Venerdì, Aug 18th

Last update:06:27:10 AM GMT

TotalErg, sprint finale tra Api e gli inglesi Intervias

E-mail Stampa

volata totalergVolata a due per l'aggiudicazione delle 2600 stazioni di servizio TotalErg, pari a una quota di mercato dell'll,5%. Ieri sono scaduti i termini per la presentazione delle offerte vincolanti del progetto battezzato Tien: in dirittura d'arrivo si presentano Api, il gruppo della famiglia Brachetti Peretti che opera con 3.100 pompe di benzina e Tdr Capitai, fondo inglese che controlla Intervias Group, la società aggiudicataria nei mesi scorsi dei 1.176 punti vendita Esso.

Si profila un testa-a-testa agguerrito che dovrebbe finalmente concludere un processo di vendita avviato molti mesi fa, ma rimasto congelato a lungo per i valori iniziali chiesti dai venditori. Le offerte che verranno consegnate agli advisor Rothschild e Hsbc potrebbero spingersi fino a 450-500 milioni, meno dei 700 milioni che era il tetto iniziale.

TotalErg ha un interprise value di circa 450 milioni, un ebitda pari a 121,2 milioni e un gross margin (primo margine), di 500. Total Erg è controllata al 51% dai francesi di Total e al 49% dalla Erg (famiglia Garrone). Ormai però i margini di guadagno di questa attività sono risicati perché in Italia ci sono troppe pompe di benzina (21 mila) con un evidente eccesso di offerta rispetto al consumo. Molti operatori vogliono vendere i loro distributori con l'effetto di far scendere i prezzi. In più tra auto ibride ed elettriche, i private equity che avevano studiato il dossier, si sono ritirati perché i benzinai rischiano di diventare come gli sportelli bancari: attività ad alti costi e bassi margini. Non a caso a fine 2016 anche Esso ha ceduto a Intervias le sue attività nella distribuzione, dopo aver ceduto alla spicciolata oltre 300 stazioni di servizio.

Api che è assistita da Banca Imi è molto determinata ad aggiudicarsi il deal che gli permetterebbe di raggiungere una massa di 5600 stazioni di servizio divenendo il primo gruppo italiano per punti vendita e il secondo - dietro Eni per carburante erogato.

Entrambi i finalisti hanno il sostegno delle banche. Il gruppo inglese ha alle spalle tré istituti esteri che tra mezzi per l'acquisizione e rifinanziamento debiti potrebbero concedere circa 650-700 milioni. Anche Api ha il sostegno di un pool con capofila Unicredit e formato da Ubi e Banco Bpm pronto ad erogare fino a 700 milioni.

Fonte: Il Messaggero

Commenti (6)
  • Kazunori

    Un mestiere "AD ALTI COSTI E BASSI MARGINI" ma va'...noi benzinai stiamo da DIO !! :grin :grin

  • pippo

    Qualcuno dovrebbe chiedersi come mai in un paese dove vendere carburanti è diventato un fallimento ,dove societa come esso o shell e oggi erg alzano i tacchi ,ci sono delle NUOVE societa che fanno a gara per entrare nello stesso mercato spendendo dei milioni (500) pur di esserci .Quale è lo scopo di interesse ,siamo diventati un terreno di conquista e di speculazione da parte di chi ? imprenditori o chi ? Possibile che le istituzioni non se lo chiedano ,si rendono conto che in questa realta lavorano migliaia di persone
    Possibile che fino a ieri per il Gestore non cera nulla e oggi gli stessi impianti valgano milioni ?Quanto ci avete preso in giro ,mise ,governo e sindacato tutto
    La cosa piu triste è che MIGLIAIA di Gestori non abbiano capito che avevamo una forza in grado di farci avere molto ,mente oggi saremmo venduti a indiani e cinesi e buttati via come limoni spremuti
    Che schifo di paese

  • geo66

    Qualcosa non quadra in questo articolo, le percentuali di proprietà di TotalErg non sono corrette, è la famiglia Garrone a detenere il 51% e la Total il 49%.
    Poi API era stata data fuori dai giochi più di tre mesi fa, ed a giocarsi l'acquisto erano rimasti due fondi, Glencore ed Intervias.......

  • Kazunori

    Quello che dici e' esatto,in effetti Api sembrava fuori gioco ma deve avere trovato i finanziatori giusti per provarci ...poi e' da vedere cosa cambiera' in soldoni per i Gestori ... non ho una gran fiducia :roll :roll

  • Anonimo

    se api non ha i soldi per piangere,non sta rispettando il contratto ci r.... 0,003 sul fai da te e la manutenzione non viene nemeno :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin

  • OLEOBLITZ  - che strano

    il futuro ....sarà veramente solo auto elettriche?????? oppure si stanno preparando alla scoperta di qualcosa di veramente innovativo ......qui gatta ci cova....chiudere immediatamente 8000/10000 impianti :grin

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli meno recenti: