa cambierebbe per noi poveri Gestori.
    Cosa significherebbe per noi fatturazione elettronica?
    Grazie.

  • massimo IP

    così come è strutturata e pensata dal governo italiano ci sarà un costo aggiuntivo perché i "file" vanno firmati digitalmente con la smart card e marcati con appositi bolli digitali a pagamento, conservati per 10 anni a "norma di legge" altro costo annuale da affrontare e il tempo: chi già le fa mi assicura che servono almeno 2 euro fra creazione ed inoltro nell'apposito canale messo a disposizione del fisco,,, sempre che il sistema di trasmissione accetti i file senza problemi.... sò dove sia la tanto decantata efficienza che vanno sbandierando... cmq basta leggere nei siti che forniscono le PEC hanno già abbonamenti ad hoc per la creazione, gestione, conservazione delle e-fatture,,, prendete visione delle cifre e poi .... riderete come me :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin

  • Alex

    Il carburante lo selfiziamo sempre di più
    per rosicare il margine del Gestore,
    però, in cambio per vendere quei pochi litri oltre ad usare la clissidra in futuro, dobbiamo impegnare tanto di quel personale,
    che persino l'agenzia delle entrate ci deriderà.
    Nel nostro lavoro ci sono due fattori che ci uccidono:
    1 quello che chi prima arriva studia come ridurci il margine, il
    2 studia come aumentarci i doveri, gli obblighi, le responsabilità, gli impegni.

  • pippo

    Io ho usato la fattura elettronica con asl comuni enti pubblici .Ci vogliono compiuter potenti sempre aggiornati e personale competente .Ho usato ,oggi se vogliono il mio servizio DEVONO pagare in contanti .

  • massimo IP

    .... lo sospettavo....

  • massimo IP  - scheda carburante

    un dubbio mi assale,,, dopo la menata che ci faranno per le e-fatture,,, la scheda carburante la aboliranno? o continueremo a respingere i cacciatori di timbri?,,, visita l'infinita intelligenza di chi governa...

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli meno recenti: