GestoriCarburanti

Lunedì, Dec 11th

Last update:06:49:49 AM GMT

Sparatoria a un distributore di benzina, feriti il titolare e la moglie

E-mail Stampa

tamoil curgneE' caccia ai malviventi che hanno colpito Ugo Esposito, 68 anni e Filomena, 65 all’interno della stazione di servizio della Tamoil in strada Cuorgnè a Torino . Uno dei banditi avrebbe chiesto i soldi dell'incasso all'uomo, la vittima ha reagito e l'altro ha sparato

Tre persone sono rimaste ferite, di cui due in maniera grave: si tratta del titolare dell’impianto della moglie. Il terzo è un automobilista che stava facendo rifornimento e che, a quanto pare, è scivolato a terra nel tentativo di mettersi al riparo quando è scattato il raid di fuoco.

Ugo Esposito 68 anni, il titolare del distributore, è stato colpito al fianco sinistro: il proiettile è uscito dall’emicostato posteriore destro, senza intaccare cuore e aorta ma, a quanto pare, ha seriamente lesionato la colonna vertebrale, come avrebbero verificato i medici che lo stanno operando. L’uomo, infatti, è ancora sotto i ferri al San Giovanni Bosco, dove è stato trasportato subito dopo il suo ferimento. L’intervento viene eseguito dai chirurghi addominali e toracici che hanno suturato lo stomaco, asportato la milza, chiuso un foro nel diaframma e asportato parte del lobo polmonare inferiore sinistro.

La moglie, Filomena, 65, è stata ferita invece all’avambraccio destro e all’addome. Le sue condizioni sono giudicati stabili, ma resta in prognosi riservata. Anche lei, come il marito, è stata sottoposta ad una delicata operazione da parte dei chirurghi generali e degli ortopedici dell’ospedale Maria Vittoria che hanno estratto il proiettile nell’addome e stabilizzato il braccio fratturato.

Il terzo ferito, l’automobilista che nella caduta ha rimediato, fortunatamente, solo una brutta botta, è stato medicato sul posto dagli uomini del 118. Per lui, al di là del grosso spavento e della contusione rimediata scivolando a terra, nulla di grave.

Ancora sconosciuti i motivi del folle raid che, a quanto pare, secondo le prime indiscrezioni trapelate dal lavoro degli investigatori, sarebbe legato a un tentativo di rapina finito male. Sul posto, per gli accertamenti di rito e le indagini del caso, stanno operando i carabinieri. Tocca a loro fare piena luce sull’accaduto.

I malviventi, in ogni caso, dovrebbero essere due, arrivati dal benzinaio di strada Cuorgné a bordo di un’auto bianca, sulla quale poi si sono dati alla fuga. Da una prima parziale ricostruzione sembra che uno dei due sia sceso dall’auto e, armato, si sia messo a parlare con il titolare, forse per farsi dare l’incasso. La vittima, probabilmente, ha reagito. E il rapinatore ha premuto il grilletto scatenando l’inferno di fuoco.

I carabinieri, sulle tracce dei fuggitivi, hanno disposto un piano antirapina e hanno posizionato diverse pattuglie nella zona. La caccia ai criminali continua.

Commenti (9)
  • Kazunori

    Queste sono le soddisfazioni di questo mestiere... lavoriamo per una miseria,siamo il bancomat per la malavita ,e come il Gestore in questione ( in bocca al lupo a lui e alla sua compagna) siamo sul piazzale fino a 70 anni... :upset :upset :upset :upset

  • Gig x Kazunori

    8)

    In bocca al lupo alla compagnia?? Cosa c'entra la compagnia!!

    Sei proprio un bifolco.

    ------------------------------

    Auguro al Gestore una completa guarigione.

    Auguro ai ladri e alla compagnia (sempre colpevole) di essere puniti.

  • Kazunori

    Non sai nemmeno leggere ...c******e :grin

  • Anonimo

    e chi li punisce lo stato ormai ormai a perso ilcontrollo del territorio ormai questi delinquenti fanno quello che e vogliono peccato che dei nostri problemi non si occupa nessuno auguro una pronta guarigione al Gestore e consorte

  • Anonimo

    vorrei che il sindacato invece di fregarsene desse la propria solidarieta' e non a parole

  • colloca francesco saverio  - E SE......??

    E se avesse sparato e ferito o ucciso il rapinatore ? avrebbe avuto dei guai seri per tutta la vita , paura della vendetta, persecuzione della giustizia , la piu' pesante, e soldi di avvocati a non finire con la probabilita' di richiesta di danni da parte del rapinatore o dalla famiglia. Cosi' invece saranno invalidi lui e la moglie per aver difeso il 97% dell'incasso che non gli apparteneva , tasse piu petrolio.Siamo l'unica attivita' commerciale al mondo che amministra soldi non propri.Ovviamente nessuno commenta o lotta per far rimanere in carcere i delinquenti anzi quando arrestati ci viene presentato il bollettino dei reati e degli arresti , rimessi sempre in liberta', e ancor di piu' e' strano che vengono considerati, se rimangono feriti, come infortuni sul òavoro, altrimenti perche' vengono chiesti i danni? Siamo perdenti perche' dovremmo essere tutelati , noi commercianti, almeno come i delinquenti.-

  • Anonimo

    vorrei dire che in germania un italiano solo per aver fatto casino a un manifestazione sono 4 mesi che che lo tengono in gattabuia poverino

  • Anonimo

    Adesso sara' contento il SIGNORE che diceva che a 72 anni guadagnava saltellando al distributore , si e' dimenticato che puoi finire sulla sedia a r....e pericolo enorme altro che essere contenti per il sempilce fatto di essere ancora sul piazzale.......RAT

  • Anonimo

    Capisco che era una ironia troppo raffinata per il benzinaio medio, ma mi pareva evidente che io stessi scherzando sull'assurdo limite per la pensione...

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti: