GestoriCarburanti

Lunedì, Dec 11th

Last update:06:49:49 AM GMT

Sciopero Gestori Esso, impianti chiusi dal 5 al 7 luglio

E-mail Stampa

Continua la mobilitazione dei Gestori Esso ceduti, insieme alle attrezzature petrolifere, a Retisti privati che non intendono mantenere gli impegni contrattuali.

Una grave discriminazione a danno di questi Gestori che, unitamente all'intera categoria, rimangono senza alcuna tutela nelle mani di speculatori senza scrupoli che fidano, per la loro impunita', sulla superficialità' di chi dovrebbe far rispettare le regole.

Senza un sistema di regole certo ed una pubblica amministrazione in grado di farle rispettare, non ci sara' più' alcuna garanzia per i consumatori, per i gestori, per i lavoratori e per il paese ed a vincere sara' chi avrà' meno scrupoli e non piu' capacita'.

Ministero e governo, inermi, rimangono a guardare!!!!!!!

Impianti Esso di Toscana, Umbria, Lazio, Abruzzo, Marche e Veneto chiusi dalle 19.30' del 5 alle 07.00' del 7 luglio

I Gestori di queste Regioni, già trasferiti ad operatori privati che non intendono mantenere i precisi impegni contrattuali definiti, ai sensi della Legge, con la Esso, tornano di nuovo a chiudere i loro impianti per rivendicare i loro diritti e rispondere al clima di minacce ed intimidazioni che, in questi giorni, sedicenti rappresentanti dei nuovi "padroni", stanno velatamente lanciando per evitare l'adesione alla manifestazione di protesta.

Eppure la Legge obbligherebbe il Ministero dello Sviluppo Economico ad intervenire in quella che sempre più si caratterizza per una vertenza collettiva: evidentemente al Ministero non intendono disturbare il manovratore e lasciare che, a pagare, ancora una volta, nell'indifferenza generale, rimangano i Gestori.

Alla chiusura degli impianti in queste Regioni cui, territorialmente, potranno aggiungersi realtà che operano in altre zone del Paese - così come la facoltà di individuare territorialmente, anche altre azioni di protesta mirate a discrezione dei Gestori coinvolti- farà seguito una giornata di mobilitazione nazionale di tutta la Categoria, con manifestazione generale a Roma ed una prossima chiusura di tutti i punti di vendita per rivendicare i diritti dei Gestori tutti, il rispetto delle regole e richiamare la Pubblica Amministrazione alle sue responsabilità istituzionali.

Commenti (7)
  • Anonimo

    ma in campania no???
    dai chiudete cosi vendiamo di più noi!!!!!!

  • Alex

    Anche se in passato, quando eravate lontani dal immaginare di avere problemi come noi Gestori eni, ed avete sabotato o meglio ritenevate inutili gli scioperi,
    oggi qualcosa è cambiato,...per voi,
    in ogni caso se il sindacato ritiene che dobbiamo unirci a voi ,
    SONO PRONTO A CHIUDERE SUBITO. Come fanno i tassisti, e tutti quelli che hanno voluto ottenere qualcosa.

  • fw 14  - brucia ancora

    BRUCIA ANCORA ADESSO.....
    QUANDO Gestori ENI PRIMA ED ESSO DOPO
    SPIANAVANO LA STRADA AL WEEK END DI SCONTONI
    MA COME ERANO EUFORICI 50.OOO LITRI IN UN SOLO WEEK END
    ASFALTANDO DI FATTO MIGLIAIA DI GESTIONI E TRAGHETTANDOCI DI FATTO A QUESTO SISTEMA

    LA SOLIDARIETA' ..... ORA
    MA FATEMI IL PIACERE

  • Alex

    E' dal lontano 2007 che non partecipo a nessuna campagna promozionale,
    mentre annegavate negli scontoni ho presidiavate l'impianto durante gli scioperi, ho approfittato per dedicare tempo alla mia amata famiglia.
    Oggi ho le ossa rotte,
    come tutti d'altronde,
    ma in cambio cammino a testa alta!!!
    E ne sono fiero.

  • Anonimo

    E non dimenticare che i Gestori Esso, partecipavano con un contributo allo sconto.
    Solidarietà? Ma de che?

  • Antonio

    I post che precedono sono lo specchio di una categoria allo sbando. In molti non hanno ancora capito il dramma che sta vivendo il nostro settore. Come Gestore non ho mai apprezzato il termine "benzinaio" mi è parso sempre denigrante (è un'idea mia) e inappropriato a qualificare il nostro lavoro, la nostra professione e impegno. Ma visti i commenti precedenti come ne ho letti tanti altri simili in queste pagine devo dire che mai come oggi il termine benzinai sia appropriato a qualificarci in senso di persone senza testa paragonabili agli erogatori che abbiamo sui nostri piazzali. Questo lo sanno bene compagnie e retisti per questo ci hanno tenuto al giogo per anni e oggi ancora di più. Noi imprenditori di questo c...o! in molti si credono più furbi di altri ma così facendo continuano il gioco delle compagnie, governi e oggi, dei retisti. Siamo finiti, rendetevi conto.

  • Anonimo

    L'articolo.."Continua la mobilitazione dei Gestori Esso ceduti, insieme alle attrezzature petrolifere, a Retisti" , non siamo stati ceduti "insieme alle attrezzature" ma piuttosto "ceduti come delle attrezzature" ma a valore zero! Questa è la grossa vergogna di come ci ha trattati Esso.

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti: