GestoriCarburanti

Martedì, Maggio 23rd

Last update:12:44:49 PM GMT

Rete carburanti, "avviare una fase negoziale straordinaria"

E-mail Stampa

Quotidiano Energia - I gestori scrivono a compagnie, UP, Assopetroli e Grandi Reti: "Situazione drammatica, risposta entro il mese o recupereremo i costi attraverso i prezzi". E sulle carte di credito si rivolgono al Governo minacciando "commissioni aggiuntive" e chiusure

"Avviare immediatamente una fase negoziale, anche straordinaria e transitoria". È la richiesta che i gestori rivolgono alle compagnie in una lettera inviata oggi ad Api, Eni, Esso, Kupit, Tamoil e TotalErg, e per conoscenza anche a Unione Petrolifera, Assopetroli e Grandi Reti.

"Come è del tutto noto", scrivono Faib, Fegica e Figisc, "l'attività di distribuzione carburanti al dettaglio negli ultimi anni è stata fatto oggetto di numerosi provvedimenti, anche normativi, che hanno comportato per l'intero sistema una aumento sensibile degli obblighi e degli oneri ad essi collegati".

Una situazione, aggravata anche dalla discesa dei volumi, che per le tre federazioni ha avuto il riflesso di "criticità economico/finanziarie di cui sono costrette a farsi inopinatamente carico le gestioni con le sole proprie forze da ormai troppo tempo", con conseguenze "talmente drammatiche da imporre (…) di individuare ogni possibile azione immediatamente risolutiva".

Un'iniziativa in questo senso è rappresentata peraltro da un'altra lettera che le stesse sigle hanno inviato sempre oggi al presidente del Consiglio Gentiloni e ai viceministri di Mise, Interno e Finanze, Bellanova, Bubbico e Casero sui costi della moneta elettronica, in cui si preannuncia che "se non se non interverrà una presa di coscienza della drammaticità del fenomeno", i gestori "saranno costretti a scegliere la via della contrapposizione, rifiutando la moneta elettronica o introducendo una 'commissione aggiuntiva'". Non solo, perché la categoria si dice pronta anche a "chiudere gli impianti".

Tornando alla comunicazione alle compagnie, nel rimarcare l'urgenza di "trovare le soluzioni" all'interno dell' "ambito contrattuale collettivo", Faib, Fegica e Figisc chiedono un riscontro sull'avvio "entro la fine del mese" della nuova fase negoziale, avvertendo che se il processo non partirà daranno "espressa indicazione ai propri associati di provvedere a recuperare i superiori costi sopportati individualmente", anche facendo ricorso alla "inviolabile facoltà assegnata loro dalla legge di determinare il prezzo finale". Tuttavia, ammettono, "sarebbe una sconfitta per l'intero sistema in quanto certificherebbe l'incapacità di individuare soluzioni condivise".

Le federazioni, infine, "ritengono essenzialmente interesse dell'intero 'sistema produttivo' che tutte le organizzazioni di categoria (…) producano il massimo sforzo per ricostruire una relazione positiva con la Pubblica Amministrazione, affinché il settore venga necessariamente alleggerito di una tale pesante quantità di oneri, anche nell'interesse del consumatore finale".

Per gentile concessione di Quotidiano Energia

Commenti (21)
  • Anonimo

    ERA ORA tra il dire e il fare, c'è di mezzo il FARE.
    S P E R I A M O !!!!!

  • bianco  - bianco

    Andiamo e spezziamo le reti alla Grecia..... :grin :grin

  • FABIO

    TUTTE CHIACCHERE !!

  • Kazunori

    Risposta entro il mese... di che anno :grin :grin :grin

  • OLEOBLITZ

    ma fanno ridere...e dove vuoi che vada il poverello di Gestore...non si può fare più nulla...tra grande distribuzione e ghost e pompe bianche ....siamo tutti schiacciati ....queste azioni dovevano essere fatte anni e anni fa quando la rete distributiva stava cambiando..... :grin :grin :grin

  • Gio'

    Sono anni che sento dire e leggo le stesse cose.. Inutile girarci intorno.. Bisogna AUMENTARE I MARGINI DEI Gestori, altrimenti non cambiera' nulla. Non si puo' far fronte a spese allucinanti ed avere un guadagno cosi' basso.. Purtroppo cio' non avverrà mai.. Dovremmo mobilitarci TUTTI quanti; altrimenti saremo spacciati.. Questi parlano e parlano.. E intanto i Gestori sprofondano sempre piu' nella m***a.. v********o :upset :upset :upset :upset :upset

  • vincenzo

    Sono sempre convinto che lo sciopero e l'unica arma che il Gestore ha per difendersi, e che non mi vengano a dire ancora "chi vuoi che chiuda" tanto sono ormai tutti ghost pompe bianche e GDO, blocchiamo i depositi , poi voglio vedere questi signori compresi i crumiri dopo due giorni cosa vendono. O MO O MAI

  • Anonimo

    :) :) 8 centesimi per tutti altrimenti si chiude per sempre speriamo che almeno adesso che la nave sta affondando Sindacati Compagnie e Gestori se ne rendano conto e agiscano di conseguenza , Ps il tempo sta per scadere. :( :( 8) 8)

  • Kazunori

    Vedrete che la triade abbandonera' la nave prima che affondi... :grin

  • pippo

    Allora ,o ci siete o ci fate .Avviare una fase negoziale .Avviare una fase negoziale transitoria e straordinaria ,Cosa vuol dire ,che per l ennesima volta si va col cappello in mano a chiedere l elemosina ?No signori forse non avete capito che ci avete rotto i coglioni con le trattative valide 10 anni fa .Oggi la richiesta deve essere :Care compagnie visto i tempi che corrono e il c**o che ci avete fatto ,se entro 15 gg non avremmo risposte serie e valide per rimettere in primo piano il ruolo del Gestore ,moralmente ed economicamente ,faremo quanto segue :blocco carte di OGNI TIPO .chiusura degli impianti ,blocco dei depositi ,e disdetta di TUTTI gli accordi con stato e compagnie , con l andazzo e il malumore che c é state pur certi che i Gestori ci seguiranno .Assemblee unitarie per spiegare i motivi PUNTO
    Scommettiamo che qualcosa si muove ?Sindacato ? sveglia che ce la puoi fare

  • Anonimo

    Sono d'accordo, assemble con i Gestori e scioperi ad oltranza.

  • Gigi

    8)

    Non vi capisco:

    - avete aderito alle campagne self
    - avete aderito ai maxi sconti
    - avete aderito alle strategie "ammazza Gestori"

    - NON avete aderito agli scioperi!!!

    Ma cosa credevate che succedesse??

    Inoltre: continuate a credere che la soluzione sarebbe stata quella di chiudere impianti con la conseguente eliminazione di poveri colleghi.

    Tutto per salvaguardare il proprio misero orticello.

    Gli impianti automatizzati e quelli chiusi ormai sono troppi.

    E' troppo tardi per fare qualsiasi cosa.

  • pippo

    Ieri lo sciopero dei Tassisti ha impegnato tutte le reti televisive e radiofoniche con servizi e dibattiti ,solo perché i tassisti sentono minacciato il loro lavoro , oggi si replica e domani saranno convocati dal governo .Questo perché sono UNITI e solidali infischiandosene dell antitrast e ass consumatori
    Pensiamo cosa succederebbe e cosa si potrebbe ottenere con 25000 impianti chiusi !!!! Forse valiamo meno dei tassisti ?

  • Anonimo

    Loro sono uniti perchè hanno le licenze contate, ma la cuccagna presto finirà anche per loro.
    Con licenze libere e l'avvento di Uber, i loro scioperi faranno la stessa fine dei nostri. Non li cagherà nessuno.

  • pippo

    almeno moriranno in piedi ,lottando ,non come delle pecore al macello ,capaci solo di piangersi addosso ,sveglia!!!!!!!!

  • Anonimo

    Bello vedere tanta gente sognare un ritorno al passato.
    Meglio evitare proclamazioni di scioperi che poi fa il 30% dei Gestori rimediandoci solo figure cacine.
    Non siamo riusciti ad essere uniti nemmeno nei sacrosanti scioperi contro le carte di credito, ma che volete sperare?
    Questo è un mestiere finito, almeno così come lo abbiamo inteso fino ad ora.
    Ci stanno salvando solo gli spaventosi guadagni che diamo alle compagnie con i prezzi servito (almeno finchè ci saranno scemi disposti a spendere anche 10 euro in più su un pieno pur di non sporcarsi le manine)
    Mettetevelo in testa.

  • Kazunori

    Ma sciopero de che'... e' tardi e faremmo la solita figuraccia ,si salvi chi puo'... :upset

  • pippo

    Non è tardi ,anzi ,molti Gestori stanno capendo che non c e la fanno piu ,che stanno fallendo ,lo sta capendo anche il sindacato ,bisogna ripartire da zero e pretendere !!!! Basta leccaculi e sudditanza alla compagnia Questo è il momento (basta leggere )di dare una spallata al sistema ,ci sono ancora 20000 impianti con Gestori ,altro che finiti !!!! Basta piangersi addosso !!!!! non serve ritornare al passato vogliamo un presente dignitoso ,basta essere pecore

  • Kazunori

    Ok Pippo abbiamo capito ...basta qui ,basta la,ma non hai allegato le istruzioni per l'uso di questo tuo piano... :grin

  • pippo

    Cosa vuol capire uno che è sempre contrario a tutto .
    Basta qui ,basta la ,no ,continuiamo a essere succubi ,pecore ,conigli ,sperando che ritornino gli anni 80 .Dopo molto lo sta capendo, forse anche il sindacato ,spero lo capiscano molti altri

  • Gestore eni

    Siamo al dunque.
    Cosa c'e' da perdere?
    Voglio proprio vedere se qualcuno si tira indietro.
    Io comunque sono sempre del parere che i primi a dover dare l'esempio sono i GENERALI senza se e senza ma poi anche la truppa non potra' esimersi pena l'estinzione .
    Forza tentiamo non c'e' altro tempo !!!!!!!!

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti: