GestoriCarburanti

Lunedì, Dec 11th

Last update:06:49:49 AM GMT

Consumi petroliferi: +3,6% nel 2015, in calo la fattura petrolifera

E-mail Stampa

Secondo i dati elaborati da Unione Petrolifera, nel 2015 i consumi petroliferi in Italia sono tornati a crescere: ammontano a circa 59,7 milioni di tonnellate, con un aumento del 3,6% (+2.090.000 tonnellate) rispetto al 2014.

Un consumo, comunque, inferiore al 2013 (era circa 60,2 mln t) e ancora ci troviamo sui livelli di metà degli anni ’60. Ricordiamo inoltre che solo, 10 anni fa, nel 2005, tutti i consumi petroliferi erano stati di 86,7 milioni di tonnellate, cioè 27 mln t in più.

In questo ambito, nell’anno appena trascorso, i consumi di benzina hanno avuto tuttavia un calo dell’1,2%: 7,8 mln t (-98.000 tonnellate sul 2014). Dieci anni fa erano stati pari a 13,5 milioni di tonnellate i consumi di benzina, quindi circa il 42% in più.

A crescere è invece il consumo di gasolio per autotrazione (23,2 mln t), con un +1,8% sul 2014 (+410.000 tonnellate). Dieci anni la domanda era di poco superiore ad oggi: 24,3 mln t.

Nel 2015 la somma dei soli carburanti (benzina + gasolio) è stata di 31 milioni di tonnellate, con un incremento di appena l’1% (+312.000 tonnellate) rispetto all’anno precedente. E del 18% in meno, facendo riferimento al 2005, quando i consumi di entrambi carburanti erano stati di 37,8 mln t.

Nel 2015, inoltre, cresce del 5% il Gpl per autotrazione (3,2 mln t), e del 6,7% quello per riscaldamento.

L’UP riporta anche per il 2015 le nuove immatricolazioni di autovetture. Queste sono risultate in aumento del 15,8%, con quelle diesel a coprire il 55,6% del totale.

Secondo una recente stima dell’Unione Petrolifera, la fattura energetica per l’Italia per il 2015 dovrebbe aver registrato una diminuzione di quasi 10 miliardi di euro, pari al 22% in meno rispetto al 2014: 34,7 miliardi di euro contro i 44,6 mld del 2014. Nello specifico, la stima della fattura petrolifera (saldo fra costo importazioni e ricavo esportazioni di greggio e prodotti) cala del 35% sul 2014, cioè di 8,7 miliardi di euro

Commenti (0)
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti: