GestoriCarburanti

Martedì, Jan 23rd

Last update:07:43:04 AM GMT

Rete carburanti, grandi manovre

E-mail Stampa

benzina-a-1-15-euro-al-litroStaffetta Quotidiana - Gabriele Masini -Le grandi manovre nel mondo della distribuzione carburanti sono appena all'inizio. Le operazioni ancora aperte sono diverse, le novità legislative imporranno probabilmente un'accelerazione al processo di razionalizzazione e consolidamento.

Le opportunità – per crescere o per vendere – non mancheranno, come non mancheranno le sorprese, viste le tante incognite su diversi fronti.

L'aspettativa sulle norme della legge di Bilancio è quasi messianica. UP e Assopetroli stanno per portare a casa un risultato molto concreto. La speranza di molti è che gli effetti inizieranno a vedersi fin da subito. E come il dilagare dell'illegalità ha sfregiato il mercato (come disse l'allora presidente di Assopetroli Ferrari Aggradi), espandendosi a macchia d'olio e cambiandone i connotati, così il ritorno a una condizione di rispetto delle regole produrrà equilibri nuovi. Il consolidamento che negli ultimi anni c'è stato dal lato delle compagnie (e che forse non è ancora del tutto concluso) dovrà vedere analogo movimento dal lato dei retisti.

Un quadro su cui pendono ancora le conclusioni delle due grandi transazioni dell'anno, i closing di Api-TotalErg e quello EG Italia-Esso. Da entrambi infatti scaturiranno novità importanti per tutto il settore, tra convenzioni che salteranno e proposte di nuovi modelli di business. E indicazioni sulla direzione che un settore frastagliato e polverizzato come quello dei retisti attende con grande ansia.

È ancora in ballo anche il dossier Repsol, che era dato per praticamente chiuso con Tamoil ma che sembra abbia avuto una battuta di arresto, con l'avvicinarsi di altre soluzioni. E la stessa Tamoil si troverà forse a dover decidere se crescere o trovare almeno dei partner, venendo ad essere considerevolmente più piccola delle tre compagnie rimaste ad essere in qualche modo verticalmente integrate (Eni, Kupit e Api-TotalErg, avendo Esso abbandonato l'ultimo gradino della filiera).
Fare rete, fare sistema, è il mantra che si sente ripetere in tutti i convegni sul tema, insieme a quelli dell'illegalità e della transizione energetica.

Dal punto di vista associativo, il presidente di Assopetroli Andrea Rossetti, intervenendo al convegno Assoindipendenti svoltosi in settimana, si è proposto di allargare il perimetro della rappresentanza, rendendola più aperta e inclusiva, ricordando poi il “livello di integrazione raggiunto con l'Unione Petrolifera, all'altezza dei migliori precedenti”.

Su scala più piccola, il presidente di Assoindipendenti Alessandro Proietti ha proposto la costituzione di una ”holding” interassociativa con Assopetroli che funzioni come una business school per gli operatori del settore, oltre ad annunciare la prossima nascita di una società che raggrupperà quattro dei soci di Assoindipendenti.

Merita infine una citazione, quanto meno per la novità dell'approccio, l'evento svoltosi domenica scorsa a Modena, ospitato nelle sale del museo Ferrari (v. articolo a parte). Un progetto di aggregazione che parte da un trader (Alberto Forini del Gruppo Forini) e mira a coinvolgere fornitori, trasportatori e altri soggetti in vario modo coinvolti nella filiera come fornitori di tecnologie o soluzioni commerciali e di marketing. L'idea di base è di proporre una forma di convenzionamento “leggero” con il marchio Q1, puntando sulla qualità, a partire dall'offerta esclusiva di carburanti premium. Una scelta controcorrente e non facile, sicuramente, in un settore in cui spesso il prezzo è l'unica determinante della scelta del consumatore. Tanto che gli standard di qualità sono andati abbassandosi vertiginosamente. A maggior ragione, un'idea che vale la pena osservare con attenzione.

Per gentile concessione di Staffetta Quotidiana

Commenti (8)
  • Anonimo

    preparate la vaselina

  • zizou

    perchè c'è ancora bisogno di vasellina ??????

  • pippo

    E in tutto questo ,cosa intende fare il SINDACATO per tutelare i propri iscritti ,solo qualche migliaio di persone ,intende tirare fuori le palle o fare da assistente mentre ci operano le emorroidi ? Vuole tentare di portare i Gestori .i trasportatori di carburante ,(visto i prezzi che prendono dai retisti ) sotto un unica campana ,per lottare contro questi nuovi barbari ,i RETISTI ORGANIZZATI o gli bastano 20 persone di rappresentanza al MISE ? Perche cari miei con i presupposti sopra descritti ,mentre noi siamo fermi a rivangare il passato ,LORO si organizzano e tra 2 anni il monopolio sara' loro

  • ENI  - non so

    un articolo che dice tutto e niente, le compagnie si sono accorte che con la liberalizzazione ci hanno perso.
    e adesso si sono accorti che servono pure i Gestori che fanno il servito, quindi aspettiamo ad allarmarci, penso che meno margine di quello che abbiamo non possono fare.

  • Moreno Parin  - meno margine?

    Guarda che da mondo è mondo non c'è limite al peggio, mi ricordo sempre del mio amico che dice: credevamo che avessimo toccato il fondo ma si sono messi a scavare...

  • pippo

    Hai ragione dice tutto e niente .Ma la realta ci dice il contrari purtroppo .Lor signori stanno dettando le regoledel mercato :precarieta sfruttamento ,contratti da pulirsi il cllllo ,stanno entrando le coop di gestione ,il Gestore è annullato e non servono i Gestori per fare il servito !!!!! basta un disperato a 800 € al mese . Solo con certi sistemi si possono tenere bassi i prezzi e straguadagnare ,Ma il pericolo piu grande è che se prima facevano da soli oggi si stanno organizzando Tra qualche anno non vorrei rimpiangere le compagnie colorate che hanno abbandonaqto l italia

  • eni  - il mondo cambia...sempre

    avete ragione, però ho visto che ultimamente le code alle pompe bianche stanno un po' sparendo, i prodotti scadenti che vendono, uniti al personale pagati 800€ al mese stanno facendo rimpiangere il vecchio Gestore.
    certo che le compagnie si stanno unendo, ma questo è 70 anni che è cosi, vi ricordate le 7 sorelle?
    io voglio essere un po' positivo, nel senso che se vogliono che un Gestore se ne vada, devono solo dirlo .
    per il resto è inutile pensare che il nostro mondo si salverà con uno sciopero.
    il mondo cambia sempre, che ci piaccia o no.

  • Kazunori

    Spariscono dalle "piccole" pompe bianche... per andare negli Enercoop ;)

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie