Un'opinione importante, la vostra.

In questa sezione si discute della imminente
ed ennesima riforma sul settore della distribuzione carburanti
Angelo

Un'opinione importante, la vostra.

Messaggioda Angelo » 10/04/2010, 16:55

Vorrei una considerazione da parte di tutti voi frequentatori e gestori. Io non lavoro in questo campo ma avendo interesse per tutte le buone idee imprenditoriali mi fermo e mi chiedo, oggi nel 2010 dove l'erogato di benzina e' al minimo storico e quello del gasolio ormai stabile a tutto vantaggio di erogato gpl/metano in attesa di un mercato di alimentazioni alternative (ibrido o elettrico) che vantaggio c'e ad aprire ripeto nel 2010 un nuovo distributore? Secondo voi l'investimento (che sia fatto dal privato con pompa bianca oppure dalla compagnia con obbligo di fornitura esclusiva sul terreno di proprieta' del privato) e' destinato ad essere fruttuoso ? voi lo fareste considerando un erogato previsto di 1.500.000 litri l'anno?


Avatar utente
un collega stufo
Moderatore
Messaggi: 342
Iscritto il: 17/09/2008, 16:54
telefono: 0
Località: Bologna
Contatta:

Re: Un'opinione importante, la vostra.

Messaggioda un collega stufo » 12/04/2010, 11:38

guarda, io se avessi la possibilità , o meglio, la disponibilità economica, farei ben altro !

purtroppo ormai ho ben poche scelte a mia disposizione e sono "costretto" a continuare a fare questo mestiere in cui soddisfazioni economiche ora non se ne hanno più ed è già tanto se non sei in perdita.

soddisfazioni personali men che meno, da chiunque ,grazie al bombardamento mediatico e al silenzio dei "nostri" sindacalisti, vieni descritto come colui che si arricchisce speculando sulla benzina, per cui oltre che cornuto sei anche mazziato !

i consumi, come hai notato anche tu, sono costantemente in calo e non solo in migrazione da un prodotto ad un altro.
la gente ha , quando è fortunata ad avercelo ancora, sempre lo stesso stipendio, quindi è costretta a spendere con sempre più accortezza verso i prezzi.
le auto hanno aumentato la loro autonomia consumando sempre meno.
la disoccupazione/cassaintegrazione è aumentata, quindi meno gente che non solo non ha soldi da spendere per girare qua e la, ma che non consuma nemmeno per andare e tornare dal lavoro dato che è a casa!

sei costantemente a rischio rapina/furti nonchè rischi per la salute trattando merce cancerogena.
citazione :
Se un uomo non è disposto a correre qualche rischio per le sue idee, o le sue idee non valgono nulla o non vale niente lui.
- Ezra Pound -

ilbenzinaio
Messaggi: 231
Iscritto il: 12/02/2009, 17:37
Cognome: musetti
Compagnia Petrolifera: IP
consenso trattamento dei dati personali: Rifiuto
telefono: 0
Contatta:

Re: Un'opinione importante, la vostra.

Messaggioda ilbenzinaio » 19/04/2010, 21:47

Analisi a dir poco perfetta, e te lo dice un gestore che è 18 anni che è sull'impianto. Non molti per qualcuno parecchi per uno che ha visto il proprio lavoro negli anni calare notevolmente ma soprattutto al di là dell'aspetto economico, costantemente sotto pressione dei clienti che ti scambiano quasi per un ladro !!!!!!!

Se hai una buona base economica non ti lanciare in questo mestiere ma se ci tieni tanto punta almeno ad un'offerta di servizi ampia che ti permetta delle buone entrate ( piccola officina, lavaggio, bar)
Ciao e buona fortuna se diventi nostro collega !!!!!!!

Lucacat
Messaggi: 9
Iscritto il: 28/12/2009, 16:06
Cognome: Catalano
Compagnia Petrolifera: SP
consenso trattamento dei dati personali: Accetto
telefono: 0
Contatta:

Re: Un'opinione importante, la vostra.

Messaggioda Lucacat » 31/10/2010, 19:14

Angelo ha scritto:Vorrei una considerazione da parte di tutti voi frequentatori e gestori. Io non lavoro in questo campo ma avendo interesse per tutte le buone idee imprenditoriali mi fermo e mi chiedo, oggi nel 2010 dove l'erogato di benzina e' al minimo storico e quello del gasolio ormai stabile a tutto vantaggio di erogato gpl/metano in attesa di un mercato di alimentazioni alternative (ibrido o elettrico) che vantaggio c'e ad aprire ripeto nel 2010 un nuovo distributore? Secondo voi l'investimento (che sia fatto dal privato con pompa bianca oppure dalla compagnia con obbligo di fornitura esclusiva sul terreno di proprieta' del privato) e' destinato ad essere fruttuoso ? voi lo fareste considerando un erogato previsto di 1.500.000 litri l'anno?

Nel mio caso...ad averlo un erogato di un milione e rotti litri l'anno. Purtroppo il mio impianto si ferma a 430mila. Io sono proprietario ma il gestore sta lavorando benissimo. Il problema è che la gente è in difficoltà ed i consumi, ovviamente, diminuiscono.
Ora, in fin dei conti ridurre i consumi non è proprio un male, il problema è che oggi restano delle accise ingiustificate sui prezzi del carburante, se non sbaglio siamo ben oltre i 50 centesimi di accise su cui viene pure calcolata l'iva. Una cosa assurda se pensi che il gestore prende solo 4 centesimi lordi al litro.
Ovvio che in questo modo, nessuno è più in grado di lavorare. Cosa bisogna fare? Non do nemmeno la colpa alle compagnie petrolifere. Allora? Ecco, sarebbe cosa buona e giusta diminuire le accise di almeno 10 centesimi da redistribuire tra gestore, e compagnie/proprietari.
Basterebbe un margine di guadagno lordo di 8/9 centesimi AL GESTORE per farci campare decentemente (idem ai proprietari/titolari decreto in modo da poter investire sulla sicurezza e qualità dei servizi).
Ma i sindacati esistono in questo settore?


Torna a “Riforma Distribuzione Carburanti”