GestoriCarburanti

Mercoledì, Oct 24th

Last update:12:37:44 PM GMT

Varese, benzinai infuriati in piazza 'La carta di credito è un incubo'

E-mail Stampa

VARESE "Se pagano dieci euro con la carta di credito mi rifiuto". Ironico ma significativo commento di un benzinaio, che questa mattina si è presentato davanti a Villa Recalcati per chiedere aiuto alle istituzioni insieme a una quarantina di colleghi di lavoro e sventura.

Tra le tante situazioni denunciate e che dovranno risolvere se vogliono almeno tirare a campare,  c'è quella di trovarsi con i conti in rosso per i pagamenti medio-piccoli con carte e bancomat, soprattutto se fatti con il self-service: "Dipende dal circuito, ma al netto dei costi per un pieno fino a 10-15 euro non è che ci guadagnamo poco, siamo proprio in perdita", racconta.

Eppure, sono costretti a tenersi i self-service per contratto con le compagnie, e continuano ad accettare le carte elettroniche per garantire un servizio ai loro ignari clienti, che non sanno i costi che comporta per il benzinaio. Discorso simile vale per costi e ricavi con la Crs regionale. Fa sì guadagnare qualche litro venduto, ma fa perdere parecchi soldi tra il Pos (la macchinetta che legge la scheda) che sono obbligati ad affittare e la linea telefonica che si connette continuamente.

In fin dei conti, il gestore di un impianto medio chiude il mese portandosi a casa poco più di un migliaio di euro, al costo di vincoli infiniti dettati dalle compagnie petrolifere e di rischi economici importanti dato l'onere dell'investimento a suo carico. Così, i benzinai della Faib-Confesercenti si sono mobilitati con un ordinato presidio in piazza Libertà seguito da un incontro con il prefetto Carlo Zanzi. A salire in Prefettura, una piccola delegazione guidata dal direttore dell'associazione Gianni Lucchina e dal presidente del settore dei benzinai, Paolo Longo, accompagnata dall'ex presidente della Provincia e deputato leghista Marco Reguzzoni, dal deputato democratico Daniele Marantelli e dal consigliere regionale del Pd Stefano Tosi.

"Il tema del costo del carburante è diventato un'emergenza - ha commentato Tosi all'uscita - Dobbiamo dare la possibilità di creare distributori multimarca in modo da mettere in competizione le società petrolifere, ampliare la fascia che ha diritto alla carta sconto ed estenderla al diesel". Per quanto riguarda la Regione, si occuperanno in particolare di correggere i malfunzionamenti della Crs che sono stati segnalati anche ieri.

"Non si può essere sempre sordi e ciechi alle esigenze del territorio - ha dichiarato Reguzzoni - chiediamo quindi che il Governo dica la verità su queste finte liberalizzazioni". Inoltre, ritiene necessario «riprendere e incentivare il sistema flessibile di prezzi e sconti che può portare lavoro sul nostro territorio e arginare la fuga dell'utente verso la Svizzera".

Soddisfatto dell'incontro il rappresentante della categoria Longo, pur consapevole che la loro partita si dovrà giocare a livelli più alti di quello provinciale. "Siamo assolutamente soddisfatti per la cordialità dell'accoglienza - commenta Longo - Il Prefetto ha detto che condivide e che sosterrà le nostre motivazioni anche se non è in grado di incidere. Farà da tramite tra noi e il Governo".

I benzinai chiedono di mettere davanti la liberalizzazione vera della rete e le tante problematiche della carta sconto. Adesso confidano ora nell'azione della politica. 
Francesca Manfredi

Fonte : la Provincia di Varese


Commenti (20)
  • Bernardo  - siamo un branco di i*******i!!!

    Ma dico, con tutto rispetto per la nostra categoria, siamo capaci di prendere un accordo comune? no! è questo è il risultato!!!
    bisogna togliere i pos da tutti gli impianti che ci sono in italia semplice, è passare il problema al consumatore e allo stato! qual'è il problema?

    P.s.: ho due impianti senza pos, ma non da ora già da due anni!

    quando acquisto 1000lt di carburante mi devo portare il mio misero guadagno a casa,,, non penso a nessuno!

  • Marcello Fornaro  - VAI REGUZZONI!!

    Vai Reguzzoni, fatti valere...ma sti politici da quattro soldi dove vivevano quando erano al governo?? Ora che sono all'opposizione si sono riverginati tutti!!! che schifo...Poi, scusate, quanto pagate per i pos? io pago lo 0,5% del transato...se la banca mi aumenta la commissione lo tolgo subito...

  • teo-ip

    ciao marcello guarda che il 0,5 sembrerà poco ma è tanto per tè ...soprattutto se riguarda litri erogati in fai da tè con contributo di 1,2 cent a litro..

  • Marcello Fornaro  - Contributo????

    Contributo di cosa? Sotto i 4cent di margine non si scende!!

  • luigi

    0,5 % riduce il nostro margine di 9 millesimi se è benzina e 8,5 millesimi per il gasolio i pos dovevamo restituirli alle banche qualche anno fa pero' siamo sempre in tempo se non falliamo prima

  • un collega stufo

    la commissione per le carte per noi Gestori è dello 0.645 %
    il nostro margine è ( ed è sbagliato esprimersi in percentuale perchè il nostro è un margine fisso al litro ) è del 2.75 /

    QUESTO SIGNIFICA CHE A NOI Gestori, IL PAGAMENTO CON CARTE E BANCOMAT, INCIDE PER IL 25 %

    MA CI RENDIAMO CONTO ?!?

  • Marcello Fornaro  - Errore

    Visto che il transato sul mio Pv incide per non più del 20% il costo reale è pari ad € 0,002/lt, mettendoci un bell'overprice di 0,005 per ripagare anche la bolletta il gioco è fatto...

  • Alex

    GRAZIE a TUTTI I BENZINAI DELLA PROVINCIA DI VARESE CHE SI SONO ADOPERATI PER UN INCONTRO CON IL PREFETTO GRAZIE, VI STIMO

  • Alex

    Il problema oltre la commissione di 0.5 sulle carte e 0.8 sui bancomat, BISOGNA POI AGGIUNGEE LO SCATTO ALLA TELEFONATA CHE NON E' PIU UN NUMERO VERDE, MA UN NUMERO BT ITALIA CIOE' INIZIA CON 199...

  • Fabio  - Ce lo meritiamo!!!!!!!!!!!!

    Sono pienamente d'accordo con Bernardo!!!!!!! Non riusciamo in niente perchè non siamo uniti è ora di dire basta la benzina si compra con i contanti. Conosco Gestori che oltre a far pagare con carte danno pure i punti penso che siamo arrivati alla frutta.

  • Roberto

    Non è possibile, con tutti quei veri problemi che questa categoria ha, addossare i nostri problemi alle carte di credito, problema anche risolvibile.... cominciamo con la sicurezza... ma nn la 626, furti, rapine.... non è possibile oltre avere il rischio d'impresa, avere il rischio fisico e tutto per cosa ??? 1000-1500 euro al mese ?
    la finanza che ci controlla per divertimento e ci multa NON per uno scontrino, ma perchè hai nella giacenza 1 litro di olio di differenza... il metrico si sveglia, ti controlla le pompe e ti manda la fattura della camera di commercio di 650 euro.., manco fossero i nostri gli erogatori !!! le società che ci opprimono con tutte le loro stronzate aziendali, ce le fa pagare il triplo di quello che ci costano le carte di credito e noi con la coda fra le gambe annuiamo senza manco il coraggio di guardarli negli occhi.... e ne avrai un libro da scrivere.... ma poi cosa facciamo ???? diamo la colpa alle carte di credito..... Bah !!!!!
    non siamo alla frutta..... siamo oltre..... e marcita la frutta

  • kazunori

    E' bello vedere quanti Gestori incazzati ci sono sul web pronti a spaccare tutto,io sono reduce da una mini convention Totalerg per la presentazione della nuova promozione 2012 e vi posso garantire che non un solo Gestore presente ha espresso una benche' minima lamentela dello stato in cui ci troviamo.Meditate gente meditate :roll :roll

  • donato  - precisazione

    Caro Kazunori e inutile lamentarsi se di fronte hai il tuo arc ho il responsabile marketing della tua regione perchè iltuo arc conosce bene la nostra situazione ma è pagato dalla compagnia per far finta di nulla il responsabile marketing è pagato per ipnotizzarti è farti firmare le campagne promozionali, l'occasione per lamentarci l'avremo alla grande convention ma molti di noi li civanno solo perchè è una gita gratis è l'occasione per mangiare a spese della compagnia.Anche se penso che questo anno la convention non si farà perchè loro temono che il ns disagio porti a forti contestazioni perchè siamo stanchi di sentire la belle parole di incremento del loro fatturato ma il nostro? Vuoi sapere come sono riusciti ad aumentare il loro fatturato va sul sito totalerg.it vai ad extrarete è vedrai che la ns compagnia è leader in Italia sull'extrarete. Quindi è inutile lamentarsi con persone (arc rm) che adesso vengono pagati dalle compagnie ma che anche loro come noi vedranno scomparire il loro posto di lavoro grazie alle politiche commerciali dei grandi vecchi della compagnia

  • Guido

    con tutto il rispetto per i colleghi,i problemi son ben altri,contratti margine,lavoro usurante,affitti,possibilità di competere nel mercato.......e invece ci perdiamo in un bicchiere d'acqua e le petrolifere ridono .E ora di chiudere tutti a blocchi di 3 giorni per 3,4 mesi,chiudere ora per non chiudere per sempre domani.

  • Fabio

    Roberto sono d'accordo con te ma penso che adesso parlavamo di questo problema, se dovessimo parlare di tutti i problemi insieme non basterebbero 5 ore per scrivere il tutto!!!!!!!!!!! Comunque anche Io ho partecipato ad una riunione TotalErg e ho cominciato a dire di come riescono a prelevare subito i soldi delle ricariche che effettuiamo, ma non riescono a rimborsarci gli sconti che facciamo con la stessa sollecitudine è bastato questo per scatenare l'ira di tutti. Secondo me basta una persona con le palle a far innescare la miccia poi il resto andrà da se visto che siamo veramente tutti alla frutta e come ha detto Roberto pure marcia.

  • Feddy  - xBernardo, Fornaro e tutti

    Ma è mai possibile che non vi sapete fare i conti in tasca?
    Quando qualcuno vi chiede di fare pagamento con carta da € 20,00 bisognerebbe dire NO CARTE A QUESTO IMPORTO! (La commissione del 0.5% la fanno tutte le banche e su tutte le carte, sia m.card che bancomat.) Applicate scritte su self service "NO CARTE DI CREDITO" ed oscurate l'ingresso. Da parte mia "pagamenti con carte non inferiore a €. 30.00". Se dovesse capitare di fare prima erogazione, spiegare che non ci deve essere una seconda volta. Che centra la politica o la società petrolifera in tutto questo?(Rivolto solo a qualche collega).

  • ipstation

    Da anni ho esposto 8 cartelli sparsi che non accetto bancomat/carte inferiori a € 25.00 (prima era 50.000 lire)pero' se trovi il noioso puo'chiamare tranquillamente carabinieri/finanza in quanto x legge noi siamo obbligati avendo i cartelli bancomat/cartasi a ricevere pagamenti x qualsiasi importo.
    Personalmente la maggior parte dei rompipalle(ma ultimamente stanno aumentando)hanno desistito dalla querela dopo aver parlato con i vari agenti di turno che sono stati chiamati che hanno spiegato loro la situazione comunque in 13 anni ho all'attivo 4 querele(ancora senza esito visti i tempi italiani).
    Nel self service ho disabilitato il modem da anni e se infilano il bancomat il dispaly dice : terminale non abilitato.

  • Kazunori

    Oggi ho ricevuto dal mio retista un comunicato nel quale mi dice che l'importo una tantum che noi ex Total avevamo nel vecchio contratto non sara' piu' liquidato ,(cosa che gia' sapevo)il bello e' che mi ha' allegato copia del contratto scritto e firmato dalle associazioni sindacali :eek :eek dicendomi che se mi volevo lamentare con qualcuno non era certo il retista il responsabile.io mi chiedo cosa si sono fumati quel giorno per firmare quella m...a di contratto :upset :upset :upset che ci ha solo tolto e non ci ha portato niente di niente.

  • Roberto

    Cmq, onestamente nn sono molto daccordo sugli importi minimi e vi spiego il motivo....
    le spese che io sostengo col pos bancario che ho in dotazione sono dello 0,45% sui bancomat e lo 0,50 carte di credito...
    nn pago le telefonate in quanto pagando il fisso con telecom (telefonte a n° fissi gratis pra un po' tutti li hanno) ed avendo richiesto espressamente dal Gestore POS di collegarmi ad un n° extraurbano anziche n° verdi o similari....
    per i rotolini, chiamo il n° verde della amnutenzione pos, li richiedo e me li mandano in agenzia banca....
    detto questo, se la matematica nn è un'opinione, le commissioni che pago su 10 euro saranno la decima parte precisa della commissione di un pagamento da 100 euro....
    per cui se uno fa 10 o 100 alle mie tasche come commissioni non cambia nulla
    cmq, a scanso di equivoci e siccome che nn mi voglio sentire in obbligo verso nessuni io nn ho esposto nessun cartello che reclamizzi carte di credito e bancomat.... l'unico stemma in vetrofania è il DKV per cui nn ho obblighi alcuno

  • Flavio

    A me in questo momento sono salite a 0,60 bancomat e 1,10 carte.....
    Sono al limite.
    Con i colleghi stiamo valutando sul da fare.
    Per adesso ho inserito nel prezzo un over di 0,002 che per 700mila litri di venduto fa 1400€ annui. Con questo copro le spese e ne avanzo.
    Mi difendo come posso.

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie