GestoriCarburanti

Domenica, Nov 19th

Last update:07:16:59 AM GMT

Rete carburanti, sul filo del rasoio

E-mail Stampa

linea sottileUn settore in bilico tra baratro e rilancio
Staffetta Quotidiana - Gabriele Masini - C'è grande attesa per le nuove disposizioni in materia di contrasto alle frodi nella distribuzione carburanti che dovrebbero essere inserite nella prossima manovra di bilancio. Come lo scorso anno, i provvedimenti dovrebbero essere due, un decreto-legge in materia fiscale e il disegno di legge di bilancio vero e proprio.

Nelle bozze di decreto-legge che circolano in queste ore non ci sono novità in materia. Bisognerà dunque aspettare lunedì, quando dovrebbe vedere la luce il disegno di legge di bilancio.

Il punto è che quella delle frodi è ancora la questione centrale per il settore della distribuzione carburanti. Per quanto la manifestazione Oil&nonOil sia stata quest'anno molto vivace e partecipata (quanto a espositori, visitatori e convegni), il convitato di pietra resta sempre lo stesso. Fin da subito ha creato scalpore nei corridoi della fiera la presenza di un espositore particolarmente appariscente che offriva “in diretta” a chiunque lo chiedesse forniture di carburanti a “Platts meno”. Ora, che il Platts non sia il Vangelo è cosa certa, ed è molto probabile che un'accusa che si basi sul “sotto Platts” per dimostrare la provenienza illecita di prodotto difficilmente può reggere in tribunale. Detto questo, se ci sono code di autobotti slovene e croate presso un deposito di Roma (casualmente sotto la sede dell'Agenzia delle Dogane), se risulta economicamente sostenibile portare il prodotto dalla Slovenia al Sud Italia, Platts o non Platts c'è qualcosa che non va.

Girando per gli stand di Oil&nonOil l'allarme era generalizzato: rappresentanti di compagnie, retisti, trasportatori, fornitori di servizi, chiunque manifestava sorpresa, stupore e contrarietà di fronte a questa “novità”, a questo ennesimo segnale di cedimento, di deterioramento della situazione. Come ha detto Elisabetta Vianello alla trasmissione Petrolio di Rai1 la scorsa settimana: “il prossimo a vendermi prodotto sarà la camorra”

Il presidente di Assopetroli Andrea Rossetti ha parlato della legge di Bilancio come ultimo treno. E ha ricordato il successo delle azioni messe in atto sul fronte delle false lettere di intento. Un fenomeno, quest'ultimo, che con rimedi non particolarmente complessi si è drasticamente ridotto. Determinando però lo spostamento su altre e nuove forme di frode, soprattutto gli scambi infracomunitari, testimoniando – se ce ne fosse ancora bisogno – che chi froda è molto più rapido di chi deve prevenire o reprimere.

Sarebbe un peccato mancare l'occasione della legge di Bilancio. Un peccato perché c'è un'intera classe di imprenditori, spesso alla seconda o terza generazione di gestione aziendale, che di fronte a questa minaccia ha fatto giocoforza fronte comune, superando spesso diffidenze e particolarismi, confrontandosi e condividendo esperienze e prospettive. Una classe di imprenditori con una gran voglia di rilancio, con idee per conquistare gli spazi lasciati liberi dalla ritirata di alcune delle compagnie.

Imprenditori che sono impegnati su diversi fronti, oltre a quello dell'illegalità. Come ad esempio quello della transizione energetica, con l'applicazione della Dafi e le varie roadmap sulla mobilità. Un fronte questo su cui è indispensabile avere un minimo di continuità negli input che vengono dalla politica, in modo da programmare investimenti e sviluppi. C'è ancora un notevole scetticismo nei confronti della mobilità elettrica (nonostante la stessa Assopetroli abbia avviato un confronto con Enel per risolvere problemi tecnici e contrattuali), sia per i tempi e i modi del rifornimento (non compatibili attualmente con il business della distribuzione) sia perché, in generale, si tratta, come per il car sharing, di attività strutturalmente in perdita, ad oggi.

Altro fronte è quello dei modelli di business: consorzi, condivisione di servizi, fusioni, acquisizioni, consolidamento, logistica, digitalizzazione. Tanti sono i punti da cui è possibile – in alcuni casi indispensabile – “fare rete”. Anche per creare nuovi punti di riferimento, nuovi standard, ed evitare che i nuovi standard siano stabiliti al ribasso, da chi fa leva sulle frodi.

Insomma, le forze e le idee non mancano, il passaggio generazionale alla guida delle aziende della distribuzione – ancora tutt'altro che compiuto e tutto ancora da raccontare – immette nuove energie nel settore. Se si riesce a chiudere la falla dell'illegalità, si potrà ricominciare a parlare con qualche certezza in più di un settore in fase di rilancio, nonostante il calo strutturale dei consumi. E non più di un settore “a perdere”, sul viale del tramonto.

Per gentile concessione di Staffetta Quotidiana 

Commenti (11)
  • ANONIMO

    Qual è la strategia intendono seguire i sindacati per fermare i fallimenti dei propri associati?
    In questi ultimi mesi il loro silenzio è diventa sempre più assordante?

  • Gigi

    8)

    Illegalità?

    Illegalità contrattuale!! I Gestori, adesso presidianti, sono dipendenti delle Compagnie Petrolifere A NERO (contratto fasullo).

    Nessuno parla di questa illegalità.....come mai??

  • Mai "Bianco"

    Sul filo del rasoio grazie al nostro stato ,che si accorge della pagliuzza , vedi obbligo dei bar di dotarsi di Pos per farsi pagare un caffè (notizia dell'ultima ora), e non vede la trave, fiumi di gasolio di contrabbando che evadono miliardi di Euro di tasse con la conseguente rovina del nostro settore dovuta sopratutto all' infiltrazione della malavita organizzata.

  • Anonimo

    Proprio vero.

  • Anonimo

    La mafia organizzata sono le nostre compagnie.

  • Anonimo

    La mafia organizzata sono le nostre compagnie.

  • francesco saverio colloca

    LA RETE , LA MALEDETTA RETE in mano ai Gestori volgarmente chiamati benzinai, certo, tutte le frodi passano attraverso i distributori carburanti , pero' abbiamo il bollettino di depositi illegali sequestrati ,una domanda nasce dal cervello pensante, COME VIAGGIANO I PRODOTTI PETROLIFERI ? SU AUTOBOTTI E' LA RISPOSTA , BENE, BASTA FARE UNA LEGGE SEMPLICE,L'AUTOMEZZO CHE TRASPORTA PRODOTTI PETROLIFERI NON A NORMA FISCALE VERRA' ROTTAMATO, ossia, la distruzione dell'automezzo comporterebbe un danno superiore al valore della merce trasportata. CHI RISCHIA UNA ATB CHE HA UN VALORE DI 200000 EURO PER UN PRODOTTO CHE POTRA' VALERE 30000?

  • Anonimo

    Non passano attraverso la rete dei distributori carburanti, o meglio solo attraverso quei pochissimi che saranno compiacenti e con grossi volumi. Piuttosto al merce, andrà ai depositi e poi rivenduta extra rete o sempre tramite organizzazioni criminali che chiudono da una parte e aprono dall'altra( grazie alla liberalizzazione Bersani). Non parliamo delle pompe bianche che nascono come funghi saranno tutte perfettamente in regola? Molti depositi intestati a prestanome, aprono e chiudono prima della fine esercizio in totale evasione d'iva.
    Giustissima l'dea del sequestro del mezzo.

  • pippo

    Ma chi compera il prodotto in modo irregolare ,il Gestore o il retista ?Quindi su cosa hanno fatto un convegno su è piu ladro chi tiene il sacco o chi prende la gallina ?Queste frodi ,che a NOI non interessano !!!! perche prendiamo sempre 2 cent al litro ,non esistevano fino a quando i retisti affittavano i P V alle compagnie ,oggi ,spinti dall ingordigia vanno a patti col diavolo per acaparrarsi il costo minore ,consapevoli che la legge non gli puo far nulla e poi cosa a creato questo nuovo modello di imprenditorialita ???!! 25000disoccupati in 5 anni ,distruzione del la figura del Gestore sostituita da contratti par time a 700 € al mese ,nessuna contrattazione ,e si potrebbe continuare ,.Come contrastare il nero ? facciano a loro quello che loro facevano a noi :paghino allo scarico il prodotto con bonifico o altro in modo tracciabile facile no e non dite che questo è un settore sul viale del tramonto ,visto i milioni che impegnate per nuove costruzioni o ristrutturazioni .arrivederci

  • Anonimo

    stanno perdendo tutti.
    noi Gestori, le compagnie petrolifere... non puoi combattere un nemico che compra 40/50 punti in meno di te.....
    italia paese di ladri....

  • mario da parma

    siete solo capaci di lamentarvi quando servite per azioni scomparite

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.