Domenica, Jul 22nd

Last update:04:21:33 AM GMT

Evasione Iva sulla benzina: sequestro da 13 milioni di euro

E-mail Stampa

gdf controlli irregolare autobottePIAZZAVANO carburante sottocosto ai distributori senza poi versare l'Iva. È quanto ha scoperto la guardia di finanza ravennate nel corso di un'operazione battezzata 'Black sea' e culminata con il sequestro preventivo di beni e conti per oltre 13 milioni di euro disposto dal gip forlivese.

Quattro cittadini di origine campana sono stati denunciati per omessa dichiarazione fiscale, emissione di fatture relative a operazioni inesistenti e truffa ai danni dello Stato. Il provvedimento è scattato grazie a un'articolata attività di polizia economico-finanziaria delle Fiamme Gialle della Tenenza cervese.

Secondo le verifiche, gli indagati avevano costituito a Cervia due società 'cartiere', cioè intestate a prestanome e prive della benché minima struttura aziendale la cui sede legale era stata poi trasferita in provincia di Forlì. Tali società fittizie, attraverso dichiarazioni di intento definite dagli inquirenti mendaci che attestavano la loro natura di 'esportatori abituali', acquistavano considerevoli volumi di carburante in regime di esenzione, beneficio concesso dalla normativa fiscale per coloro che acquistano beni per esportarli all'estero. Tuttavia il prodotto petrolifero non veniva poi esportato ma rivenduto in Italia a distributori stradali di benzina, circostanza che consentiva alle cartiere di incassare l'Iva poi sistematicamente non versata all'Erario.

Infatti il carburante, essendo illecitamente acquistato senza applicazione dell’IVA attraverso la false “dichiarazioni di intento”, veniva rivenduto alle pompe di benzina a prezzi notevolmente più bassi rispetto a quelli ordinariamente praticati, così concretizzando una significativa concorrenza sleale con grave danno per gli operatori commerciali del settore.“

Tali società fittizie, attraverso mendaci “dichiarazioni di intento” che attestavano falsamente la loro natura di “esportatori abituali”, acquistavano considerevoli volumi di carburante in regime di esenzione IVA, beneficio concesso dalla normativa fiscale per coloro che acquistano beni per esportarli all’estero.“

In totale le due società hanno secondo l'accusa emesso fatture per operazioni inesistenti per oltre 22 milioni di euro in due anni.

Commenti (2)
  • Max

    anche loro dal primo luglio si dovranno adeguare alla fattura elettronica? :grin :grin

  • Alex

    Non c'è da preoccuparsi, qualche collega che si espone a fatturare per loro lo trovano.
    Dalle mie parti sono anni che c'è chi vende gasolio al netto di iva.
    In un capannone della zona industriale entrano ed escono i tir come al casello autostradale.
    Purtroppo non c'è più cieco di chi non vuole vedere e più sordo di chi non vuole sentire

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie