GestoriCarburanti

Martedì, Sep 25th

Last update:07:29:24 AM GMT

Si studia un'Efattura 'leggera'

E-mail Stampa

efattura carburanteSemplificazione sui costi carburante per le partite Iva Un meccanismo per semplificare l'addio alla scheda carburante in calendario dal prossimo 1° luglio. Ad annunciare il progetto allo studio è stato il viceministro all'Economia Luigi Casero a margine dell'evento di ieri sullo stato di attuazione della riforma dell'amministrazione finanziaria.

In pratica, si punta a mettere in campo un sistema per tutte le partite Iva che pagheranno con strumenti elettronici (in primo luogo carte di credito e carte di debito) e che dovrebbero aspettare la fattura elettronica da parte della stazione di servizio. «La digitalizzazione deve servire a semplificare e non a complicare la vita agli operatori», ha sottolineato Casero. Per questo si sta studiando un sistema leggero che a fronte del pagamento in moneta elettronica, ad esempio, possa portare a un automatismo nell'emissione di una fattura elettronica sulla base dei dati prodotti dalla strisciata della carta o dal contactless e magari semplicemente aggiungendo il numero della partita Iva dell'acquirente.

Per metterlo a punto «ci sarà bisogno del supporto tecnico di agenzia delle Entrate e Sogei» ha evidenziato il viceministro. Con un software messo a disposizione e l'individuazione di un'area virtuale in cui andare poi a recuperare l'attestazione digitale della transazione per il pagamento del rifornimento. Del resto, l'addio alla scheda carburante si sta trasformando in un vero e proprio spauracchio per imprese e professionisti. Questo perché l'attestazione del costo sostenuto ha un duplice effetto: sulla detrazione dell'Iva e sulla deduzione per le imposte sui redditi.

Anche in considerazione dei tempi stretti (e degli scenari post voto ancora incerti) un intervento tecnico di semplificazione potrebbe consentire di non ricorrere alla proroga dell'entrata in vigore delle nuove disposizioni.

Fonte: Il Sole 24Ore

Commenti (6)
  • OLEOBLITZ

    come volevasi dimostrare...ma quell'idiota che ha scritto questa legge, o più idioti cosa hanno nella testa.....porc putt.....il sistema così concepito sarebbe saltato in un casino colossale....con milioni e milioni di fatture da gestire (visto che devono essere tenute per 10 anni) sia per chi le faceva ma anche per il cliente che doveva archiviarle ..... :upset siamo in ITALIA.....prima una bella legge poi correre al riparo con rinvii con proroghe ed aggiustamenti!!!!!!!!!!!! saranno state le stesse compagnie che hanno spinto avendo capito che le loro carte petrolifere non valevano per questa legge....ed i GHOST come avrebbero fatto?????????? facciamo un bel programma per inserire la partita IVA nella ricevuta self e tutti vissero contenti..... :grin

  • ermanno

    Questi hanno scritto questa cassata per favorire
    Le solite banche e non per il fisco.

  • Rosario  - Ft elettronica

    a questo punto unico rimedio è avere una piattaforma unica online, dove chi è registrato alla piattaforma stessa viene stampata la ft o inviata all'indirizzo mail la fattura con i dati del PV, anche con nuovi strumenti come card e contacless. Inoltre, il Gestore NON deve e non può avere i costi per la gestione delle fatture elettroniche. Chi ha scritto la legge sicuramente non ha ben chiaro come funziona. Speriamo in una semplificazione per i Gestori.

  • vincenzo

    Registrazione ad una piattaforma , come soggetto IVA , Dal Gestore paga con carta di credito/debito, striscia codice fiscale/tessera sanitaria , ed è fatta.

  • Alex  - La stessa tecnica della tessera punti

    Come le tessere per la raccolta punti, vendono al cliente che ne ha la necessità una tessera che lo abilita ad avere la fattura.
    Noi la inseriamo al pos come una tessera punti ed il cliente riceve la fattura.
    Si evitano fatture anomale,
    si evitano errori nel compilare la fattura,
    si evitano cambi di prodotto,
    si evita tutto con un clic come nelle pubblicità basta un clic

  • BIANCO  - non preoccupatevi.

    Signori non preoccupatevi, le petrolifere sono pronte, una legge in tal senso deve essere avvallata dalle compagnie petrolifere e le banche. Siamo in Italia non in Africa.

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie