GestoriCarburanti

Mercoledì, Oct 18th

Last update:01:12:12 PM GMT

Petrolifera Adriatica: nuovo sciopero degli impianti a marchio Esso in Toscana l'8 agosto

E-mail Stampa

esso chiusoUnilaterale violazione contrattuale e taglio al margine del Gestore. Pronte altre azioni giudiziarie
Le Organizzazioni di categoria dei Gestori -Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc Confcommercio- hanno proclamato un nuovo giorno di sciopero che coinvolge, dalle ore 19.00 del giorno 7 agosto alle ore 7.00 del giorno 9 agosto, i punti vendita della Petrolifera Adriatica a marchio Esso posti in Toscana.

Questa la decisione assunta dai comitati di colore delle tre sigle sindacali. Lo sciopero dei gestori è la prima risposta all’unilaterale, immotivata e grave violazione contrattuale attuata da Petrolifera Adriatica che, in costanza di accordo economico e normativo, taglia e saccheggia il margine dei gestori a marchio Esso, determinando una grave perdita economica, la crisi delle gestioni, la disparità di trattamento dei gestori a marchio, causando condizioni inique e discriminatorie.

La decisione scomposta degli acquirenti del pacchetto Esso in Toscana non sorprende ed anzi conferma l’atteggiamento arrogante e aggressivo, non curante delle leggi di settore, con il quale si pongono nei confronti dei singoli Gestori, proprio mentre il Giudice ha avviato l’esame degli atti del procedimento cautelare intentato dalle Associazioni dei gestori nei confronti in particolare di Petrolifera Adriatica per le violazioni di legge e di contratto direttamente nei confronti delle associazioni stesse. Il ricatto economico attuato da Petrolifera Adriatica perché i gestori cedano alle pressioni finalizzate all’accettazione delle condizioni economiche e normative, unilateralmente ed arbitrariamente decise dal medesimo “retista”, in palese violazione di quanto disposto con gli Accordi collettivi vigenti e sottoscritti ai sensi e per gli effetti delle norme, non passerà. I gestori con l’ausilio delle Associazioni di categoria sono pronti a nuove azioni giudiziarie, promosse in tutta la Regione.

I Gestori a marchio Esso della Toscana respingono il grave attacco ai propri diritti, alla dignità del lavoro e di fare impresa in un mercato disciplinato da norme specifiche e denunciano all’opinione pubblica lo strappo alla legalità di Petrolifera Adriatica e il disinteresse e il silenzio della Esso che, pur rimanendo soggetto attivo nella distribuzione, promozione e vigilanza del proprio prodotto, tace di fronte alla palese violazione degli accordi sottoscritti e vigenti, ceduti insieme alla proprietà degli impianti. Il Modello grossista si rivela per quello che è: un modello di business basato sulla redistribuzione degli utili a scapito del gestore. Un’ appropriazione fondata sulla prevaricazione e sulla violazione delle leggi. Siamo al capitalismo selvaggio. Decidendo di promuovere, come prima risposta, l’iniziativa di sciopero per l’8 agosto, i gestori intendono dare un messaggio preciso al retista: rispetto integrale degli accordi in essere. In assenza di risposte adeguate, civili e rispettose dei diritti di ciascuno, nell’ambito del quadro normativo di settore, c’è spazio solo per nuove proteste, nuovi scioperi e azioni giudiziarie. Petrolifera Adriatica non può continuare a sottrarsi al rispetto degli obblighi del contratto stipulato dalla Esso in cui è subentrata con l’acquisto degli impianti e al tempo stesso invocare- in virtù delle sue ridotte dimensioni- un area franca nella quale fare e disfare a suo piacimento, facendo strame delle leggi.
Le ridotte dimensioni, invocate sfacciatamente persino nelle aule di tribunale, non possono inficiare o derogare un principio che deve rimanere inviolabile per tutti: il rispetto delle leggi non è negoziabile.

Faib Fegica e Figisc invitano in modo ultimativo Petrolifera Adriatica ad uniformare da subito i propri comportamenti alle norme e alle leggi di settore e a riconoscere ai gestori a marchio quanto dovuto ai sensi e agli effetti dell’accordo economico e normativo vigente- e tuttora applicato- con Esso.

Commenti (10)
  • massimo IP  - sciopero in data inutile

    l'italiota medio è in ferie, se ne sbatte i marroni dello sciopero! l'otto settembre era una data giusta

  • Alex

    Ieri il TG parlava degli arresti fatti in Sicilia per il caporalato, perché lavorano a due Euro e cinquanta a ora senza assunzione per 10 ore al giorno.
    Non ho capito se era poco il guadagno o se si preoccupavano di non avere la partita iva !!!
    Un Gestore che è reperibile sempre, lavora mediamente 13 ore al giorno, per guadagnare Euro 2.50 ad ora per una giornata deve:
    1 - Investire circa Euro 1400.00 per acquistare il carburante.
    2 - Venderlo con tutti gli annessi e connessi
    3 - Togliere le spese, luce, acqua, trsu, tasi, commercialista, banche, commissioni carte aziendali, ecc. ecc
    4 - anticipare parte degli sconti in ipersel
    5 - Augurarsi di non avere sorprese (nessuno va via senza pagare, o alti episodi ..
    Quanti Gestori riportano Euro 2.50 ad ora nonostante un impegno umano ed economico oltre il lavoro ????
    POLEMIZZARE SU QUESTO SCIOPERO TRADOTTO IN DENARO QUANDO SI PERDE ????
    Chiudere per uno sciopero termini di denaro significa non perdere niente perché il nostro lavoro non da guadagno.
    In termini di guadagno significa guadagnare stima per se stessi,
    vivere un giorno di tranquillità, avere il tempo di dedicarci a quel qualcosa che non abbiamo mai potuto fare per mancanza di tempo
    RIVENDICARE UN PROPRIO DIRITTO E' UN DOVERE.
    Che sia Luglio, Agosto o Settembre se sono in ferie ?
    Non fa niente se gli va di traverso, noi mica abbiamo le ferie ???

  • massimo IP

    non mi pare di aver polemizzato correggimi se sbaglio,,, solo che ha firenze la gente se ne sbatte i coglioni degli scioperi avendo a disposizione coop, conad, carrefour e beifin... a maggior ragione in pieno agosto dove storicamente le autostrade aumentato, il carburante aumenta, il biglietto di treni e aerei idem.... di cosa vogliamo discutere? i Gestori verranno fatti fuori questo è il futuro; in banca non esiste più il cassiere devi vedertela te col terminale per versare ed effettuare pagamenti, al supermercato non esiste più la cassiera idem come sopra. molti di noi lavorano per un euro l'ora non ho mai sentito un tg indignarsi per questo....

  • Marco Esso  - Bella ciao

    in Toscana i Gestori Esso sono uniti e vogliono lottare per i propri diritti il proprio lavoro e contro il caporalato e questi mafiosi dal colletto bianco.
    Del resto la protesta e i tribunali sono l'unica via per le persone oneste di ottenere giustizia; l'unica alternativa dignitosa è cambiare mestiere.

  • Kazunori

    Buona la seconda ...Marco ,cambiare mestiere...

  • silvio

    ....vi siete svegliati adesso!!!!!...nel resto d'italia i Gestori sono spariti.....oppure stanno sparendo....lunga agonia con sindacati inermi e collusi....

  • Anonimo

    In Calabria oggi e domani si sciopera contro l'enorme taglio sui rimborsi cali carburanti perpetrati dalla Esso, noi stiamo protestando in tutti i modi possibili.

  • anonimo

    Si doveva proclamare lo sciopero anche alcuni anni fa quando eni con l'H24 chiedeva al Gestore di partecipare rinunciando fino al 60% del margine;chi si rifiutava veniva messo fuori mercato.

    Anche in questo caso il rispetto delle leggi doveva essere inderogabile.

  • massimo

    come vengono conteggiati i cali dei carburanti?

  • anonimo

    Avendo perso altre occasioni,per la triade questa diventa la madre di tutte le battaglie:se venisse persa
    persa i sindacati dovrebbero cambiare lavoro.

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti: