GestoriCarburanti

Mercoledì, Oct 24th

Last update:12:37:44 PM GMT

Carburanti, UE all'Italia: 'Abolite la tassa regionale'

E-mail Stampa

benzina prezzi in aumentoIn Italia a concorrere al prezzo (alto) dei carburanti vi è una tassa sconosciuta ai più: si tratta dell'IRBA, sigla stante per “Imposta Regionale sulla Benzina per Autotrazione”. Costa poco più di 0,02 centesimi al litro: è in vigore in Calabria, Campania, Lazio, Liguria, Piemonte, Marche e Molise, che dovranno eliminarla entro due mesi

Per l'Unione Europea, però, va abolita. La Commissione Europea ha infatti da poco inviato all'Italia una lettera di costituzione in mora chiedendo l'abolizione della tassa regionale, in quanto «non ha finalità specifiche ma unicamente di bilancio, contravvenendo quindi alle norme dell'UE».

L'IRBA, spiega Bruxelles, costa ad ogni automobilista circa 2 centesimi per litro di benzina sui 72 centesimi di accisa percepiti sulla base della legislazione armonizzata dell'UE. Il problema è che per l'Europa è una tassa i cui proventi non sono destinati a coprire provvedimenti o azioni specifiche, ma serve unicamente a fare cassa.

L'addizionale regionale sulla benzina riguarda le Regioni a statuto ordinario: è stata introdotta dal decreto legislativo 398 del 1990 ed è dovuta dal concessionario o titolare dell'autorizzazione dell'impianto di distribuzione del carburante, che versa mensilmente alla Regione l'ammontare della tassa sul quantitativo erogato.

Attualmente è in vigore in alcune Regioni. La Calabria ha introdotto l'IRBA di 0,02582 euro nel 2011. Stesso ammontare per la Campania, che l'ha varata già nel 2004, mentre nel Lazio è arrivata nel 2012. In Molise era di 0,01549 nel 2005, ma è stata aumentata sempre a 0,02582 euro nel 2007. L'importo è leggermente superiore in Piemonte, al via nel 2012, dove è di 0,026 euro. In Liguria l'addizionale regionale più alta: introdotta nel 2006 a 0,02582 euro, nel 2012 è stata incrementata a 0,05 euro. Le Marche invece l'hanno fissata a 0,02 euro nel 2008. Il 1° gennaio del 2012 era salita a ben 0,07580, ma è stata riportata all'ammontare precedente già nell'aprile dello stesso anno.

E' stata introdotta e poi abolita in diverse Regioni. In Abruzzo (0,02580) è durata lo spazio di un anno, nel solo 2011 per poi essere abrogata dall'1 gennaio 2012. In Toscana, fissata a 0,05 euro, è durata ancora meno: dall'1 gennaio all'1 ottobre 2012. Altalenante in Puglia: fu lanciata a 0,2582 nel 2008 per poi essere ritirata a partire dall'1 ottobre del 2009. La Regione la rispolverò l'1 marzo del 2011 per poi eliminarla a partire dall'1 gennaio 2013. In Umbria arrivò nel 2012 a 0,04 euro, per poi scendere a 0,025 dall'1 gennaio 2013 per poi essere cancellata l'1 gennaio 2014.

Commenti (4)
  • Kazunori

    Abolire le accise no e'... :upset :upset

  • massimo IP

    ma figurati se questi parassiti ci rinunciano....

  • mario api ip

    non risulta la Basilicata in questo elenco , mi chiedo come mai tra provincia di potenza e provincia di Matera il prezzo di listino cambia, E PURE SONO 0,015 A LITRO DI DIFFERENZA .

  • mario da parma

    è arrivato il contratto con la EG ITALIA PESSIMO mentre tutte le altre categorie lottano per aumenti noi lottiamo per diminuzioni dei margini,mentre aumentano le spese fisse

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie