GestoriCarburanti

Sabato, Jul 21st

Last update:04:21:33 AM GMT

Rapine ai Self Service, allarme ai distributori di Roma

E-mail Stampa

roma self rapinaSos rapine ai distributori: presi di mira i self service. Sempre più colpi di notte in periferia. Sono sempre di più le vittime delle rapine mentre si fa rifornimento la notte ai distributori di benzina self service. Le vittime: «Le telecamere non bastano» A Roma Sud in azione baby gang di rom.
Sulla Tiburtina giovane derubato e lasciato nudo

CRIMINALITÀ
Spranghe, pistole e coltelli per rapinare le prede, considerate "bancomat" da cui ottenere contanti facilmente. Sono sempre di più le vittime delle rapine mentre si fa rifornimento la notte ai distributori di benzina self service, diventati nuovi obiettivi della microcriminalità e di bande di baby gang rom. I predoni senza scrupoli sbucano sulle pia zzo le nelle consolari (Tiburtina, Prenestina e Casilina) e sulla Pontina, a ridosso del campo nomadi di Castel Romano. L'ultimo colpo è stato messo a segno nella notte tra giovedì e venerdì quando un romano di ventotto anni è stato minacciato con una pistola, rapinato, spogliato anche degli slip griffati, e abbandonato in strada nudo.

SENZA SCRUPOLI
Verso le 3 stava facendo il pieno al distributore Q8 sulla Tiburtina a ridosso del Raccordo quando un malvivente si è infilato nell'auto, lo ha costretto a risalire e a partire, poi, in una piazzo la vicina, gli ha portato via tutto: orologio, cellulare, ma anche jeans, giubbotto di pelle, maglione e biancheria intima. La fuga del rapinatore, sottoposto a sorveglianza speciale {la notte non poteva uscire) è durata poco: ieri alle 14 per M.M., 26 anni, di Frascati, già conosciuto alle forze dell'ordine, sono scattate le manette. Gli investigatori del commissariato San Basilio diretto da Agnese Cedrone, lo hanno bloccato a casa della fidanzata e ha confessato dove aveva lasciato l'auto e le chiavi. In casa sono stati trovati un cappellino e un profumo della vittima.

I NOMADI
«I distributori self service sulle consolari in periferia sono sicuramente nuovi obiettivi da monitorare» ha detto ieri Cedrone, luoghi isolati preferiti da bande di predoni senza scrupoli, I quartieri di periferia, dopotutto, sono diventati i «nuovi obiettivi sensibili» attenzionati dalla questura nel piano di sicurezza messo a punto per Natale «tenuto conto dello stato di crisi economica e disagio sociale che sta attraversando il Paese» c'è scritto nel documento. E lo sanno bene gli automobilisti della Pontina, vittime dì baby gang di nomadi di Castel Romano, uno dei cosiddetti «villaggi attrezzati» che preoccupa di più per le condizioni igieniche (molti bimbi hanno la scabbia) e per la criminalità (1.000 residenti, 15 moduli abitativi incendiati negli ultimi tempi). Proprio da quiproveniva la banda di baby gang che terrorizzava gli automobilisti che osavano fare rifornimento all'Agip sulla Pontina: 8 minorenni {dai 12 ai 16 anni), armati di spranghe hanno terrorizzato per settimane decine di persone. Appostati nelle aree verdi vicino al distributore, rapinavano gli automobilisti, rubavano le borse dai sedili o i contanti dalle mani, camuffati con parrucche colorate e maschere da Zorro. Il commissariato di Spinaceto a ottobre è riuscito a incastrare la banda che compiva colpi in stile "Arancia Meccanica" e a denunciare il gruppo di minorenni. Proprio a ottobre c'era stata l'impennata di denunce e se un'auto riusciva a fuggire ai banditi scattava la sassaiola. Un metodo simile era stato adottato da altri tre nomadi (due quindicenni e un tredicenne) sempre nei distributori sulla Pontina, a Roma Sud: anche loro provenienti da Castel Romano rapinavano gli automobilisti e rubavano le vetture. In questo caso le denunce erano partite addirittura dal luglio del 2016.

I GESTORI
I distributori di benzina la notte stanno diventano, in pratica, i luoghi perfetti per le rapine: isolati e senza controlli, trasformati in una sorta di "bancomat" dai malviventi. La situazione viene descritta «drammatica» da Alessandro Micheli, presidente di Confcommercio Giovani e gestore di diversi distributori a Roma Sud. «Sono stato vittima di due rapine a mano armata - racconta - la banda aveva colpito 16 volte in pochi mesi, alla fine i carabinieri li hanno acciuffati». Colpivano a Pomezia, ma anche sull'Ardeatina, a Roma. La notte le stazioni di servìzio sono terra dì nessuno. «I nomadi di Castel Romano fanno razzie - aggiunge - la videosorveglianza non è abbastanza, i rapinatori si camuffano, abbiamo chiesto a livello ministeriale di ridurre le commissioni per le operazioni con i bancomat. Purtroppo - conclude - i contanti attirano malviventi dì ogni genere».

Fonte: Cronaca di Roma 

Commenti (0)
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie