Venerdì, Aug 18th

Last update:06:27:10 AM GMT

La beffa della benzina in autostrada è più cara

E-mail Stampa

benzacartellone stampaIl prezzo scende ma non per chi viaggia I consumatori: enorme problema distributivo
Perché la benzina in autostrada costa sempre più cara il prezzo scende ma non per chi viaggia. I consumatori: enorme problema distributivo

Cara benzina mi costi, ma quanto mi costi? Il calcolo lo hanno fatto il sindacato dei gestori Figisc e la Confcommercio. Il prezzo medio di un litro di benzina alla pompa nella settimana tra il 5 e l'll giugno è stato di 1 euro e 512 centesimi. Con un certo entusiasmo l'Osservatorio prezzi del ministero dello Sviluppo economico fa sapere che lunedì scorso - 2 giorni fa quindi è il dato più aggiornato che c'è - il prezzo medio sarebbe sceso a 1 euro e 510 centesimi. Con un sostanzioso risparmio per noi consumatori di ben 0,002 centesimi. In calo anche se si fa fatica a definirlo vertiginoso è pure il prezzo del gasolio.

Settimana scorsa era di 1 euro e 361 centesimi al litro. Che lunedì era in media di 1 euro e 353 centesimi. Che ad alzare vertiginosamente i prezzi siano tasse e accise si sa. È bene ricordare qualche numero. L'Iva al litro sulla benzina è di 273 centesimi. Le accisa arrivano a 737 centesimi. Che fanno per lo Stato un introito, questo si vertiginoso, di 1,010 euro per ogni litro.

Se non bastasse il caro prezzi c'è l'ulteriore rincaro se la benzina si acquista in autostrada. Secondo Leonardo.itMoney la benzina in autostrada costa il 30 se non il 45% in più rispetto alla normale rete. Secondo Altroconsumo che ha fatto una ricerca molto dettagliata nel 2016 sulle autostrade nell'area di Milano la benzina costa il 9% in più, di Bologna il 6%, di Firenze 1'11%, di Roma il 7% e addirittura il 12% a Napoli.

Gestori e società autostradali si rimpallano la responsabilità su costo della benzina, addebitandolo alle royalties che queste ultime incassano per ogni litro venduto. Marco Bulfon responsabile prezzi carburante di Altroconsumo ha pure un'altra idea: «Da noi c'è la benzina più cara d'Europa anche se l'Italia è uno dei massimi produttori al mondo di carburante. Questo avrebbe dovuto garantire prezzi più concorrenziali. Ma va a finire che il nostro carburante venduto in Francia là costa meno. Da noi c'è un gigantesco problema di distribuzione e di organizzazione». Per non parlare dei costi fissi. Delle royalties alle società autostradali e tutto il resto.

L'esperto risponde: «Fino a che lo Stato utilizza la benzina come salvadanaio siamo di fronte a una ingestibile follia. Da noi poi ci sono il doppio delle stazioni di servizio che in Europa». In Italia sono 24 mila solo sulla rete autostradale. Che vendono meno di 1 miliardo e 800 milioni di litri di carburante. Un dato sempre più in decrescita visto che l'oro nero è oramai caro come l'oro vero. E dal 2008 al 2013 la vendita sulla rete autostradale è crollata in media del 45%. Complice la crisi e non solo quella.

Fonte: La Stampa

Commenti (3)
  • Anonimo  - Viva la precisione

    Grande articolo - a parte le ovvietà viva la precisione svizzera...

    "L'Iva al litro sulla benzina è di 273 centesimi. Le accisa arrivano a 737 centesimi" - e "In Italia sono 24 mila (impianti) solo sulla rete autostradale" - "Che vendono meno di 1 miliardo e 800 milioni di litri di carburante" - il che porta la media a 75000 litri a impianto all'anno - direi buono.

    Complimenti al giornalista della Stampa.

  • Moreno Parin  - che numeri

    qualcuno va a dire al giornalista che 737 centesimi sono 7,37 Euro al litro...

    che botta di strafalcioni....

  • Anonimo

    secondo voi il giornalista che ha scritto l'articolo, che magari di solito scrive articoli politici o di gossip, possiamo anche capirlo e perdonarlo se non sa usare la calcolatrice.

    cosa ben diversa è quando la calcolatrice non la sa adoperare il Gestore che opera nel settore e vive di questo............

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti: